Marna. Alla scoperta della lingua di Dante: l’italiano si insegna a Montmirail

Sonia Pinto, tutti i sorrisi d’Italia. (© LPB)

Siediti con Sonia pinto, è entrare in un viaggio. Basta ascoltarlo per tuffarsi in un viaggio ai nostri vicini del sud-est. Il suo accento affascinante è sufficiente per ricordarti le vacanze in Venezia, Roma, Palermo o Firenze. Un viaggio a Italia per visitare architettura, arte e assaporare i ricchi cibo italiano.

Come nel sud Italia, a Putignano

Se, naturalmente, il nome della città di Bari è più noto, proviene dalla vicina città di Putignano che arriva Sonia.

Putignano è un comune della regione di Puglia, nella parte alta del tacco dello stivale d’Italia. Una bella cittadina con più di 25.000 abitanti, ricca di una cultura tipica del sud Italia, a 1.770 km da Montmirail. A pochi chilometri dal mare Adriatico, Putignano è la città per eccellenza della tradizione italiana.

Alla scoperta di un paese storico

Ovviamente Sonia non parla solo di Putignano anche se scopriamo con gioia questo ballo tradizionale che si fa sotto un sole cocente sorseggiando un vino locale.

Naturalmente il suo cuore torna alla sua regione natale, ma non dimentica tutte le altre meravigliose regioni d’Italia.

Sonia vi racconterebbe dei suoi studi a Roma, ma anche del suo amore per Firenze, città legata alla Francia dalla famiglia Medici che produsse due regine di Francia.

L’Italia è anche Venezia ei suoi canali, le sue maschere e la sua eterna Piazza San Marco. È Roma con la sua basilica centenaria, dimora del vescovo bianco, papa Francesco. È anche tutto il fascino delle regioni del formaggio come in Francia e dei vini.

READ  Covid, Iss: la situazione in Italia sta migliorando, ma Rt ancora maggiore di 1 in 12 regioni | I casi cadono in Europa

“Impara una lingua, una cultura, una tradizione”

Una cultura che attraversa tutti i sensi. Il gusto per questa cucina deliziosa e spesso ingiustamente ridotta a pasta e pizza, la vista con queste opere d’arte e costruzioni mozzafiato, il naso con quei profumi particolari di prosciutti e formaggi e l’orecchio con la “Aaaa” quel rotolo e questi suoni che finiscono in ” una “ e “O”. E poi queste mani che parlano come se alla bocca mancassero le parole.

È questa l’Italia che Sonia Pinto insegna ai suoi studenti a Montmirail che sono pieni di lodi.

“Sen era Messer Corvo su un albero”

“Sen stava messer Corvo sopra un albero”… Si potrebbe pensare che questo sia l’inizio di una ricetta, quando è molto più sottile di così. Sonia vuole insegnare l’italiano ai suoi studenti, ma lo fa in modo molto locale se osiamo dire che perché gli amanti della lingua italiana avranno riconosciuto la prima frase di un autore francese locale. Ma sì, è Jean de la Fontaine e questa prima frase: “Maestro Corvo su un albero appollaiato…”

“Sai”, dice Sonia con il suo meraviglioso accento italiano che suona come musica, “ci sono autori francesi che suonano benissimo in italiano. Così ho trovato divertente prendere Jean de la Fontaine e riprodurre le sue favole in italiano con gli alunni. Li diverte terribilmente. Leggiamo i testi registrandoli per riascoltarli e correggere l’accento o la pronuncia. È un metodo che è popolare e funziona bene. “

La carota di fine anno, il viaggio in Italia

Sicuramente Sonia tiene dei corsi, ma questi non dovrebbero essere usati solo per vedere i film italiani o per guardare la Rai in televisione. Quando si parla italiano, anche agli inizi, si viaggia in Italia.

READ  Nella Svizzera italiana, incontra gli abitanti della Val Bavona, questa valle senza tempo

Ed è quello che Sonia ha già presentato a una dozzina di suoi studenti quando sono partiti per l’Italia qualche anno fa.

A Firenze hanno potuto confrontarsi con la popolazione e mettere in pratica tutto quello che avevano imparato a Montmirail.

Corsi adattati alla pandemia

Purtroppo, per il momento, né viaggi né lezioni frontali. Tutto accade sullo schermo e Sonia si è adattata. Ma il divertimento e le risate sono ancora lì. Niente cambia. Presto spera di poter ritrovare gli studenti in un’aula e riprendere il ciclo di questi corsi che non mancano di attirare gli amanti dell’Italia.

Nel frattempo, nulla vieta di iniziare a seguire i primi corsi e di unirsi a tutti questi studenti il ​​cui livello continua ad aumentare.

Quando l’insegnante è bravo, la lezione si impara in fretta, dicono.

Informazioni: ELC 03 26 81 58 21 – o al 07 87 37 85 41.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *