Lo scioglimento record osservato in Groenlandia nel 2023 potrebbe essere responsabile di un’ondata di caldo quest’estate

Lo scioglimento record osservato in Groenlandia nel 2023 potrebbe essere responsabile di un’ondata di caldo quest’estate
Paul Souders/Getty Images Lo scioglimento record della Groenlandia nel 2023 potrebbe avere conseguenze sul caldo di quest’estate in Francia.

Paul Souders/Getty Images

Lo scioglimento record della Groenlandia nel 2023 potrebbe avere conseguenze sul caldo di quest’estate in Francia.

Riscaldamento globale – Lo scioglimento del ghiaccio contribuisce al riscaldamento globale e la musica è ben nota. Ciò che è meno chiaro è che il riscaldamento globale è direttamente collegato e l’Europa potrebbe avvertirlo già quest’estate con una forte ondata di caldo. la ragione ? Lo scioglimento record in Groenlandia lo scorso anno. Questo è ciò che suggerisce un nuovo studio pubblicato il 28 febbraio Unione Europea delle Geoscienze.

Il collegamento viene dall’acqua dolce: l’acqua che proviene dallo scioglimento del ghiaccio innesca una cascata di amplificazione nell’acqua di mare, che poi influenza la forza e la posizione della corrente a getto nell’atmosfera. Tuttavia, è una delle principali correnti d'aria che influenzano il tempo. Chiaramente, questo non è il primo studio ad affrontare questa domanda. “I singoli collegamenti in questo thread di commenti sono già stati discussi.”lui spiega Marilena Oltmans Dal Centro Oceanografico Nazionale del Regno Unito, aggiungendolo “Ciò che abbiamo fatto in questo studio è stato riunire questi collegamenti”.

In poche parole, scaricare più acqua dolce nell’oceano significa più calore in Europa. Per dimostrarlo, i ricercatori hanno analizzato le osservazioni meteorologiche degli ultimi 40 anni, che secondo loro mostrano che gli eventi meteorologici estremi sono in definitiva il risultato di periodi di maggiore scioglimento dei ghiacci in Groenlandia.

Concretamente, come si fa?

Quando l’acqua dolce in Groenlandia si scioglie, si diffonde in uno strato poco profondo che si estende a sud nell’Oceano Atlantico settentrionale. Quest'ultimo si mescola male con l'acqua calda e salata. Ciò crea una maggiore differenza di temperatura tra l'acqua fredda e quella calda. Di conseguenza, ciò porta a venti più forti, che spingono le acque calde che scorrono verso nord – la Corrente del Nord Atlantico – più a nord del solito.

READ  Nuova specie di orchidea di vetro scoperta in Giappone | Scienze

È sufficiente amplificare le temperature nell'aria. Questo fenomeno climatico non si verifica nel giro di pochi mesi, ma piuttosto continua. La ricercatrice e il suo team suggeriscono di fare chiarezza su questo punto “Stiamo ancora vedendo segnali significativi due anni dopo l’anomalia dell’acqua dolce”.dice il ricercatore.

Un altro problema è che questo può incoraggiare le tempeste. “Questi fronti che si creano tra le aree in cui abbiamo acqua dolce fredda e le aree in cui abbiamo acqua oceanica più calda sono la principale fonte di energia per le tempeste”.Aggiungere Marilena Oltmans Dal Centro Oceanografico Nazionale nel Regno Unito.

Più fusione = più calore

Durante questo periodo, le 10 estati più calde e secche mai vissute dall’Europa si sono verificate ogni volta che si è verificato uno scioglimento significativo in Groenlandia nell’anno precedente, hanno osservato i ricercatori. Il 2018 e il 2022 sono gli esempi più recenti. Durante questi anni, l’Europa ha sperimentato un caldo estremo.

A ciò si aggiungono i numerosi incendi boschivi. Ricordiamo coloro che devastarono il sud-ovest della Francia due anni fa. Per il 2024 preparatevi, il programma sarà probabilmente simile. Le ondate di caldo potrebbero diventare più forti nel 2025, e poi iniziare a colpire il nord Europa. “Stimiamo che dovremo affrontare un’altra forte ondata di caldo e siccità non quest’anno nel nord Europa, ma nei prossimi anni”. Osserva il ricercatore.

L’unico piccolo punto positivo è che questo studio apre un’interessante area di ricerca per gli scienziati. “Il collegamento proposto in questo studio tra le anomalie dell’acqua dolce nell’Oceano Atlantico e il conseguente clima estivo in Europa è interessante e rilevante per la ricerca scientifica”. Lo ha detto il ricercatore del Met Office Adam Scaife. In particolare, ciò potrebbe consentire previsioni migliori a lungo termine del clima estivo.

READ  Gli scienziati hanno inserito i geni di Neanderthal nei topi. Ecco cosa è successo

Vedi anche su HuffPost:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *