In Italia la crescita è diminuita a metà strada e la produzione industriale

È diventata rapidamente una triste abitudine. Giovedì 13 febbraio, la Commissione Europea ha nuovamente rivisto al ribasso le previsioni di crescita per l’Italia nel 2020, contando ora su un aumento del PIL di appena lo 0,3% (contro lo 0,4%). In precedenza). Per il 2021, anche la previsione è stata abbassata di 0,1 punti, che è leggermente migliore: l’economia del Paese dovrebbe crescere solo dello 0,6%.

Lontano dal solito top di stagione che è Malta (4%) o l’Irlanda (3,6%), anche l’Italia è dietro alla Francia e persino alla Germania, ma sta vivendo un rallentamento molto evidente. Con un’aspettativa del -1,1%, le prime due economie dell’Eurozona non sono forti, ma sembrano fare molto meglio del loro vicino alpino. Nel documento pubblicato giovedì, la commissione ha precisato che, per quanto riguarda l’Italia, “Resta evidente il rischio di un ulteriore calo delle prospettive di crescita”.

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche Come l’Italia è diventata il malato d’Europa

Invitato dalla stampa d’oltralpe a rispondere a questa recessione permanente, il nuovo commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni, l’ex premier italiano, non ha cercato di nascondere la sua preoccupazione: “Vedere l’Italia rinunciare alla Lanterna Rossa non è il mio obiettivo aziendale, ma senza dubbio mi renderà molto felice”. Lui ha acconsetito.

Un grande saldo del debito

Queste scarse prospettive per il 2020 derivano da una serie di modeste statistiche macroeconomiche, annunciate nei giorni scorsi: nel quarto trimestre del 2019 l’attività si è contratta dello 0,3%, che è il peggior risultato trimestrale dal 2013. Anche la produzione industriale, abituale punto di forza del Paese, ha subito un rallentamento. L’Istituto Nazionale di Statistica (Istat) ha annunciato lunedì 10 febbraio che la produzione industriale è diminuita nel 2019 dell’1,3%, il primo calo dal 2014.

READ  Eurozona: di nuovo in agenda la riduzione del disavanzo fiscale

Mentre la scorsa estate è stato salutato un cambio di governo, la cacciata di Matteo Salvini e l’adozione di una linea più europeista come miglior modo per riavviare la macchina, tornare sulla Terra è difficile. “ È molto semplice, tutti i presidenti che ho incontrato sono pessimisti, e questa è la prima volta che incontro un tale consenso “. E così scivola un buon osservatore dell’ambiente imprenditoriale milanese. In effetti, sembra che anche le regioni più prospere del nord del paese siano state colpite da questa recessione.

Hai il 45,83% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *