Lockdown: “Lock” nella vita notturna dei vaccini – Cosa fare con le scuole e la vendita al dettaglio

I dati epidemiologici degli ultimi giorni sembrano mettere “freno” ai pensieri del governo sulla presentazione immediata di una tabella di marcia per uscire dal sistema di blocco.

Deve essere certo che il paese estenderà il “blocco” globale per almeno un’altra settimana, fino al 14 dicembre, con annunci rilevanti attesi oggi, molto probabilmente da un portavoce del governo, o domani, venerdì.

Pertanto, sembra che la tabella di marcia per rimuovere il blocco, che presenterà il Primo Ministro, stia andando indietro, poiché è prevista nel tempo in cui ci sarà un quadro solido per fermare l’escalation dell’ondata pandemica.

Ciò non è avvenuto anche mercoledì, quando i dati epidemiologici annunciati dall’Organizzazione Nazionale della Sanità Pubblica (EODY) hanno confermato il recupero dell’indice dei nuovi casi, rimasto sopra il 2000, mentre si è registrato un aumento del numero di pazienti intubati, con anche i decessi rimasti ad alti livelli.

Inoltre, il fatto che il ritmo di congestione nelle unità ospedaliere rimanga lento riduce qualsiasi margine di manovra, poiché i dipendenti del governo sembrano disposti ad accontentarsi di passi lenti per riprendere la vita quotidiana, ha detto Kyriakos Mitsotakis ai leader del forum.

Infine bar e intrattenimento: vendita al dettaglio a condizioni

Il Primo Ministro ha chiarito che alcune attività non devono avere successo fino a quando non si ottengono le vaccinazioni, come l’intrattenimento notturno.

“Spero che staremo più attenti quando usciremo dal secondo blocco. Ma ancora una volta, questo potrebbe significare che devi spendere per queste operazioni. Ad esempio intrattenimento notturno, bar e intrattenimento di mezzanotte. Le persone non possono affollarsi nei bar finché non arriviamo”. Vaccini. “

READ  Philippe Villain ti invita a viaggiare in Italia

Ha anche indicato che “forse ad un certo punto saremo in grado di aprire ristoranti con un’adeguata distanza sociale”. “Stiamo anche pensando di aprire alla vendita al dettaglio, ma alcune restrizioni si applicheranno fino al vaccino”.

Tuttavia, secondo le informazioni pervenute finora, i negozi stagionali, i piccoli dettaglianti e i parrucchieri sono i primi della lista ad aprire nei prossimi giorni. Non è infatti esclusa l’apertura della prima di lunedì 7 dicembre, in vista delle festività.

“L’epidemia finirà quando avremo il vaccino e quando inizierà la vaccinazione”, ha detto Kyriakos Mitsotakis nella sua dichiarazione, definendo il quadro per il ruolo che il vaccino svolgerà nel ritorno alla “normalità”, oltre al calendario per quello. .

Per scuole chiuse

Allo stesso tempo, convergono tutte le informazioni che le scuole non apriranno prima dell’inizio del nuovo anno.

Le scuole rimarranno chiuse fino a quando gli esperti dicono, ha detto Kyriakos Mitsotakis al World Leaders Forum. “L’epidemia è un catalizzatore drammatico per il cambiamento”. Il primo ministro ha sottolineato: “Stiamo affrontando efficacemente la seconda ondata, ma ci stiamo muovendo in modo aggressivo con le riforme che abbiamo pianificato, senza perdere tempo”.

Riferendosi all’e-learning, ha sottolineato che “un anno fa non credevamo che ogni semestre, dall’asilo all’università, sarebbe stato eseguito elettronicamente”. Ha ringraziato gli studenti e gli insegnanti che hanno adottato l’iniziativa e ha concluso dicendo: “Terremo le scuole chiuse per tutto il tempo che ci dicono gli esperti, ma quando torneremo all’educazione fisica, sapremo che ora abbiamo le infrastrutture per l’educazione digitale”.

Tuttavia, la riunione odierna del comitato per le malattie infettive è cruciale, al termine della quale seguirà il briefing del primo ministro Kyriakos Mitsotakis. Gli specialisti in malattie infettive sono estremamente cauti nel sollevare gradualmente le procedure, mentre ci sono dubbi sull’apertura delle scuole.

READ  Andaman: terrazza nei colori del tramonto, estate in città - Ristoranti

La maggior parte di loro sostiene che nemmeno le scuole primarie dovrebbero aprire subito. Al contrario, hanno indicato che l’apertura delle scuole in tutte le sue fasi dovrebbe avvenire dopo la celebrazione delle “luci” del 7 gennaio, al fine di evitare il sovraffollamento al di fuori delle scuole.

Segui lei Nel Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità
Guarda le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *