Muffa della melma esplosiva per l’esperimento della Stazione Spaziale Internazionale

Siamo una famiglia: i campioni di blob vengono tagliati dallo stesso singolo organismo cellulare che si espande senza divisione.

Gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale sono pronti ad accogliere un ospite insolito, poiché Blob verrà lanciato in orbita martedì.


Un alieno sul suo pianeta, un organismo inclassificabile – né un pesce né un uccello. Inoltre non è vegetale, animale o fungino.

In quanto tale, Physarum polycephalum – un tipo di muffa appiccicosa – ha affascinato a lungo gli scienziati e ora farà parte di un esperimento unico condotto contemporaneamente da astronauti a centinaia di chilometri sopra la Terra e centinaia di migliaia di studenti delle scuole francesi.

La muffa appiccicosa è apparsa per la prima volta sulla Terra circa 500 milioni di anni fa e sfida la biologia convenzionale perché è costituita da una singola cellula con più nuclei.

Mentre la maggior parte degli organismi cresce e si riproduce attraverso la divisione e la riproduzione cellule, non Visarum polycephalum.

“Esso singola cella “Cresce senza mai dividersi”, spiega Pierre Ferrand, professore di scienze della Terra e della vita distaccato presso l’agenzia spaziale francese CNES, una delle persone dietro il progetto.

Un’altra stranezza: “Quando la maggior parte degli organismi si accontenta di due specie, Blob ne ha più di 720. È un organismo ‘a cassetto’ che ci dice che la vita è composta da più specie”, dice.

Pierre Ferrand dell'Agenzia spaziale francese spiega che Blob è

Pierre Ferrand dell’Agenzia spaziale francese spiega che un Blob è “una singola cellula che cresce senza dividersi affatto”.

Cosa può fare una singola cellula

Una massa gialla, spugnosa, muffa appiccicosa manca di bocca, gambe o cervello.

Tuttavia, nonostante questi apparenti difetti, la muffa mangia, cresce e si muove – anche se molto lentamente – e ha incredibili capacità di apprendimento.

Poiché il DNA Blob fluttua liberamente all’interno delle sue pareti cellulari – piuttosto che contenuto all’interno di un nucleo – può “abbandonare” i pezzi di se stesso a piacimento.

Può anche entrare in uno stato dormiente per essiccazione, chiamato “indurimento”.

E ci sono molti pezzi solidi che intraprenderanno il loro viaggio a bordo di una nave da carico per fare rifornimento alla Stazione Spaziale Internazionale.

Quando vengono reidratati a settembre, quattro degli sclerozi, ciascuno delle dimensioni di un’unghia mignolo medio, si risveglieranno dal loro letargo nei letti delle piastre di Petri.

I campioni – entrambi tagliati dalla stessa “cella originale” (che gli scienziati hanno descritto come LU352) – sarebbero soggetti a due protocolli: uno dei quali priverebbe alcune sub-macchie di cibo. Altri potranno immergersi in a risorse alimentariPorridge di farina d’avena.

Lo specialista di blob Audrey Dutur afferma:

“Sarei curioso di vedere se si evolverebbe formando piedistalli”, afferma lo specialista di Blob Audrey Dessator.

L’obiettivo è notare gli effetti dell’assenza di gravità su questo organismo – ma come a esperienza educativa, un gigantesco esperimento scolastico che raggiunge lo spazio. Non sono previsti articoli scientifici come parte del progetto della missione.

“Nessuno sa quale sarà il suo comportamento in un ambiente di microgravità: in che direzione si muoverà? Prenderà la terza dimensione salendo verso l’alto o lateralmente?” chiede Veran.

“Sarei curioso di vedere se si evolverebbe attraverso la formazione di peduncoli”, afferma Audrey Dessoutour, specialista di Blob, direttrice del Centro di ricerca sulla cognizione animale di Tolosa.

Nel frattempo, sulla Terra, migliaia di campioni tagliati dello stesso ceppo LU352 saranno distribuiti a circa 4.500 scuole e college in Francia.

“Più di 350.000 studenti ‘toccheranno’ il punto”, afferma Kristen Koresher, che dirige il programma educativo dell’agenzia spaziale.

Alla fine di questo mese, gli insegnanti riceveranno dei kit contenenti da tre a cinque indurenti.

Quando le divisioni dei punti nello spazio verranno ripristinate, anche i loro gruppi saranno idratati a terra.

Le note inizieranno quindi a confrontare le differenze nel funzionamento dei campioni Vuoto Sono adattati a quelli sulla Terra, il che può far luce su questioni fondamentali che circondano i mattoni fondamentali della vita.


Incontra la nuova stella dello zoo di Parigi “le blob”


© 2021 AFP

la citazione: macchie nello spazio: la muffa melmosa esplode per l’esperimento ISS (2021, 10 agosto) Estratto il 10 agosto 2021 da https://phys.org/news/2021-08-blobs-space-slime-mold-blast .html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  immagine. Un cielo dai colori incredibili, vi spieghiamo il fenomeno che fa arrossare il paesaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *