Mercoledì il satellite europeo ERS-2 si disintegrerà quasi completamente nell'atmosfera

Mercoledì il satellite europeo ERS-2 si disintegrerà quasi completamente nell'atmosfera

Questa è la fine di questo equipaggiamento che ha completato la sua missione nel 2011. Alcuni frammenti dovrebbero ancora cadere al suolo, con una possibilità molto piccola di ferire una persona a terra.

pubblicato


Tempo di lettura: 2 minuti

Il satellite per l'osservazione della Terra ESR-2 ha completato la sua missione nel 2011. (ESA)

Fine degli applausi. Secondo le ultime previsioni dell'Agenzia spaziale europea, mercoledì il satellite europeo ERS-2 brucerà quasi completamente nell'atmosfera. pubblicato Lunedì 19 febbraio. La conclusione di una lunga carriera, avendo portato a termine la missione di osservazione della Terra tredici anni fa. Il processo di fallout sul nostro pianeta, molto raro all'ESA, è stato avviato nel 2011 per evitare la distruzione accidentale di questo oggetto in orbita a causa della dispersione di detriti pericolosi per i satelliti attivi e per la Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Il Centro europeo per le operazioni spaziali (ESOC) dell'ESA prevede il ritorno definitivo del satellite nella bassa atmosfera mercoledì alle 11:14 GMT (12:14 ora di Parigi), con un margine di incertezza di più o meno 15 ore. . Questo margine, che prima era ancora di circa 48 ore a settimana, si spiega con il fatto che la macchina cade in modo naturale, solo per la forza di gravità, e non in modo diretto. Pertanto, attraversa gli strati superiori dell'atmosfera, il che rallenta in qualche modo la sua discesa e rende anche difficile prevedere dove potrebbero cadere alcuni dei suoi detriti.

Una cinquantina di chili per il pezzo più grande

Si prevede che la maggior parte delle 2,3 tonnellate dell'ERS-2 brucerà quando raggiungerà gli strati inferiori dell'atmosfera mercoledì, ad un'altitudine di circa 80 chilometri. “Si stima che la parte più grande del satellite che può raggiungere la Terra sia di 52 kg”.Lo ha detto Henri Lore, della direzione dell'Osservazione della Terra dell'Agenzia spaziale europea. Secondo un blog dell’ESA dedicato alla missione, la possibilità che uno di questi detriti colpisca una persona sulla Terra è inferiore a una su 100 miliardi. In altre parole, il rischio per l’uomo è 65.000 inferiore al rischio di essere colpiti da un fulmine.

READ  A Ren c'è una mostra per imparare tutto sull'intelligenza della vita... e sulla tua intelligenza

Il satellite ERS-2 dell'Agenzia spaziale europea ritornerà nell'atmosfera terrestre nel febbraio 2024. (ESA)

In media, un oggetto con una massa simile a ERS-2 termina i suoi giorni nell’atmosfera una o due settimane, secondo l’Agenzia spaziale europea. Nei suoi ultimi giorni nello spazio il satellite sarà monitorato dall'ESOC, insieme a partner istituzionali europei, tedeschi e americani.

ERS-2, un satellite pionieristico per l'osservazione della Terra, è stato lanciato nel 1995 ed è stato posizionato ad un'altitudine di circa 800 km. Nel 2011, al termine della sua missione, l'Agenzia spaziale europea lo ha riportato indietro di circa 500 chilometri, per poi scendere naturalmente e gradualmente verso la Terra in soli 13 anni, invece dei 100-200 anni che avrebbe impiegato. necessario se rimane alla sua altezza iniziale. Poiché erano privati ​​della loro energia interna (carburante, batterie, ecc.), presentavano notevoli rischi di esplosione e formazione di detriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *