L’iniziativa di cooperazione Highlands/Lowlands degli Stati del Corno d’Africa (“HAS”) 😀

L’iniziativa di cooperazione Highlands/Lowlands degli Stati del Corno d’Africa (“HAS”) 😀

Scritto dal dottor Suleiman Al-Walad
23 settembreRicerca e sviluppo2023

Da tempo discutiamo della regione del Corno d’Africa. Forse è giunto il momento che la regione rifletta più a fondo e determini le ragioni che la spingono a stabilire un nuovo tipo di relazione con se stessa e con gli altri. La regione deve lavorare per sviluppare un nuovo tipo di relazione tra i suoi Stati membri, che sono stati in disaccordo negli ultimi 100 anni, una relazione litigiosa che si allontana dalla tradizionale cooperazione tra altopiani e pianure che esiste da migliaia di anni. Questo è il motivo per cui proponiamo una relazione nuova, ma non proprio nuova, tra i paesi SEED, chiamata Iniziativa di Cooperazione Highland/Lowlands (“HLCI”) e basata sulle filosofie tradizionali della regione riguardo alle relazioni tra i suoi popoli e alle loro relazioni con altri.

L’HLCI dovrebbe promuovere e rendere lo sviluppo della regione una questione centrale, costruendo strade, ferrovie e porti per la regione. La costruzione di infrastrutture avanzate per la regione non solo creerà collegamenti fisici tra i quattro paesi, ma consentirà anche la circolazione di persone e merci tra di loro, migliorando la facilità di esportare la ricchezza agricola, mineraria, animale e marina della regione verso il resto del mondo. Paesi. il mondo. Ciò consentirebbe anche lo sviluppo di servizi nella regione sotto forma di comunicazioni connesse, istruzione, servizi sanitari, turismo e servizi finanziari.

Questa iniziativa consentirebbe alla regione di sfruttare le sue filosofie tradizionali nella gestione, in particolare nella gestione del personale, che hanno reso la regione unica come lo è stata nel corso della storia, poiché aveva stretti rapporti con l’Europa meridionale, l’Asia occidentale, l’Asia meridionale e il resto dei paesi. Africa, in particolare Africa orientale e centrale. Le relazioni dovrebbero essere basate sull’autosufficienza, sulla solidarietà e sulla cooperazione.

READ  Pays-Bas – Une victime des crues en Allemagne a été retrouvée à… Rotterdam

L’approccio alla contrattazione collettiva e all’azione congiunta aiuterebbe a creare nuovi rapporti con soggetti diversi o non regionali, il che non significa necessariamente ostilità, ma piuttosto un nuovo modo di affrontarli in modo costruttivo per il bene dello sviluppo della regione, sulla base di interessi reciproci.

Il comitato consultivo di alto livello non si occuperà solo delle connessioni fisiche, ma affronterà anche i nuovi sviluppi sul campo come il cambiamento climatico e il degrado ambientale, che hanno avuto e continuano ad avere gravi impatti sulla regione e sulle sue condizioni di sopravvivenza. Ricostruire un ambiente più vivibile sia per le persone che per gli animali nella zona sarà uno dei maggiori problemi della regione.

HLCI rilancerà l’uso dei corridoi tradizionali della regione e costruirà nuovi corridoi che non solo serviranno la regione ma consentiranno anche la connettività ad aree remote dell’Africa e di altre parti del mondo come l’Asia, l’Europa e persino le Americhe.

Il comitato di alto livello contribuirà inoltre a contribuire a stabilire la pace e la sicurezza nella regione, qualcosa che sembra essere mancato negli ultimi 100 anni. La competizione inutile tra tribù e clan sarà sostituita dalla competizione sulle abilità, abilità, conoscenza, esperienza e su ciò che si può contribuire a qualsiasi compito al tavolo. L’elemento tribale/clan non dovrebbe essere un fattore determinante di chi fa cosa in un’area. Sappiamo che la regione non soffre di carenza di competenze e conoscenze, che dovrebbero essere adeguatamente incanalate, a differenza del recente passato in cui la fiducia è appena tornata nell’istinto animale della tribù e del clan.

Il comitato di alto livello trarrà vantaggio dalla posizione geografica strategica della regione e dai suoi collegamenti con il resto del mondo. In realtà si trova a metà strada tra l’Asia orientale e l’Europa e si trova al confine orientale del continente africano, ed è quindi progettato per collegare il continente e le sue enormi ricchezze all’Asia e all’Europa attraverso il Mar Rosso, il Canale di Suez e il vasto Oceano Indiano. .

READ  Otto persone temono per le macerie dopo il crollo di un edificio a Marsiglia

La regione potrebbe diventare un importante hub logistico, una regione attraverso la quale la ricchezza propria e dell’Africa può essere facilmente fornita al resto del mondo in relazione a varie altre iniziative globali di altre regioni e paesi del mondo come la Belt and Road Initiative cinese. Cina o IMEC in India e altri che potrebbero emergere in futuro.

L’ostacolo principale per tale iniziativa è il finanziamento e il finanziamento di un progetto così enorme. Tuttavia va notato che in realtà non esiste alcuna impossibilità per tutti i progetti ragionevoli e ben intenzionati. Il fattore abilitante per un simile progetto deve essere innanzitutto una relazione più stretta tra i paesi della regione. Senza questa stretta relazione tra i paesi, nessun progetto di alcuna dimensione o significato verrebbe attuato nella regione.

Una volta stabilito tale rapporto, il processo di definizione dei meccanismi di finanziamento e di raccolta dei fondi diventerà più semplice. Dovremmo sempre utilizzare il finanziamento della Diga Rinascimentale come un ottimo esempio di ciò che la regione può fare. L’orientamento collettivo della popolazione della regione e dei suoi paesi costituirà un’enorme fonte di finanziamento per qualsiasi cosa, purché ce ne sia la volontà. Ci sarà sempre un modo per finanziare e finanziare.

Il comitato di coordinamento di alto livello avrà bisogno di un ambiente pacifico e sicuro, e questo è principalmente nelle mani delle popolazioni e dei governi della regione. Altri lavoreranno sempre per interrompere lo sviluppo di qualsiasi tipo in quest’area, e le persone devono essere altrettanto diligenti nel proteggere le loro terre quanto gli altri lo sono per le loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *