Nuovi soldi, vecchi problemi: miliardi in aiuti all’Italia: quali azioni italiane sono ancora forti e interessanti | Messaggio

di Oliver Bläske, Euro am Sonntag

UNAIl nuovo ponte autostradale di Genova dovrebbe essere aperto al traffico all’inizio di agosto. Meno di due anni dopo il crollo della vecchia struttura, in cui morirono 43 persone, un elegante ponte, progettato dall’architetto genovese Renzo Piano, ora attraversa la valle del fiume La Polcevera, densamente edificata. Ciò dimostra che l’Italia può agire in modo rapido ed efficiente. È un’Italia con un elevato surplus commerciale, un’Italia con molte aziende forti come il fornitore di energia elettrica Enel, il produttore di auto sportive Ferrari, il produttore di dolciumi. Ferrero (Nutella) e weltbnote aziende di moda come Armani.

Giovanni Mondini, a capo della locale associazione industriale Confindustria di Genova, è “orgoglioso”. Ma è anche profondamente preoccupato. Perché il governo di Roma sta discutendo da due anni su chi sarà il responsabile del ponte e della rete autostradale intorno alla città portuale stretta tra le montagne e il mare.Il premier Giuseppe Conte ha ora deciso di eliminare gradualmente i Benetton con il loro gruppo infrastrutturale Atlantia miliardi di pedaggi e nazionalizzare la società autostradale privata Autostrade per Italia (Aspi).

Lo stato delle cose, che è corresponsabile dello stato catastrofico della rete autostradale, dovrebbe ora risolvere i problemi. Al momento gli italiani ei pochi turisti stranieri sono in costante ingorgo a causa delle chiusure parziali delle autostrade liguri. Perché a fine maggio il ministero competente, Aspi, ha improvvisamente ordinato controlli severi su ponti e gallerie in difficoltà in Liguria, 50 dei quali rischiano di crollare, secondo le informazioni ufficiali.

I turisti annullano le vacanze in Liguria, la merce non arriva alle aziende. E il porto di Genova, il più grande d’Italia, fa schifo. Ciò ha gravi conseguenze, poiché Genova è il principale porto di entrata e di uscita per le regioni economicamente forti intorno a Milano e Torino.

READ  Vince Lecomte, 3 ° Marotte in Italia

È l’altra parte d’Italia, un Paese la cui infrastruttura è deteriorata da decenni, che non ha investito a sufficienza in reti in fibra ottica, autostrade e scuole, che è fortemente indebitato, ha la Il tasso di crescita più basso d’Europa, ha un alto tasso di disoccupazione e una burocrazia inefficiente e lenta. La Commissione europea prevede che il prodotto interno lordo diminuirà dell’11,2% e un tasso di disoccupazione del 12,4% nel 2020. Il debito dovrebbe scendere dal 135 al 160% e oltre.

L’Italia è stato il primo Paese dopo la Cina ed è stato particolarmente colpito dalla pandemia. Morirono circa 35.000 persone. Il sistema sanitario era completamente sovraccarico e praticamente crollato.

173 miliardi di euro per la Roma

L’Ue, che è sempre stata generosa con l’Italia, dal momento in cui entra nell’unione monetaria e poi quando rompe la disciplina fiscale, vuole aiutare con miliardi. E la Banca centrale europea (BCE) acquista quantità quasi illimitate di titoli di stato italiani. Altrimenti l’Italia sarebbe stata a lungo insolvente poiché i tassi di interesse sarebbero saliti alle stelle a causa della mancanza di fiducia nei mercati.

L’UE vuole sostenere il Paese nell’ambito del suo “piano di ripresa” con 173 miliardi di euro, di cui 82 miliardi sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto, e per la prima volta presi in prestito congiuntamente. Il presupposto è un accordo al vertice dei capi di governo dell’UE del 17-18 luglio.

L’Europa dovrebbe pagare, ma invece di sfruttare queste opportunità, i partner governativi 5-Sterne e PD stanno litigando su tutto. A causa di presunte condizioni umilianti, il governo non può nemmeno accettare un prestito a bassissimo interesse di 36 miliardi di euro dai fondi dell’UE per la riabilitazione del sistema sanitario in difficoltà.

I fondi di stimolo dell’UE devono essere utilizzati per tagli fiscali e un miscuglio di misure digitalizzazione, sugli investimenti in scuole, nuove autostrade, dighe, linee ferroviarie e reti a banda larga, aiuti al sud e molto altro ancora. Il famoso economista Carlo Cottarelli lamenta che di tutto c’è troppo e che non si dà priorità. Cottarelli teme che Conte preveda anche di stanziare 44 miliardi di euro per la nazionalizzazione. La compagnia aerea fallita Alitalia, che negli ultimi 40 anni è costata ai contribuenti dodici miliardi di euro, avrebbe ricevuto tre miliardi di euro.

READ  Coronavirus: oltre 1.200 nuovi contagi in Italia

Aumento delle inadempienze di pagamento

I “parsimoniosi quattro”, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia e Austria, sono allarmati. Temono che i fondi vengano sprecati. I controlli sono necessari perché le promesse di riforma non sono mai state mantenute in passato e gli aiuti devono essere rimborsati. Anche l’Italia dà una cattiva immagine dell’attuazione delle direttive europee. La Direttiva sui servizi (Direttiva Bolkestein), che, ad esempio, bandisce gare per concessioni di lido, non è mai stata attuata, né le norme di sicurezza per ponti e gallerie autostradali o requisiti di bilancio. L’Italia non ha nemmeno potuto attingere ai fondi strutturali e regionali dell’UE.

Organizzazioni criminali come la mafia e la camorra si sono posizionate e, secondo l’autorità anticorruzione, riceveranno gran parte della benedizione in contanti. Anche l’abbassamento dell’età pensionabile, deciso due anni fa, e il reddito di base costoso e inefficiente sono una spina nel fianco dei critici. Per Carlo Bonomi, nuovo capo dell’associazione industriale Confindustria, l’azione del governo è peggiore della crisi Corona. Non è nemmeno in grado di garantire che gli aiuti di liquidità alle imprese e le indennità di disoccupazione parziale siano corrisposti ai dipendenti. L’Italia non ha utilizzato il contesto dei bassi tassi di interesse per le riforme e la riduzione del debito. Il governo rifiuta una tassa sul patrimonio, sebbene gli italiani siano molto più ricchi pro capite dei tedeschi.

Gli economisti si aspettano un’ondata di fallimenti in autunno. Lo specialista bancario Stefano Caselli, professore alla famosa Università Bocconi di Milano, teme che ciò possa diffondersi alle banche con un enorme aumento dei default. Le istituzioni hanno ancora il doppio di crediti inesigibili nei loro bilanci rispetto alla media europea.

READ  la dolce vita dei velocisti italiani, medaglia d'oro della staffetta 4x100 metri

Cancelliere Angela Merkel vuole impedire alla terza economia più grande di Eurozona L’Europa sta facendo a pezzi l’Orcus e quindi promette aiuti generosi. Ma l’Italia è semplicemente troppo grande per essere sostenuta permanentemente dall’Europa.


INFO INVESTITORI

Pezzo unico

Anche se l’Italia è in ritardo sul piano economico, ci sono alcune società che stanno evitando il trend negativo. Ciò include la compagnia energetica Enel, che, grazie alla sua incursione nel settore delle energie rinnovabili, è uno dei beniamini degli investitori. Anche se Ferrari in ritardo nella Formula 1, il produttore di auto sportive è sulla strada del successo in borsa. È anche consigliato Exor, la holding della famiglia Agnelli / Elkann. È uno dei principali azionisti di Fiat Chrysler, Ferrari e CNH Industrial, nonché del nuovo gigante automobilistico di Peugeot Citroën e Fiat Chrysler.

Importante per gli investitori che desiderano investire in azioni individuali: l’Italia riscuote una ritenuta alla fonte del 26% sui dividendi distribuiti dalle società italiane. La banca depositaria tedesca ha solo il 15%. Gli investitori possono recuperare il restante undici per cento dalle autorità fiscali italiane. Ma è un processo lungo.

Con CS Italy Equity Fund gli investitori si affidano al mercato italiano e all’esperienza dei gestori di fondi. Negli ultimi dieci anni, hanno ottenuto un rendimento medio del sei percento all’anno. Le posizioni più importanti in portafoglio sono attualmente Enel, Intesa Sanpaolo, Eni, Exor e Ferrari.



Altre notizie su Eni SpA

Fonti di immagini: MattiaATH / Shutterstock.com, bakdc / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *