Lo scrittore Vasilis Alexakis è morto

Una grande perdita per il mondo culturale della Grecia e dell’Europa è la morte del pluripremiato scrittore Vasilis Alexakis, all’età di 77 anni.

Ha lasciato l’ultimo respiro, lunedì pomeriggio, a casa sua dopo una lunga lotta con molteplici problemi di salute, in particolare il suo sistema respiratorio, che lo aveva guidato soprattutto di recente. Il suo funerale si terrà in una stretta cerchia familiare.

New Philadelphia Grove – settembre 1961, alla vigilia della partenza di F. Alexakis viene in Francia per studiare, 3 mesi prima di compiere 18 anni. Nella foto (a destra, V. Alexakis) con i colleghi di Leontio Patision. Questo è stato l’anno in cui hanno finito il liceo (Eighth High School).

Vasilis Alexakis è nato ad Atene nel dicembre 1943. Ha studiato alla Scuola Superiore di Giornalismo a Lille. Stabilitosi in Francia dal 1969, ha collaborato per molti anni a Le Monde e ha scritto i suoi primi libri in francese. C’è lavoro come giornalista, revisore di libri e fotografo di cronografi. Così ha acquisito familiarità con la lingua francese in cui ha scritto i suoi primi romanzi.

Il suo primo lavoro, scritto nella sua lingua madre, è stato “Talgo”, che è stato pubblicato nel 1982 e ha avuto molto successo e ha venduto più di 200.000 copie. Nel 1984, infatti, fu prodotto un film intitolato “Sudden Love”, diretto da George Tsimbiropoulos, con Betty Libano e Antones Theodoracopoulos, e accompagnato dalle musiche di Stamatis Spanodakis e dalla splendida interpretazione di Elene Vitale. Ha anche scritto “The Mother Tongue” (1995, pubblicato da Exantas) e “The Heart of Margarita” (1999, pubblicato da Exantas) in greco.

Vasilis Alexakis è stato anche coinvolto nel disegno a fumetti e nel cinema. Ha pubblicato le raccolte “Mon amour” in Italia (“Città armoniosa”, 1978) e “Gdysou” (Athena, Exantas, 1982) oltre a sei racconti accompagnati da immagini, sotto il titolo generale “L’Ombra di Leonida” (Atena, Xantas). , 1984) che è stato pubblicato anche in tedesco (Leonidas Schaten, Romossini, tradotto da Klaus Eckhart, 1986).

Allo stesso tempo, ha diretto i cortometraggi “Sono stanco”, che hanno vinto il French Film Centre and Tour (1982), ei film per la televisione “Nestos Harmides subendo un attacco” (1984) e “The Table” (1989). Il suo lungometraggio “The Athenians”, che ha vinto il primo premio al Festival Internazionale di Film Comici di Sharmus (1991), ma ha anche messo in scena opere come “I Don’t …” e “Don’t Tell Me Fofu”.

READ  Gesti, contro gesti, il punto si fa più grande ... Ovale Masqué centra la prima giornata di Coppa Europa

Come romanziere è stato insignito in Francia di Albert Camus, Alexandre Vallat, Charles Spraggia e dei Medicis Awards (nel 1995 per il suo libro “The Mother Language”), nonché del French Academy Award for Fiction (nel 2007 per il libro) da “AD”).

Nel marzo 2017 gli è stato conferito un dottorato onorario dal Dipartimento di Lingua e Letteratura Francese dell’Università Nazionale di Atene e Kapodistrian. I suoi lavori sono stati pubblicati, oltre che in Francia, in Germania, Spagna, Armenia, Italia, Russia, Turchia, Argentina, Stati Uniti e Israele.

Lettera di condoglianze dalla direzione del Ministero della Cultura

Non appena è stata informata della morte dell’amato scrittore Vasilis Alexakis, il ministro della Cultura e dello Sport Lena Mendoni ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Le lettere greche hanno perso un grande creatore e una voce indipendente, amata e distintiva, uno scrittore che ha guadagnato l’apprezzamento dei suoi colleghi e lettori in entrambi i paesi, avendo condiviso la sua vita in Grecia e Francia. Dalla vita reale, tutti possono identificarsi con la fantasia, l’umorismo e l’erotismo. Questi sono solo alcuni programmi sperimentali di definizione degli obiettivi che puoi utilizzare. Vasilis non è più con noi, ma le pagine dei suoi libri continueranno a trasmettere il suo umore giovanile. Esprimo le mie più sentite condoglianze ai suoi numerosi familiari e amici.

Il Vice Ministro della Cultura e dello Sport Nicola Geatrumanulakis ha dichiarato quanto segue:

“Vasilis Alexakis, traduttore e scrittore pluripremiato e versatile, ha lasciato una forte impronta nella letteratura greca e francese. Il suo umorismo, il rapporto molto personale con le parole, la lingua francese in cui ha pubblicato i suoi primi libri, così come la lingua greca si riflettono nei suoi libri premiati. Madrelingua (Aveva senso ed è stato premiato nel 1995 con un premio francese dei Medici) ma anche Parole straniere, Per il quale ha vinto il Premio di Stato per la narrativa nel 2004. Come ha detto, “Le parole sono la mia vita, nuoto in un mare di parole”. Questo mare è la sua eredità “.

READ  Le cose incredibili della Lazio, il “3” è tornato positivo al Coronavirus

Messaggio progressivo dell’Alleanza Syriza

Phaselis Alexakis era una figura simbolica delle lettere greche e francesi e aveva un’influenza mondiale. È nato ad Atene, ma è emigrato a Parigi sin da giovane. Ha lavorato per anni come giornalista e collaborava regolarmente con Le Monde. Ha partecipato al cinema e al teatro.

Tuttavia, il modo in cui ha detto che è stato espresso attraverso la letteratura. Scritti in greco e francese, i suoi romanzi si distinguono per semplicità di narrazione, personaggi familiari, umorismo e sovversione. Durante il suo lavoro ha evidenziato con audacia i suoi soggetti, sviluppando uno stile di scrittura completamente personale e riconoscibile. Uomo progressista, si è sempre opposto alle idee reazionarie, dalla sua giovinezza ai giorni nostri, che interferivano con questioni come l’immigrazione, i diritti umani, l’ascesa del populismo e il corso dell’Unione europea.

Nel 2007 l’Accademia di Francia gli ha conferito il Gran Premio di letteratura, mentre in Grecia nel 2004 gli è stato conferito il Premio di Stato per la narrativa per parole straniere. Nel 2017, l’Università Nazionale di Atene e Capodistrian gli ha conferito un dottorato honoris causa presso il Dipartimento di lingua e letteratura francese. Esprimiamo le nostre più sincere condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici.

Messaggio di cordoglio dal Centro del cinema greco

Vasilis Alexakis era un uomo caloroso. Pensatore tenero e sensibile, il suo spirito è esausto e il suo senso dell’umorismo lo ha reso caro. Ha vissuto in Grecia e in Francia in un equilibrio permanente tra due patrie e due culture. Si è espresso principalmente con le parole, cercando fino in fondo armonia e significato, ma anche con le immagini come ha sempre guardato al cinema. Molte delle sue storie sono cinematografiche.

READ  Italia - Round 12 - A che ora e su quale canale TV guardare Juventus - Atalanta Bergamo, Inter - Napoli e altre partite del Round 12 della Prima Divisione?

Vasilis Alexakis faceva parte di gruppi amichevoli di registi, scriveva sceneggiature e realizzava film lui stesso. Il suo primo libro in greco “Talgo” divenne la materia prima nel 1984 per la sceneggiatura di “Sudden Love” di George Tsemperopoulos. Nel 1991 ha diretto il suo film più famoso, “Gli Ateniesi”.

La sua perdita getta il mondo spirituale nel dolore, soprattutto al Greek Film Center, che esprime le sue più sentite condoglianze alla sua famiglia.

Indicazione se. Capo del dipartimento di cultura di SYRIZA-PS e deputato dell’Attica orientale Panos Skouroliakos

Salutiamo con affetto Vasilis Alexakis che ci ha lasciato oggi. Per noi sarà sempre il grande scrittore amato dal pubblico internazionale. L’autore il cui talento, spirito e completa visione personale della nostra vita comune è stato riconosciuto ovunque. Ma allo stesso tempo sarà Phaselis Kalithea, Tinos, Atena, a sinistra. Sarà il nostro compagno sulla grande strada verso la realizzazione del nostro sogno duraturo di libertà, democrazia e giustizia sociale.

Phaselis, tu sarai sempre qui e sarai sempre con noi.

naftemporiki.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *