La Stonehenge di 9.000 anni sul fondo del lago Michigan incuriosisce gli scienziati

La Stonehenge di 9.000 anni sul fondo del lago Michigan incuriosisce gli scienziati
Stonehenge
© Creative Commons

Nel profondo del lago Michigan, gli archeologi hanno scoperto misteriose strutture sottomarine che potrebbero avere origini preistoriche. Questo ritrovamento archeologico ricorda il famoso sito storico di Stonehenge in Inghilterra, e suscita molta curiosità.

Struttura simile a Stonehenge

Il lago Michigan è uno dei cinque grandi laghi del Nord America ed è uno specchio d'acqua in cui sono stati ritrovati molti relitti di barche e automobili. Ma la vastità di questo lago nasconde molti segreti e i relitti di navi non sono le uniche scoperte scoperte lì. A Grand Traverse Bay, un braccio del Lago Michigan sulla sponda occidentale della penisola inferiore del Michigan, gli archeologi sottomarini hanno scoperto una misteriosa struttura sottomarina preistorica.

Gli archeologi stavano cercando altri relitti quando scoprirono la struttura che aveva una forte somiglianza visiva con il sito storico di Stonehenge in Inghilterra. Infatti la struttura sottomarina presenta un anello esterno di pietre di circa 12 metri di diametro, ed un anello interno di circa 6 metri di diametro. Le pietre che componevano la struttura erano tutte di granito locale. La struttura si trova a circa 12 metri sotto la superficie dell'acqua e le pietre hanno circa 9.000 anni.

In altre parole, è una delle strutture più antiche mai scoperte nel Nord America, ma è anche più vecchia di Stonehenge di circa 4.000 anni. Secondo gli esperti in quel periodo il fondo del lago era asciutto. Così la struttura soprannominata “ Lascia la corsia di guida 45 “, non è stato sempre sommerso. In effetti, un tempo faceva parte del corridoio di terraferma che collegava il Michigan e l'Ontario prima di essere sommerso dalle acque alte circa 6.000 anni fa.

READ  Ramadan nello spazio: come affronta il digiuno un astronauta musulmano?

La scoperta cambia la comprensione dei primi esseri umani nel Nord America

Ciò solleva molti interrogativi sull'origine della struttura e sul suo antico utilizzo. Da notare che la scoperta di questo sito non è proprio recente, poiché è stato scoperto per caso nel 2007 da un team di archeologi subacquei guidati da Mark Holley, professore di archeologia subacquea al Northwestern Michigan College. Da allora, lui e altri esperti hanno condotto ricerche più approfondite sulla struttura. Indipendentemente da ciò, gli studi sul sito rimangono molto limitati, poiché la maggior parte degli esperti non sono necessariamente subacquei addestrati, il che complica ulteriormente il processo di verifica del sito.

Le ricerche finora condotte hanno permesso di avanzare diverse ipotesi su questo argomento. In particolare, la teoria prevalente suggerisce che potrebbe essere stato un antico sito cerimoniale utilizzato dalle prime società di cacciatori-raccoglitori. Un’altra teoria spesso menzionata suggerisce anche che il sito sia stato costruito per proteggere le comunità umane dagli animali selvatici. Anche se nulla è ancora certo, gli esperti concordano sul fatto che la scoperta di questo sito sfida la credenza tradizionale secondo cui i primi esseri umani nel Nord America non erano in grado di creare strutture così complesse.

Inoltre, ecco 11 luoghi antichi che erano considerati veri e propri stargate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *