non esisterà una lista unica della destra italiana – EURACTIV.fr

non esisterà una lista unica della destra italiana – EURACTIV.fr

I partiti politici di centrodestra al potere in Italia hanno dichiarato martedì (31 ottobre) che non presenteranno una lista comune alle elezioni europee del 2024, nonostante la loro alleanza a livello nazionale.

Fratelli d’Italia, membro del gruppo parlamentare Conservatori e Riformisti Europei (CRE); Forza Italia, deputato del Partito popolare europeo (PPE); e il partito di estrema destra Lega, membro di Identità e Democrazia (ID), sono tutti e tre i partiti della coalizione di governo italiana.

Tuttavia, questa alleanza nazionale non si ripeterà alle prossime elezioni europee. “Non c’è alcuna possibilità che questo modello venga riprodotto in Italia. Con Lega e Forza Italia abbiamo un’alleanza di governo forte e stabile, ma alle elezioni europee ognuno si presenterà con la propria lista”ha dichiarato all’eurodeputato di Euractiv Carlo Fidanza, capo della delegazione del partito Fratelli d’Italia, di cui fa parte Giorgia Meloni, primo ministro italiano.

COME precedentemente segnalato da EURACTIVil partito Fratelli d’Italia della Meloni aspira a costruire “percorsi comuni” con i partiti di centrodestra in Europa per ottenere una maggioranza di destra al Parlamento europeo, senza fare una lista congiunta con i suoi alleati.

Secondo Carlo Fidanza devono restare distinti “con le loro identità e le loro specificità di cui sono gelosamente custodi”.

Ma un’alleanza tra i gruppi CRE e PPE al Parlamento europeo non sarebbe sufficiente per formare una maggioranza, anche con il sostegno dell’estrema destra europea.

Secondo un rappresentante del PPE, per aspirare alla cooperazione con il suo gruppo, i partiti devono essere europeisti, pro-stato di diritto e pro-Ucraina – condizioni che sono state recentemente soddisfatte da Fratelli d’Italia, ma solo parzialmente dalla Lega, che ha ancora posizioni euroscettiche.

READ  Il Portogallo ha battuto l'Italia a Euro U19

Altri partiti membri del CRE sembrano non soddisfare i tre criteri elencati. È il caso in particolare del partito polacco Diritto e Giustizia (PiS), accusato di danneggiare il funzionamento del sistema giudiziario e la libertà dei media in Polonia.

Tuttavia, la sconfitta del PiS alle ultime elezioni nazionali non avrebbe conseguenze dirette per il gruppo CRE, presieduto dalla Meloni, ha aggiunto Fidanza.

“Il PiS resta un pilastro importante della nostra famiglia politica con cui condividiamo l’obiettivo di costruire una zona conservatrice ancora più ampia a partire dalle prossime elezioni europee», ha detto Fidanza a Euractiv.

“Nessun governo polacco ha mai vinto un terzo mandato e, dopo otto anni di governo ininterrotto, è normale riscontrare una certa stanchezza da parte degli elettori, soprattutto in anni particolarmente difficili. Vedremo se Tusk riuscirà a formare una coalizione di governo solida: una cosa è unirsi per demonizzare l’avversario, un’altra governare”Ha aggiunto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *