Macron dice di condividere il punto di vista di Meloni sull’urgenza della situazione in Tunisia

Macron dice di condividere il punto di vista di Meloni sull’urgenza della situazione in Tunisia

// auto_nbsp ($contenuto, $echo); ?>

21-06-2023

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che Francia e Italia condividono una visione comune sull’urgenza della situazione e il desiderio di raggiungere un accordo effettivo in attesa di progressi con il Fondo monetario internazionale.

Nel corso di una conferenza stampa congiunta con la presidente del Consiglio italiano, Giorgia Meloni, ieri, martedì 20 giugno, durante la sua visita a Parigi, Macron ha indicato che “nelle ultime settimane ha avuto modo di scambiare più volte con il presidente Said dopo il visita. È andata a Djerba qualche mese fa. Sono stato in Tunisia due volte nelle ultime settimane”.

Emmanuel Macron, il cui Paese ospiterà giovedì e venerdì il vertice “per un nuovo accordo finanziario globale”, A cui parteciperà il presidente Qais SaeedE Ha detto di condividere con Meloni il desiderio comune dei due Paesi per una politica mediterranea più ambiziosa, al fine di rafforzare i legami tra le due sponde in termini di cultura, clima, biodiversità ed energia, ma anche politica migratoria ed economia. .

Sul tema dell’immigrazione, “viviamo ancora tragedie nel Mediterraneo. Dobbiamo essere in grado di regolamentare l’asilo e la migrazione in Europa in modo più efficace aderendo ai nostri valori”, ha affermato l’inquilino dell’Eliseo, chiedendo un continuo “coordinamento e un buon lavoro tra i due Paesi”. paesi di origine e di transito per evitare deflussi”.

Vogliamo rafforzare il controllo delle nostre frontiere esterne. L’Italia è uno di questi come il primo paese ad entrare per la prima volta. Ripeto qui che non esiste una buona politica di immigrazione in Europa, se non esiste una politica coerente per proteggere i nostri confini comuni.

READ  Volodymyr Zelensky ringrazia la Svizzera per la Conferenza di Lugano sulla ricostruzione - rts.ch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *