Materiali, luce, energia: quando l’architettura scommette sul minimalismo

Materiali, luce, energia: quando l’architettura scommette sul minimalismo

La casa è uscita da terra la scorsa primavera vicino a Ravenna in Italia. Mai questa espressione è stata così appropriata. Perché questo improbabile tugurio, la cui forma evoca due piccoli bozzoli contigui, è stato eretto con la terra estratta in cantiere. Mescolato con altri materiali argillosi, fungeva da pasta per la macchina da stampa 3D che era responsabile del montaggio. Il connubio tra materia prima e tecnologia moderna al servizio di un… habitat ecologico. L’impatto carbonio dei lavori, durati solo 200 ore, è quasi nullo. Mentre le pareti, spesse con struttura a nido d’ape, offrono ottime qualità isolanti.

Purezza portata all’estremo

Ma è esteticamente che il risultato è il più “bluffante”. E soprattutto dentro. La luce zenitale che proviene da due grandi oblò posti in altezza, accentua il rilievo delle striature lasciate dai successivi strati di terra depositati dalla macchina. A parte un piccolo albero che si arrampica verso la luce dell’oblò, non c’è quasi nulla. Un po’ come in una grotta. Il letto e il lavabo sono posti su un supporto in legno appoggiato direttamente sulla struttura in terra fusa alle pareti. Purezza spinta all’estremo. Eppure da questo habitat emerge un’impressione rassicurante, quasi calda.

Progettato dall’architetto Mario Cucinella, fondatore della Scuola di Sostenibilità, in collaborazione con Wasp, leader italiano nella stampa 3D, questo prototipo di padiglione, che vanta una forma “onesta e sincera”, prefigura l’abitare e la decorazione di domani? Viene scavato un solco.

Una nuova fonte di creatività

In effetti, più che mai, le singole case cercano di ridurre il loro impatto sull’ambiente. E non solo per le normative che glielo impongono. L’argomento è diventato particolarmente stimolante agli occhi di molti futuri proprietari. Bioclimatico, a basso consumo, passivo, energia positiva… il livello di performance ricercato può essere molto variabile. Ma molti architetti sfruttano questi vincoli per farne una fonte di creatività. “Questo tipo di habitat favorisce l’emergere di nuove forme costruttive che spesso inducono, a loro volta, un nuovo modo di investire nel proprio spazio abitativo”, assicura l’architetto e designer Patrick Nadeau.

READ  Google lancia Showcase per desktop

Casa a forma di onda disegnata da Patrick Nadeau. Il suo tetto verde fornisce un efficiente isolamento termico.STUDIO PATRICK NADEAU

Gli esempi di risultati sorprendenti abbondano. Proprio quest’ultimo ha costruito una casa sperimentale, vicino a Reims, a forma di onda, con un tetto verde che trattiene il calore in inverno e ne impedisce la diffusione eccessiva in estate. In un altro genere, Koen Vandewalle, un suo collega belga, ha avuto l’idea di inserire l’unità abitativa in una serra molto grande che la racchiude e le offre uno spazio conviviale con un orto. . Più vicino a casa, una coppia di architetti, Damien e Stéphanie Gallet, hanno osato combinare un edificio molto contemporaneo, una sorta di grande struttura allungata, aperta su entrambi i lati, con un isolamento fatto di…paglia.

Democratizzare l’accesso

Questo tipo di costruzione, che rivendica sia qualità ecologiche che una forte inclinazione estetica, non è più riservata ai grandi budget. Nuove agenzie, come Popup House o Ôzento, cercano di democratizzare l’accesso. Per fare questo, le due aziende hanno scommesso sul modello prefabbricato. Gli elementi del telaio sono progettati in fabbrica e assemblati in loco in tempi record. Per un risultato che non ha nulla da invidiare a certe case di architetti.

Grazie alla loro struttura in legno e al loro isolamento in fibra compattata della stessa origine, le case Popup House presentano standard almeno di “basso consumo”. “Per quanto riguarda una cucina Ikea, forniamo ai nostri clienti un software con cui ognuno può disegnare i propri piani”, afferma l’amministratore delegato Nicolas Iweins. Lanciata nel 2014, l’azienda ha già costruito quasi 600 case.

READ  Italia | Berlusconi: l'eterno ritorno?

Molto più recente, l’offerta Ôzento offre una decina di modelli tra 25 e 150 m2 con un catalogo di opzioni. Dall’accumulo di energia prodotta dai pannelli solari al recupero e trattamento delle acque mediante fitodepurazione. Posizionato su palafitte, il telaio ha un ingombro molto ridotto. Può essere smontato e completamente riciclato. Il suo stile è probabilmente ancora più acuto. “Lo abbiamo progettato come un loft panoramico immerso nella natura”, spiega il designer Antoine Fritsch, co-fondatore dell’agenzia Fritsch-Durisotti e Ôzento. Infatti quasi il 50% della superficie della casa è vetrata. Ciò significa orientarlo a sud e dotarlo di filtri solari.

Riprendendo “l’idea di frugalità”

L’apertura del telaio verso l’esterno è una costante in tutte queste realizzazioni. “Possiamo così indurre un’impressione di profondità”, assicura Mathieu Gallet. “Abbinato all’ottimizzazione degli spazi, permette anche di offrire superfici più ridotte e quindi limitare il consumo di materiali”. Nel migliore dei casi, l’interno è visto come il prolungamento del giardino che lo penetra e lo anima.

Questo approccio favorisce habitat più spogli. “Sentiamo meno la necessità di ingombrare gli spazi, di esagerare in modo decorativo”, sottolinea Antoine Fritsch. In breve, risuonano con l’idea di frugalità alla base del modello di costruzione ecologica.

Ovviamente, le finiture di pareti, pavimenti e soffitto sono trattate con lo stesso spirito. “Spesso suggeriamo di lasciare a vista le materie prime o le strutture”, dice Damien Gallet. Ma la tendenza è anche verso le fibre naturali o di origine biologica. “Non abbiamo lo stesso rapporto emotivo con un rivestimento in PVC o legno”, dice Antoine Fritsch. L’origine dei materiali ha un senso.

Un rivestimento di piante e fiori secchi

Bambù, feltro, canapa, sughero, plastiche di origine biologica, a base di canna da zucchero o amido di mais… Lungi dall’essere utilizzate solo per mobili o accessori, queste fibre sono ormai sempre più utilizzate nella composizione di pavimenti o imbottiti. Tra le ultime proposte ricevute da Patrick Nadeau, un rivestimento a base di piante e fiori essiccati compressi, che si applica come carta da parati e, in un altro genere, un intonaco misto a scarti edili che gli conferisce un aspetto granitico. “Ma anche una semplice vernice a base di alghe può contribuire alla bellezza percepita di un interno”, assicura questo architetto e designer. O ancora, le striature di un muro di mattoni, come nel “padiglione del bozzolo” a Ravenna. Più che mai, la decorazione diventa una questione di simboli e fantasia!

READ  Mondiali 2023. La Francia si qualificherebbe ai quarti di finale se...: tutti gli scenari possibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *