Messaggio e segreti della scomparsa del fuggitivo Elias Mazarakis

Una lettera scritta da Elias Mazarakis, fuggitivo di 59 anni, una ventina di anni fa, in cui si afferma che quando è stato detenuto nelle carceri di Alekarnassus, ha ottenuto documenti falsi per vivere liberamente, nonché con altri documenti di identità, al vaglio dei funzionari di EL.AS.

Le autorità stanno indagando sul suo potenziale sistema di aiuti durante i suoi 23 anni di scomparsa (dall’agosto 1997).

Immobiliare: aumentano i prezzi di vendita e di affitto aziendale

Elias Mazarakis, accusato di quattro omicidi – nel 1985 di due suoi parenti stretti a Corfù e nel 1997 dell’imprenditore George Nicolaidis e del suo collega Solas Calatakis a Sisi Grammatico – è morto una settimana prima per cause patologiche ippocratiche. .

Nell’ospedale dove è apparso sotto lo pseudonimo di “Tsiolas”, è stato chiamato un avvocato di Athena su suggerimento della ragazza di 59 anni – poco prima della sua morte – che ha dichiarato di essere stata a conoscenza del defunto, aggiungendo che lo aveva visto dal 1996 quando è stato trasferito. Cinque giorni di ferie dopo la prima condanna per l’omicidio dei suoi parenti nel 1985.

Dove si nascondeva Elias Mazarakis, 59 anni

Ulteriori indagini hanno rivelato che il 59enne ha vissuto negli ultimi due anni in un appartamento al piano terra in via Felicario a N. Smyrny, dove è apparso come “Apostolos Filippo”, mentre annunciava di essere un investitore nel settore marittimo e che la sua famiglia vive in Italia.

Infatti, secondo alcune testimonianze, avrebbe affermato che un avvocato gli stava portando dei soldi, e non si sa chi fosse, così come altre due o tre persone che lo avrebbero incontrato.

READ  Regas - Ambizioni e visione ideale

EL.AS concentra la sua attenzione sui risultati della casa, del computer e del cellulare del 59enne per trovare eventuali assistenti.

Mazarakis ha studiato medicina in Italia – per questo è stato definito un “medico” – e ha vissuto ad Ambilocibi in costante contatto con la madre, morta nel 2005.

Infatti, in tribunale per l’omicidio di due suoi parenti anziani a Corfù, ha affermato di “averli uccisi perché le vittime hanno violato gli interessi di sua madre e l’hanno trattata male”.

“Trucchi” dai suoi soci

Elias Mazarakis è stato coinvolto nell’omicidio dell’uomo d’affari e del suo collega nel 1997 – in un processo di estorsione e presa di ostaggi – dopo averlo incontrato nella prigione di Alekarnassus, con un “padrino” che era attivo nella periferia nord di Atene e aveva un ruolo di leadership in questo piano criminale.

Secondo la polizia, “Forse il criminale in questione ha trovato in Mazarakis il reclutamento del partner ideale per assisterlo nelle sue trame criminali”.

Infatti, secondo le informazioni precedenti l’omicidio di Nikolaidis-Kalataki, Mazarakis ha fatto il suo “regalo” in controversie penali in Attica vendendo protezione.

Vittime di George Nikolaides e Sula Kalataki / Credito fotografico: anikolouli.gr

Per diversi mesi ci sono state false valutazioni sull’identità del “dottore”, che ha accennato al suo coinvolgimento nel caso di duplice omicidio a Sisi Grammaticus, senza conoscere i suoi veri dettagli.

Infine, “Vima tis Kyriakis” ha rivelato la sua identità nel maggio 1998, sulla base delle relative indagini della polizia greca. Tuttavia, non è stato riconosciuto.

L’accusa ha quindi ricevuto informazioni secondo cui altri membri dell’episodio avevano “trasferito” artificialmente la responsabilità e descritto il “medico” come l’unico autore naturale del brutale omicidio, aiutandolo a fuggire dal paese poche settimane dopo il crimine in modo che le accuse non potessero trovare risposta.

READ  Italia: il tribunale amministrativo italiano si è pronunciato a favore di Vivendi

Nuove rivelazioni su Mazarakis

Secondo le stesse informazioni, a gennaio o febbraio, Mazarakis partì per i Paesi Bassi e poi per il Sud America, molto probabilmente Caracas, in Venezuela. Secondo un altro scenario, Mazarakis si stava nascondendo in Grecia, il che è apparso vero almeno negli ultimi anni.

Durante l’indagine giudiziaria sul caso Nicolaidis-Kalataki, ha inviato una lettera in cui affermava di vivere sotto false identità, aggiungendo: “Le do una parola d’onore che non ho assolutamente nulla a che fare con la morte di queste due persone”.

Durante il processo nel 2002 per l’accusa di duplice omicidio, sua madre, Elias Mazarakis, è stata violentemente richiesta di estradizione, cosa che i giudici gli chiedevano costantemente dove si trovasse suo figlio, lasciando dubbi sulla sua conoscenza del suo piano di fuga.

Per queste pressioni sulla madre di Elias Mazarakis, c’è stata una protesta legale dell’avvocato, comparso pochi giorni fa a Ipocratio e che ha avuto modo di conoscerlo.

La Russia e la Turchia si sono avvicinate al … nemico comune

Seguire Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *