L’enorme pterodattilo è il più grande animale volante mai conosciuto per vivere su questo pianeta

Un nuovo studio ha rivelato che le ossa di un rettile estinto raccontano la storia di come questa antica creatura ha fatto un salto di fede di 2,4 metri in aria per volare.

Un gruppo di ricerca pubblicato mercoledì dal quotidiano britannico The Guardian ha riferito che lo pterodattilo, che è l’uccello più grande mai conosciuto, aveva un’apertura alare di 12 metri, che gli permetteva di librarsi nel cielo. Società di Paleontologia dei Vertebrati.

Il coautore Matthew Brown, direttore dei Vertebrate Paleontology Groups presso l’Università del Texas ad Austin, ha affermato che gli scienziati sono rimasti sconcertati per decenni su come potesse volare una creatura così grande.

Questo è un rettile gigante. Il cingolato di Quetzalcoatlus è raffigurato nell’illustrazione di questo artista. (Università del Texas all’Austin/Jackson School of Geosciences) (fornito)

Dopo anni di ricerche, il team di Brown ha scoperto che Quetzalcoatlus si sarebbe probabilmente librato nel cielo come un caccia da una portaerei, schiantandosi a 2,4 m da terra prima di sbattere le sue enormi ali.

Ci sono voluti quasi 50 anni dal momento in cui sono state scoperte le ossa Parco nazionale di Big Bend Nella contea di Brewster, in Texas, quando gli scienziati sono stati in grado di determinare come volava questa creatura. Il signor Brown attribuisce questo al lento e scrupoloso processo di rimozione delle ossa.

Come molte altre specie volanti in quel periodo, ha detto Brown, questo pterosauro aveva ossa cave per aiutare il volo.

“Hai questo tipo di osso che sembra patatine conservate in una roccia molto dura, e devi rimuovere le ossa dalla roccia senza distruggerle”, ha detto.

Rappresentazione artistica di uno pterosauro.
Rappresentazione artistica di uno pterosauro. (Adobe Stock via CNN)

Scoperte due nuove specie

Nell’ultimo mezzo secolo, nel parco nazionale sono state scoperte anche due nuove specie più piccole di pterosauri.

All’inizio, gli scienziati non erano sicuri se gli animali fossero le versioni giovanili del Quetzalcoatlus o una specie completamente diversa.

I ricercatori hanno effettuato misurazioni precise dei fossili e le hanno eseguite attraverso un algoritmo informatico. Se non sembrano simili all’altro animale, ha detto Brown, probabilmente è un’altra specie.

Il Field Museum di Chicago ha in mostra uno pterosauro a grandezza naturale.
Il Field Museum di Chicago ha in mostra uno pterosauro a grandezza naturale. (fornito)

La più piccola delle due nuove specie ha un becco aguzzo mentre la specie più grande ha un becco lungo e sottile che raggiunge un punto.

Gli animali vivevano in un’oasi boscosa più di 70 milioni di anni fa in quello che oggi è il Texas, che ospitava molti specchi d’acqua.

Il più grande Quetzalcoatlus probabilmente ha usato il suo becco stretto per cacciare granchi e vermi lungo l’acqua, secondo il gruppo di ricerca. Questi tipi di rettili tendono anche a cacciare da soli.

Il Quetzalcoatlus più piccolo era più socievole e trascorreva del tempo in grandi gruppi. I ricercatori hanno trovato circa 30 animali volanti insieme negli scavi fossili.

Prima e dopo le immagini satellitari che mostrano le località del Kentucky prima e dopo il brutale uragano che ha colpito gli Stati Uniti centrali, pubblicate dalla società di imaging satellitare Maxar.

Le foto mostrano prima e dopo la devastazione causata dall’epidemia di uragano negli Stati Uniti

Pezzi mancanti dal fossile

Gli scienziati hanno scheletri abbastanza completi delle specie più piccole, ma solo una parte del corpo originale di Quetzalcoatlus.

Brown ha detto che voleva riprendere da dove si era interrotto Douglas Lawson, un ex studente laureato in geologia presso l’Università del Texas, che ha scoperto le ossa originali nel 1971.

Uno degli obiettivi personali di Brown è ottenere un permesso e andare al parco nazionale per trovare e raccogliere il resto dell’animale.

Squali sfrenati al largo della costa dell’Australia occidentale

“Sarebbe molto utile e metterebbe alla prova molte delle nostre ipotesi su come appaiono questi grandi animali in base a quelli piccoli”, ha detto Brown.

READ  L'economia può diventare una scienza - analisi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *