L’italiano Filippo Ganna campione del mondo a cronometro

Niente è stato facile, ma Filippo Ganna si è tenuto stretto la tunica. L’italiano ha vinto domenica 19 settembre la cronometro dei mondiali di ciclismo, vincendo di poco davanti al belga Wout van Aert, alle spalle di 5s 37. Ha aggiunto al suo palmares una seconda maglia iridata della specialità, dopo aver ha già vinto in questo evento nel 2020. Ha anche conquistato il terzo posto nel 2019.

Leggi anche Vuelta 2021: Primoz Roglic terzo al Giro di Spagna

Sulla strada belga che porta da Knokke-Heist a Bruges (43,3 chilometri), l’italiano ha fatto parlare le sue gambe, ma anche la sua esperienza. Partito ultimo su questo percorso senza grosse difficoltà che si adattava perfettamente alle sue qualità, l’italiano non è stato il più veloce nelle prime centinaia di metri, ed è stato addirittura dietro a tutti gli intermediari. Ma è stato in grado di valutare i suoi principali concorrenti per finire come una palla di cannone, con una media di oltre 54 km / h in quasi quarantotto minuti di sforzo!

“Ho potuto prepararmi per questi mondiali, è eccezionale poter difendere questa maglia, Filippo Ganna ha reagito all’arrivo, al microfono dell’Unione Ciclistica Internazionale. Spero già di essere nelle migliori condizioni il prossimo anno per vincere una terza volta. “

A 25 anni il corridore del team Ineos continua ad affermarsi come il miglior pilota del pianeta, dopo aver vinto anche le due cronometro dell’ultimo Giro d’Italia. E questo nonostante le Olimpiadi “fallite”, portate a termine in un deludente quinto posto. Come passaggio di testimone, questa vittoria belga arriva nel giorno dell’ultima gara individuale del tedesco Tony Martin (6e), quattro volte campione del mondo a cronometro e figura nella disciplina da dieci anni.

READ  Marius Stankevicius, Lituania nella pelle, Italia nel cuore

Speranze belghe inondate

D’altra parte, è una nuova frustrazione per Wout van Aert. Da tempo il belga sembra essere abituato alle medaglie d’argento. Già battuto da Ganna nel 2020, ha concluso anche quell’anno sul secondo gradino del podio al World Roads. Rebelote quest’anno durante la gara online dei Giochi Olimpici, sulla Tirreno-Adriatico e sulla Flèche brabançonne. Una bella raccolta di posti d’onore per il 19e dell’ultimo Tour de France.

“Il sogno di tutti i belgi è di avere Remco e me nei primi due posti. È possibile, siamo pronti”, Wout van Aert ha avvertito questa settimana, tuttavia, in un’intervista con RTBF a margine della gara. E se è riuscito a dominare il rivale Remco Evenepoel (3e, 43 s 34 dietro al vincitore), non ha contenuto il potere di Filippo Ganna di offrire al Belgio un primo titolo. Tenterà ancora la fortuna domenica prossima nella corsa su strada, vinta lo scorso anno dal francese Julian Alaphilippe.

“Vincere in casa sarebbe stato eccezionale per [Van Aert et Evenepoel], ma volevo davvero vincere. Li ringrazio, mi hanno spinto al limite. È anche grazie a loro che ho ottenuto questo risultato”, ha ammesso l’italiano pochi minuti dopo la sua vittoria, non dispiaciuto di aver resistito allo slancio popolare che trasportava i suoi due avversari.

Da parte francese, non ci sono stati miracoli sulle strade belghe. Benjamin Thomas ha fallito al 27e posto mentre Rémi Cavagna (14e) era più vicino al punteggio, ma non è riuscito a giocare con i migliori questa domenica. Come al Tour de France, bisognerà aspettare ancora un anno per sperare di vedere un trionfo francese nella disciplina. L’ultimo vincitore francese, e peraltro l’unico per questo evento nato nel 1994, rimane Laurent Jalabert, nel 1997.

READ  Mondiali 2023: l’Italia vuole cambiare tutto
Leggi anche Mountain bike: il francese Loïc Bruni vince la Coppa del Mondo di Downhill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *