“Molto marginale”, il ruolo dell’anidride carbonica nel riscaldamento globale?

“Molto marginale”, il ruolo dell’anidride carbonica nel riscaldamento globale?

fatti

In realtà è stato un economista, non uno scienziato del clima, a scrivere Il testo in questione, apparso a marzo sul sito web dell'Istituto di ricerca per la demografia aziendale (IREDE), dove, per quanto ne so, non esiste alcuna competenza in scienze del clima. L'autore fa molte affermazioni palesemente false, citando fonti spesso del tutto screditate, ma concentriamoci sulla sua tesi principale.

In sostanza, dice che sulla Terra c'è sempre stato un effetto serra, dovuto ad alcuni gas che compongono la sua atmosfera. Questo è vero, e una buona prova è che sulla Luna, che riceve tanta energia dal Sole quanto la Terra, ma non ha atmosfera, Temperatura media -23°C. Grazie al riscaldamento atmosferico, la temperatura media del nostro pianeta è di circa 15 gradi Celsius.

Anche il testo che mi ha fornito il signor Beaudry utilizza misurazioni satellitari per sostenere che l'anidride carbonica è responsabile solo del 10% della radiazione infrarossa proveniente dalla Terra, la maggior parte della quale proviene dal vapore acqueo e dalle nuvole. Ciò indicherebbe che l’anidride carbonica non può spiegare più del 10% degli effetti totali del riscaldamento globale prevalenti sul pianeta, e il testo conclude che l’anidride carbonica quindi non può spiegare l’attuale riscaldamento globale, o potrebbe spiegarne solo una piccola parte.

Tuttavia, la realtà è un po’ più complicata di così.

La base fattuale di questo ragionamento non è sbagliata, nel senso che è vero che il vapore acqueo è il principale gas serra sulla Terra. Possiamo discutere sui numeri esatti, citando ad esempio A Studio classico che ha concluso nel 2010 che il vapore acqueo rappresenta il 50% del riscaldamento globale totale, le nuvole un altro 25% e l’anidride carbonica il 20% (il restante 5% è dovuto a un gruppo di gas con effetti minori), ma il punto rimane sostanzialmente vero: effetto totale Il riscaldamento globale è causato principalmente dal vapore acqueo.

READ  Impressionante scala gigantesca, quasi delle dimensioni di un pianeta, "si avvicina" alla Terra

Tuttavia, il vapore acqueo non può essere la causa dell’aumento della temperatura che osserviamo da 200 anni. Non può accumularsi nell'aria, almeno non a lungo termine, per il semplice motivo che dopo un certo punto cade sotto forma di pioggia.

“Per prima cosa, il ciclo dell’acqua è molto veloce”, spiega Christopher McRae, scienziato del clima presso l’Uranus Consortium. Il vapore acqueo trascorre generalmente solo pochi giorni nell'atmosfera prima di ritirarsi sotto forma di pioggia. Ma l’anidride carbonica può rimanere nell’aria per centinaia di anni prima di essere assorbita dagli oceani o da altri serbatoi di carbonio.

Inoltre, aggiunge McRae, “l’umanità non distribuisce più quantità di acqua nell’aria maggiori di prima. Ma il carbonio, sì.

L'elemento mancante nel testo dell'IREDE è proprio questo: l'anidride carbonica può accumularsi e si accumula nell'atmosfera. Dalle circa 280 parti per milione (ppm) dell'inizio della Rivoluzione Industriale, attorno al 1800, la sua concentrazione nell'aria è oggi di circa Circa 420 ppm.

“Se c'è più anidride carbonica, aumenta il riscaldamento globale e dobbiamo essere più caldi. Se fa più caldo, c'è più evaporazione, che aggiunge più vapore acqueo all'aria e aumenta il riscaldamento globale.”

Christopher McRae, scienziato del clima presso la Uranus Union

Poiché l’anidride carbonica è responsabile solo di una parte relativamente piccola del riscaldamento globale totale, questo aumento da solo non spiega tutto il riscaldamento osservato. Ma è proprio questo che funge da 'punto di partenza' o 'prime driver', per così dire, e mette in moto tutta una serie di effetti che altrimenti non si sarebbero verificati e che portano all'amplificazione del riscaldamento globale dovuto alla stessa CO2 . Anche i fisici e gli scienziati del clima li hanno chiamati “circuiti di feedback positivi”.

READ  L'esistenza di una quasiparticella "demone" prevista 70 anni fa è confermata dalla scienza

Ad esempio, McRae spiega: “Esiste un circuito di vapore acqueo perché se c'è più anidride carbonica, aumenta l'effetto serra e abbiamo bisogno di più calore. Se fa più caldo, c'è più evaporazione, che aggiunge “Più vapore acqueo l’aria aumenta l’effetto serra.(…) Con ogni temperatura aggiuntiva, la quantità di vapore nell’aria aumenta di circa il 7%.”

Un altro esempio di questo feedback innescato dall’anidride carbonica: un clima più caldo significa anche inverni più brevi e miti, con una copertura nevosa meno estesa e che dura meno. Tuttavia, poiché la neve riflette circa la metà dell’energia solare nello spazio, la perdita del manto nevoso consente a più energia solare di rimanere in superficie, amplificando l’effetto iniziale dell’anidride carbonica.

È lo stesso principio dello scioglimento del permafrost artico, che rilascia enormi quantità di metano (un altro importante gas serra).

Per misurare correttamente il ruolo della CO2, è necessario tenere conto di questi effetti indiretti. Questo è ciò che fa il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC, la principale autorità in materia). secondo Il suo ultimo rapportoI gas serra emessi dall’uomo a partire dal 19° secolo hanno un effetto di riscaldamento complessivo di circa 1,5°C, di cui poco più della metà (0,8°C) è attribuibile all’anidride carbonica. Includendo l’effetto raffreddante di altri inquinanti che bloccano la luce solare, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici stima che il clima di oggi sia 1,1°C più caldo rispetto a due secoli fa, di cui 1,07°C causati dalle attività umane.

Giudizio

forgiato. A dire il vero, l’anidride carbonica non è il principale gas serra nell’atmosfera terrestre, bensì il vapore acqueo. Ma a differenza del vapore acqueo, l’anidride carbonica può accumularsi nell’aria a lungo termine. Tenendo conto dei suoi effetti indiretti che amplificano l’effetto serra, è chiaro che l’anidride carbonica di origine antropica è la causa principale dell’attuale riscaldamento globale.

READ  Impianto per la prima volta di embrioni di topo artificiale completi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *