Al confine tra Creuse e Indre, il circo Bidon aspetta di trovare il suo pubblico!

Dopo un anno senza spettacolo, il circo Bidon vuole rimettersi in viaggio. Questo circo itinerante è molto atipico: in estate viaggia con una dozzina di cavalli, che trainano rimorchi. Questo equipaggio, composto da sedici persone, va di città in città, in Francia e in Italia, per fare le sue rappresentazioni. Purtroppo nel 2020 tutti gli spettacoli sono stati cancellati a causa del coronavirus.

Da diversi mesi è dunque il circo Bidon fermo, nella sua residenza invernale, a Vigoulant, vicino a Tercillat, al confine tra Creuse e Indre. È lì che abbiamo incontrato François Rauline, detto “François Bidon”, uno dei fondatori del circo. Sta attivamente preparando il tour del 2021.

Tour in Italia del 2021 incerto

La residenza invernale del circo Bidon è un grazioso casale in pietra. I rimorchi colorati sono conservati sotto l’hangar. Nella sua cucina, François Bidon studia le mappe IGN: “quando organizzi un tour, ogni 20 o 25 km, hai bisogno di un posto dove fermarti per fare spettacoli. Se sono più di 25 km, ci vogliono due giorni per fare il viaggio con i cavalli“.

François Bidon sta preparando un tour a Berry nel caso in cui il tour in Italia non possa essere fatto. © Radio France
Camille André

In teoria, il tour 2021 è già organizzato: Il circo deve andare in una residenza artistica nella regione di Parigi ad aprile. In estate dovrebbe continuare un tour in Italia, quindi torna a il Nord-Creuse.

Ma François Bidon inizia ad avere dubbi “Se non possiamo andare in Italia, perché è iniziata male con l’epidemia, ho organizzato un tour a Berry“. Il settantenne preferisce avere un piano B perché ai suoi occhi “devi assolutamente andare di nuovo in tour“. Questo itinerario a Berry potrebbe portare a La Chatre, Lignières, Sancerre o anche Bourges.

READ  500mila a livello nazionale

Il circo scava in profondità

Senza uno spettacolo nel 2020, il circo non ha ricevuto soldi. Tuttavia, dobbiamo continuare a nutrire e prenderci cura dei cavalli. Ciò causa dei costi.

Fortunatamente, quando siamo stati in Italia due anni fa, abbiamo lavorato molto bene, dice François Bidon, Là, il circo è pieno ogni giorno. Non riusciamo nemmeno a far entrare tutti. Quindi finanziariamente eravamo un po ‘avanti

I quattro dipendenti del circo ricevono l’80% della disoccupazione. I 12 intermittenti dello spettacolo sono sostenuti dallo Stato. “Dovrebbe durare fino alla primavera, ma se non torniamo al lavoro non so come faremo“, preoccupa François Bidon.

In 50 anni il circo Bidon “ne ha visti altri”

Con la sua lunga barba bianca e la pelle segnata dalle intemperie, il settantenne non è il suo primo colpo. Si relativizza, pensando agli inizi difficili del circo Bidon: “Sono in viaggio da oltre 50 anni. Il circo Bidon, era senza fondi: non avevo soldi

Ero senza casa, abbiamo costruito tutto: i rimorchi, le tribune, la pista … Niente panico. Ho conosciuto mille volte peggio

François Bidon ricorda anche gli inverni in cui lavoravanelle strade pedonali per guadagnare quattro centesimi e poter mangiare. All’epoca non avevamo una sovvenzione. Adesso siamo ancora aiutati, abbiamo la disoccupazione “.

Il circo deve ancora aspettare alcuni mesi invernali. Se tutto va bene dovrebbe riprendere le prove in aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *