Leggero e non deperibile: particelle di plastica trasportate dal vento

Sebbene i prodotti di plastica che vengono gettati in mare non si decompongano, collassano gradualmente e si trasformano in particelle microplastiche che possono rappresentare un grave problema ambientale che minaccia non solo l’ambiente marino, ma anche la salute umana. Scienziati del Weizmann Institute of Science Scoperta di recente Perché queste particelle vengono spazzate via negli angoli più remoti dell’oceano – quelli che una volta erano considerati limpidi e privi di effetti nocivi per l’uomo – e possono essere rilasciati nell’atmosfera e rimanere nell’aria per ore e persino giorni.

Microplastica

(Foto: Shutterstock)

“Studi precedenti hanno già dimostrato la presenza di particelle microplastiche nell’atmosfera in prossimità della riva”, afferma la dott.ssa Meri Trinick dei gruppi di ricerca del professor Ilan Corin del Dipartimento di Scienze della Terra e del Pianeta e del professor Assaf Vardi del Dipartimento di Scienze Vegetali e Ambientali. “Siamo rimasti sorpresi di scoprire una grande quantità di microplastiche su parti dell’oceano che erano considerate” vergini “.

I gruppi di ricerca dei professori Vardy e Corinne – insieme al professor Yinon Rudic del Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie – collaborano da anni per cercare di capire la relazione tra l’oceano e l’atmosfera. Come parte di questi sforzi di ricerca, nel 2016, il dottor Mitchell Flores è stato inviato in un viaggio a bordo della nave da ricerca “Tara” nel Nord Atlantico e ha raccolto, tra le altre cose, campioni di particelle nell’aria su queste aree remote dell’oceano.

Veliero "Tara".  L'attrezzatura di misurazione è collocata in cima alla codaVeliero "Tara".  L'attrezzatura di misurazione è collocata in cima alla coda

Veliero “Tara”. L’attrezzatura di misurazione è collocata in cima alla coda

(Foto: dalla newsletter dell’American Meteorological Society)

Quando i campioni sono arrivati ​​al Weizmann Institute of Science, i ricercatori hanno scoperto che identificare le particelle microplastiche nei campioni non era facile. Per capire esattamente quali tipi di plastica sono penetrati nell’atmosfera, i ricercatori si sono rivolti allo scienziato della facoltà Dr. Edo Pinkas, esperto in una tecnologia nota come spettroscopia Raman presso il Dipartimento di Infrastrutture di Ricerca Chimica. Il valore degli scienziati – che ha tenuto conto della forma delle particelle, della loro massa, della direzione dei venti sull’oceano e della loro velocità – ha rivelato che le microplastiche che si sono formate nei campioni erano molto probabilmente in sacchetti di plastica e altri rifiuti di plastica gettati a riva e si sono fatti strada per centinaia di miglia nel nucleo oceanico.

Campioni di acqua di mare in queste aree hanno rivelato una composizione simile di particelle di plastica. Questo fatto rafforza l’ipotesi che le microplastiche siano penetrate nell’atmosfera a seguito di spruzzi d’acqua di mare o trasportate dai venti e siano state trasportate dalle correnti d’aria in parti distanti dell’oceano.

“Quando le microplastiche sono nell’aria, si seccano, sono esposte ai raggi UV e hanno reazioni chimiche con diversi componenti dell’atmosfera. Ciò significa che le particelle che trovano la loro strada nell’oceano possono essere dannose o anche più tossiche per gli organismi marini che le ingeriscono”, afferma il dott. Trinick. Professor Vardy: “La plastica nel mare è un terreno fertile per i batteri. “Quando le particelle vengono trasportate dal vento, possono trasportare batteri marini, inclusi agenti patogeni che possono danneggiare gli organismi marini e gli esseri umani”.

Altro su questo argomento: il bambino che vuole raccogliere particelle di plastica

(Foto: Zawia, Science and Environment News Agency)

Gli scienziati stimano che la quantità reale di microplastiche sugli oceani sia molto maggiore di quella rilevata nelle misurazioni, perché i loro sistemi non sono stati in grado di rilevare particelle al di sotto di una certa dimensione. La dimensione delle particelle ha un significato fatale: non solo è probabile che le particelle piccole rimangano nell’aria più a lungo, ma la probabilità che piccole creature marine le mangino (ma non le mangeranno) aumenta man mano che diventano più piccole.

“E c’è un altro importante aspetto ambientale: come tutte le particelle sospese nell’aria, le microplastiche diventano effettivamente parte dei cicli della materia in natura, ad esempio i cicli del carbonio e dell’ossigeno”, afferma il professor Corinne e conclude con una previsione pessimistica: “Anche se smettiamo di inquinare Spiagge Domani mattina, “assisteremo al rilascio nell’atmosfera di un numero sempre maggiore di microplastiche, poiché ci vuole tempo prima che i rifiuti di plastica che hanno già raggiunto il mare si disgreghino in particelle”.

READ  Il "sole artificiale" della Corea del Sud ha funzionato per 20 secondi a 100 milioni di gradi Celsius - Scientific Exploration-cnBeta.COM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *