Nove alternative a WhatsApp per evitare l’isolamento dal mondo esterno quando il servizio è inattivo

Vi presentiamo diverse applicazioni di messaggistica che svolgono la stessa funzione della famosa “app” che ieri ha smesso di funzionare per sei ore con Facebook e Instagram

Milioni di persone in tutto il mondo
Sono stati trattenuti in incommunicado lunedì per più di sei ore dopo che WhatsApp è caduto insieme a Facebook e Instagram. Sì, puoi chiamare per telefono, ma usare un’app di messaggistica istantanea non è la stessa cosa. Pertanto, presentiamo alcune alternative a una delle applicazioni più utilizzate in Spagna.

cavo

Una delle alternative più popolari, in particolare anche per l’implementazione della crittografia end-to-end in WhatsApp. Oltre alla sicurezza, le sue principali risorse sono la velocità; Conversazioni segrete, con messaggi che scompaiono dopo il tempo che stabiliamo; Pacchetti di adesivi e l’uso di bot, che consentono le funzioni più diverse: creare un sondaggio, inserire una gif, trovare un prodotto su Amazon…

Telegram ha app per iOS, Android, Windows Phone, FireFox OS, Windows, macOS, Linux e versioni web. Tutti sono perfettamente sincronizzati tra loro.

Hangout

La copertina di Google è Hangouts, un’app di messaggistica apparsa nel 2013 e completamente integrata nell’ecosistema del gigante di Internet. Non sorprende che sia preinstallato sulla maggior parte degli smartphone Android, garantendo un’ampia base di utenti. Tra le sue funzioni troviamo l’invio di SMS, chiamate vocali e video su Internet, con un massimo di 25 interlocutori contemporaneamente.

Hangouts è disponibile anche per dispositivi iOS, in una versione web (utilizzando un’estensione di Chrome) e collegata alla nostra casella di posta Gmail.

Linea

Con 200 milioni di utenti, LINE è l’app di messaggistica istantanea più utilizzata in Giappone. Ha infatti superato un fenomeno mediatico aprendo negozi di merchandising in tutto il mondo (incluso Times Square). Offre videochiamate fino a 200 utenti; Infiniti giochi di figurine per ammazzare il tempo e la cronologia nello stile dei social network, in cui possiamo scoprire i nostri contatti.

LINE è disponibile su iOS, Android, BlackBerry, Symbian, Windows, macOS e FireFox OS.

Segnale

Come Telegram, Signal è un impegno innegabile per la sicurezza delle nostre comunicazioni: i messaggi non vengono archiviati sui server dell’azienda e le informazioni vengono trasmesse in forma crittografata end-to-end. Anche qui possiamo abilitare le chat di gruppo, effettuare videochiamate, programmare la distruzione dei messaggi… Certo, questo potrebbe essere un po’ meno per chi vuole aggiungere pupazzi alle proprie conversazioni. Inoltre non ha una grande base di utenti, quindi spetterà a noi convincere i nostri parenti delle sue virtù.

Signal ha versioni per iOS, Android, Google Chrome, Windows, macOS e Linux.

trema

Sviluppato in Svizzera con l’obiettivo che le informazioni trasmesse lascino il minor numero possibile di tracce, solo l’elenco dei contatti è memorizzato sul nostro telefono e tutte le chat possono essere protette da password. A peggiorare le cose, Threema non ha bisogno di un numero di telefono: ogni utente ha una password di 8 cifre come identificatore. Per curiosità, ha la possibilità di contrassegnare ogni messaggio con un tag “mi piace” o “non mi piace”.

Threema è offerto per iOS, Android e Windows Phone, anche se a pagamento (3,49 euro).

filo

Insieme alle solite applicazioni di messaggistica, Wire ci permette di condividere lo schermo del telefono con un altro utente o in un gruppo, con un massimo di 10 interlocutori. Un altro vantaggio è lo scambio di file indipendentemente dal loro formato (accetta anche il meno comune), ottimizzato per occupare il minor spazio di archiviazione possibile. E attenzione, perché possiamo accedere a 8 dispositivi contemporaneamente.

Wire è gratuito nella sua versione non commerciale. Fornisce versioni per iOS, Android, Windows, macOS, Linux e browser.

Nel

Rendendosi conto che Hangouts è in ritardo rispetto ai suoi concorrenti in termini di funzionalità ed estetica, Google ha lanciato l’app “Allo” che ha più opzioni di personalizzazione. Le chat diventano vibranti grazie a sussurri o messaggi ad alta voce; Possiamo programmare risposte automatiche e far partecipare l’Assistente Google a qualsiasi conversazione, dandoci consigli sul miglior ristorante o destinazione di vacanza.

Allo è disponibile per dispositivi iOS e Android, anche se Google ha “interrotto” il suo sviluppo, qualunque cosa significhi.

Wechat

Abbiamo colpito il gigante della messaggistica istantanea in Cina, con 600 milioni di utenti. Alcune delle sue caratteristiche sono la scansione di codici per aggiungere contatti; identificare gli utenti (conosciuti o sconosciuti) intorno a noi; Gruppi fino a 500 utenti e la possibilità di scollegare il nostro numero di telefono dall’app. Questa “applicazione” diventata negli ultimi tempi un vero e proprio strumento polivalente per acquistare biglietti, ordinare un taxi e prendere una visita medica…

WeChat non è popolare in Occidente, ma è stato rilasciato per una miriade di piattaforme: iOS, Android, BlackBerry, Windows Phone, Symbian, Windows e macOS.

Skype

Chiudiamo con il classico. L’applicazione desktop con cui molti genitori hanno avviato una conversazione con i propri figli, si trova dall’altra parte del globo. Non per niente le videochiamate sottotitolate, quando gli interlocutori non condividono una lingua, sono diventate la loro principale richiesta. Naturalmente possiamo anche inviare messaggi, foto, video e file (fino a 300 MB).

Uno strumento collaborativo eccezionale, con app per Windows, macOS, Linux, iOS, Blackberry, Windows Phone, Android… e l’ultima console di Microsoft (la società di proprietà).

READ  Sorpresa del 2021 ... Microsoft prevede di rinnovare l'aspetto del sistema operativo "Windows"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *