In un pezzo di ambra ho trovato un fiore precedentemente sconosciuto alla scienza

Foto: OSU

Venere è entrata nella resina circa 100 milioni di anni fa nel supercontinente Gondwana

Gli esperti dicono che l’ambra può immagazzinare cose biologiche per decine o addirittura centinaia di milioni di anni.

In Myanmar, dove viene estratta l’ambra birmana, un fiore precedentemente sconosciuto agli scienziati è stato trovato in un pezzo di resina fossile. La scoperta è stata attribuita alle angiosperme del periodo Cretaceo, il genere era chiamato Valviloculus e la specie – pleristaminis. Lo scrive la rivista botanica Brett.

Gli scienziati hanno detto: “Il fiore è entrato nella resina circa 100 milioni di anni fa nel supercontinente Gondwana. Potrebbe essere stato parte di fiori eterosessuali. È stato trovato un fiore maschile, contenente cinquanta stami. Ciascuno di essi è costituito da un’antere e un filo sottile”.

Secondo gli scienziati, il fiore ha un diametro di soli due millimetri e ricorda la forma di un uovo a coppa con sei foglie attorno al peduncolo.

Gli esperti dicono: “La scoperta di un piccolo fiore potrebbe aiutare a saperne di più sugli antichi processi geologici”.

La verità è che gli scienziati datano la divisione del Gondwana in modo diverso, portando alla formazione della placca in cui si trova ora il Myanmar. Il divario è grave: da 200 milioni a 500 milioni di anni fa.

I biologi ritengono che le angiosperme abbiano iniziato a diffondersi solo circa 100 milioni di anni fa. In particolare, il fiore, che si trova nell’ambra, potrebbe essere cresciuto direttamente o molto vicino alla foresta del Gondwana, dove ha lasciato il dipinto.

READ  Abbiamo aspettato 800 anni per questo: perché dovresti andare a ...

Gli scienziati affermano: “Ciò significa che la divisione potrebbe essere avvenuta molto più tardi di quanto si pensasse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *