Gli astronomi osservano l’universo da molto tempo e ovviamente fanno anche previsioni. Uno degli ultimi pacchetti scientifici è diventato molto grande.

L’astronomia è molto diversa dagli altri campi scientifici in quanto i ricercatori hanno a disposizione un solo campione da studiare. Né possono confrontare i dati con qualsiasi altra cosa. Quindi gli esperti eseguono spesso simulazioni che possono anche fornire risposte su come si comporta la materia oscura che costituisce gran parte dell’universo.

Una delle ultime simulazioni si chiama Uchuu: A universo oggi Secondo il sistema informatico, è composto da 2,1 trilioni di elementi e rappresenta una parte con un diametro di 9,6 miliardi di anni luce dell’universo, risalente a 13 miliardi di anni (!).

Sono stati utilizzati più di 40.000 centri di calcolo per creare la simulazione, creando l’universo virtuale in un totale di 20 milioni di ore. Il pacchetto di dati risultante era di 3 petabyte (un petabyte equivale a un totale di 1.000.000 GB), ma il “pacchetto” è stato infine compresso a 100 TB. Naturalmente, questo è anche un volume enorme per un normale computer, ma è molto più consumabile. Lo spazio di archiviazione, d’altra parte, non è nemmeno economico: la versione da 100 TB di Nimbus Exadrive costa $ 40.000, o circa. Costa 12 milioni di fiorini.

La simulazione Uchuu è disponibile anche online, dati e altre cose interessanti cliccando qui può essere sfogliato.

READ  Gli scienziati hanno trovato un modo per produrre carburante dall'aria marziana: lo stesso principio è utilizzato da TKS

Se vuoi sapere qualcosa su cose simili, ti può piacere Pagina Facebook di HVG Tech.



Il numero di comitati editoriali indipendenti dal potere è in costante calo e quelli che esistono ancora stanno cercando di rimanere a galla sotto crescenti venti contrari. In HVG perseveriamo e non cediamo mai alle pressioni, portando ogni giorno notizie locali e internazionali.

Ecco perché chiediamo a voi, nostri lettori, di sostenerci! Promettiamo di continuare a darti il ​​meglio che possiamo!

Realizzata da fisici italiani, una scoperta rivoluzionaria potrebbe aiutarci a capire come funziona l'universo


hvg.huTecnica

I ricercatori sono stati in grado di trovare prove per un’ipotesi che esiste dagli anni ’30 secondo cui i neutrini, che sono anche responsabili dell’esistenza di una certa materia oscura, provengono dalle stelle.

Il 70% dell'universo potrebbe essere al di fuori di questo, ma non possiamo nemmeno immaginare come potrebbe essere


Evan Bidohvg360

Cercano molto l’energia oscura, anche se potrebbero non esserlo. Abbiamo chiesto a Zsolt Frei, direttore dell’Istituto di Fisica dell’Università Eötvös Loránd, dei dilemmi dei fisici, parlando di una recente sensazione scientifica galattica.