Madre Barbara tiene conferenze su scienza, religione e lavoro umanitario

Foto: divulgazione

Questo mercoledì (22) gli studenti dalla nona alla terza media della scuola secondaria del Colégio Madre Bárbara hanno partecipato a due lezioni speciali. Al mattino, il professore, ricercatore e coordinatore di TheoLab, Tiago Garros, ha parlato ai giovani di scienza x religione e nel pomeriggio, il coordinatore del progetto di MSF Samuel Johan ha parlato del lavoro umanitario in altri contesti del mondo sul tema “Ragione e Compassione, un viaggio umano.

Madre Barbara Professore di Filosofia e Religione, David Orling, sottolinea che l’istituzione ha molti fronti di azione, ricerca e azione, con una visione comune e a tutto tondo della scienza, della compassione, del risveglio della solidarietà e dell’impegno morale, e andando avanti per un. Responsabilità, è la mission del Network ICM. “Le due lezioni hanno presentato gli aspetti che sono stati affrontati per far sapere allo studente come agire razionalmente, ma affrontarli con compassione, perché la mente non risponde a tutti i bisogni umani”, ha detto.

Secondo Orling, in filosofia, molti hanno sospettato che solo la ragione possa rispondere, ma l’uomo è empatia e ha bisogno di connettersi, guardare l’altro e sapere che il mondo funziona in uno spirito cooperativo.

“Il nostro spirito di collaborazione è essenziale per noi per ottenere una vita migliore e perché la nostra conoscenza sia radicata nella vita umana e non misurata da ciò che il denaro può comprare. In entrambi i discorsi, i nostri studenti hanno ricevuto un po’ di più di quanto la scuola si è impegnata a fare, che hanno bisogno di sapere che l’altro è importante, che la vita ne vale la pena e che il supporto non è un capriccio, è una sfida e una necessità”, dice quando dice. È che se tutti escono dalla bolla, si guardano l’un l’altro e lo fanno in modo razionale e compassionevole, il mondo può cambiare.

READ  La scoperta di resti e strutture archeologiche durante i lavori di preparazione di Salé

Incontri di pensiero e apprendimento

Alla fine degli incontri, gli studenti sono partiti con un bagaglio in più per le loro decisioni di vita. Il professor Thiago ha parlato ai giovani di religione e scienza, spiegando che c’è una narrativa corrente nella società secondo cui gli scienziati non possono credere in Dio, così come nella Chiesa c’è un certo scetticismo nei confronti della scienza.

“Ho parlato di questa percezione errata e non supporta la visione storica e attuale della ricerca empirica che mostra che la maggior parte degli studiosi è religiosa e ha più fede del pubblico in generale”, dice Tiago, dopo la presentazione perché in pratica, è più complesso di quanto pensi, e c’è molta più cooperazione e interazione tra scienza e religione.

“Molti studiosi erano cristiani e credevano di scoprire attraverso la scienza il mondo di Dio Creatore. Credo che i giovani possano cambiare questa generazione in modo che sappiano che molto di ciò che stanno diffondendo sono miti e sciocchezze di qualcuno che l’ha detto, e la maggior parte di loro non torna mai indietro per scoprire che non è vero”, afferma.

Il discorso del coordinatore del progetto, Samuel Johan, di MSF, ha segnato anche la giornata, in luoghi di conflitti armati, epidemie, disastri sociali e ambientali, malnutrizione e dove ci sono difficoltà croniche nell’accesso all’assistenza sanitaria. In qualità di coordinatore, ha un ruolo nello sviluppo delle strategie pratiche, nell’analisi dei bisogni, nel coordinamento dei team medici, logistici e amministrativi, nonché nella rappresentanza esterna all’organizzazione. Negli ultimi sette anni, ha trascorso gran parte del suo tempo viaggiando in paesi dell’Africa e dell’Asia, cercando aiuto in ogni modo possibile.

READ  È stata creata la mappa più dettagliata dei buchi neri

Samuel di Lajeado ha parlato agli studenti del lavoro umanitario in altri contesti in tutto il mondo in modo che potessero conoscere il lavoro svolto dall’organizzazione. “Nella mia esperienza, ho cercato di ispirarli a perseguire il lavoro umanitario come opzione di carriera. Molte persone di parte credono che il lavoro umanitario dovrebbe essere volontario, ma non deve esserlo. Ho parlato di rompere la bolla e la tendenza a vivere nella nostra realtà e penso che lo sia.”

Johan ha invitato gli studenti a conoscere ciò che sta accadendo nel mondo e in altri paesi, nei conflitti e nelle tragedie e da ciò, creare consapevolezza, cambiare la loro visione e posizionarsi in un modo più umano. AI/VM



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *