Notizie scientifiche a piccole dosi

Notizie scientifiche a piccole dosi

Pochi milligrammi di tutte le notizie scientifiche della settimana.


Essere consapevoli dell’impatto dell’esplorazione mineraria sui mammiferi marini

Gli scienziati avvertono in uno studio pubblicato su Frontiere nelle scienze marine. Secondo i ricercatori delle Università di Exeter (Regno Unito), dell’Oregon State (USA) e del Greenpeace Research Laboratory, questi mammiferi rischiano di essere particolarmente colpiti dall’inquinamento acustico derivante dalle attività minerarie sottomarine. Queste attività probabilmente producono una gamma di rumori con frequenze simili a quelle utilizzate da questi animali per la comunicazione. Gli scienziati sottolineano che i cetacei sono molto sensibili ai disturbi vocali, soprattutto durante le immersioni.

un test

Notizie scientifiche a piccole dosi

Foto di Thomas Mokoya, archivi Reuters

I bambini piccoli somali sono più suscettibili alla disidratazione.

Quanti bambini sono morti di siccità in Somalia?

Questa è la cruda domanda a cui risponde un recente rapporto del governo somalo. Si stima che la siccità del paese abbia causato altri 43.000 morti nel 2022, metà dei quali bambini di età inferiore ai cinque anni. Nei primi sei mesi del 2023, lo studio somalo afferma di prevedere altri 34.000 morti. Il rapporto è stato prodotto in collaborazione con i ricercatori della London School of Hygiene & Tropical Medicine e dell’University College London (Imperial College London).

il numero

Immagini Wikipedia

Una formica che si muove su una gamba.

20 milioni di miliardi

Questo è il numero di formiche sulla terra stimato da un team di ricercatori dell’Università di Würzburg, in Germania. Questo numero è molto più alto rispetto alle stime precedenti, che erano comprese tra 1 e 10 milioni di trilioni di formiche. Venti milioni di trilioni significano che ci sono 2,5 milioni di formiche per ogni essere umano sul pianeta. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze.

Più spazi verdi per combattere l’ansia ambientale

FOTO FOTO FRANK AUGSTEIN, ARCHIVI ASSOCIATI

Richmond Park a Londra, Regno Unito

Se la preoccupazione ambientale cresce sempre di più, soprattutto tra i giovani, sembra che la mancanza di accesso agli spazi verdi sia un fattore critico che influisce sull’umore della popolazione. Questo sembra riferirsi ai risultati di un sondaggio condotto dal Woodland Trust, un’organizzazione non governativa (ONG) dedicata alla protezione delle foreste. Sette giovani britannici su dieci hanno dichiarato di essere preoccupati per le questioni ambientali, ma l’86% di loro ha affermato che trovarsi in un ambiente naturale ha avuto un effetto positivo sulla propria salute mentale. Secondo il Woodland Trust, la copertura forestale nel Regno Unito è una delle più basse tra i paesi europei. L’organizzazione si batte affinché tutti i cittadini abbiano accesso a spazi verdi entro 15 minuti a piedi dalle loro case entro il 2030.

READ  La luna potrebbe anche essere responsabile del riscaldamento globale della Terra

Barriere coralline: specie in declino

Schmidt Image Contour Institute, archivio Reuters

Barriere coralline in Australia

Un recente studio pubblicato sulla rivista Nature indica che le specie di barriera corallina in Australia sono in forte declino natura. I ricercatori dell’Università della Tasmania hanno registrato 1.057 specie e hanno scoperto che il 57% di esse ha subito un calo della popolazione negli ultimi anni. Ancora peggio, 300 di queste specie sono diminuite così rapidamente che ora dovrebbero essere considerate una specie in via di estinzione, secondo gli scienziati. Va notato che il 28% delle specie valutate ha subito un calo del numero di almeno il 30% in meno di 10 anni. Il riscaldamento e l’acidificazione degli oceani sono tra le principali cause di questo deterioramento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *