L’EACOP respinge le accuse di violazione delle tombe indigene

L’EACOP respinge le accuse di violazione delle tombe indigene

L’organizzazione internazionale interreligiosa per la giustizia climatica, GreenFaith, ha accusato nel suo rapporto l’East African Crude Oil Pipeline (EACOP) di essere coinvolta nel disturbo e nella potenziale profanazione di oltre 2.000 tombe lungo il percorso di costruzione del controverso progetto EACOP.

Il rapporto, intitolato “Come se nulla fosse sacro”, presumibilmente denuncia che TotalEnergies ignora abitualmente gli appelli appassionati delle famiglie locali a onorare questi luoghi sacri, ignora le informazioni condivise dalle famiglie o dai membri della comunità su tombe non contrassegnate e fornisce informazioni non contrassegnate. . Oppure il mancato risarcimento del danno subito.

Questa negligenza ha lasciato i membri delle famiglie e le comunità alle prese con un profondo trauma emotivo e spirituale, sottolineando la mancanza di compassione dell’azienda, afferma il rapporto.

Ha inoltre affermato che i leader religiosi della Tanzania e dell’Uganda, due paesi direttamente interessati dal percorso proposto dall’EACOP, chiedono l’immediata sospensione del progetto in risposta ai terribili risultati del rapporto.

Il rapporto sottolinea la sofferenza delle comunità locali, affermando: “Le comunità locali ci hanno detto che TotalEnergies, in numerose occasioni, ha disturbato o mancato di rispetto alle tombe delle loro famiglie e antenati. Ciò è avvenuto nonostante gli innumerevoli sforzi da parte dei residenti locali per allertare TotalEnergies della presenza di tombe e nelle loro preoccupazioni. Si rileva inoltre che la società ha ignorato o violato gli standard internazionali riguardanti la sepoltura dei resti umani.

La ricerca di GreenFaith per il rapporto ha incorporato documenti pubblici e informazioni raccolte attraverso la ricerca sul campo. L’organizzazione ha condotto revisioni approfondite delle informazioni pubblicate sui progetti EACOP e Tilenga e sui relativi impatti. Inoltre, ha detto, sono state condotte indagini sul campo in tre distretti della Tanzania e sei distretti dell’Uganda, con interviste condotte con i membri delle famiglie colpite che possiedono cimiteri lungo gli oleodotti.

Secondo il rapporto, la profanazione delle tombe ha causato profonde ferite spirituali e psicologiche alle famiglie che risiedono lungo il percorso di costruzione. Un intervistato ha raccontato le atrocità subite, rivelando che le bare fornite erano troppo piccole per il defunto, costringendo il corpo del defunto a essere tagliato per adattarlo alle loro dimensioni.

READ  La promozione del commercio intra-africano richiede un'infrastruttura efficiente e resiliente per i sistemi di pagamento e regolamento - Governatore della Banca d'Inghilterra

“È già abbastanza scioccante che TotalEnergies, con il sostegno dei governi di Uganda e Tanzania, abbia già sfollato migliaia di famiglie lungo il percorso del gasdotto proposto”, ha commentato Mereen Wara, direttore della regolamentazione globale di GreenFaith. i morti non possono riposare in pace”. “È irrispettoso verso qualcosa che è molto sacro per gli africani.”

Da più di due anni GreenFaith sollecita l’abbandono immediato dei progetti EACOP e Tilenga. In risposta all’ultimo rapporto, GreenFaith chiede a TotalEnergies di intraprendere diverse azioni chiave: Compensare le comunità locali per le perdite finanziarie subite a causa di allocazioni di progetti insufficienti. Affrontare bisogni religiosi o culturali irrisolti, colmando il divario tra le attività svolte fino ad oggi e le migliori pratiche internazionali.

Vuole anche spostare i cimiteri che sono stati ripetutamente richiesti dai membri della comunità e dalle famiglie colpite, ma che rimangono sul percorso del progetto. Garantire che le tombe trasferite con difetti strutturali o quelle lasciate incomplete soddisfino gli standard previsti per un progetto di queste dimensioni.

L’EACOP confuta le affermazioni, citando la mancanza di un controllo dei fatti di base

Dopo la pubblicazione del rapporto il 9 novembre 2023, l’EACOP ha respinto le accuse contenute nel rapporto. Il progetto East African Crude Oil Pipeline è sviluppato da EACOP Ltd (“EACOP”), una società per azioni di TotalEnergies, China National Offshore Oil Corporation (CNOOC), Uganda National Oil Corporation (UNOC) e Tanzania Petroleum Development Corporation (TPDC). ). Ha affermato che la società ha la piena responsabilità del processo di acquisizione dei terreni, che viene effettuato per conto dei due paesi interessati, sia in Uganda che in Tanzania.

Il direttore generale Martin Tiffen ha affermato che l’EACOP segue le migliori pratiche internazionali, compresa la consultazione globale e l’impegno nei trasferimenti pericolosi.

In risposta a GreenFaith, Tiffen si rammarica della mancanza di consultazione prima di pubblicare il rapporto e mette in dubbio l’accuratezza delle gravi richieste di ricollocazione e sfollamento. L’EACOP sfida GreenFaith a portare avanti casi specifici di reclami, impegnandosi a indagarli a fondo e risolverli.

Trasferimento dei cimiteri nel processo di acquisizione dei terreni dell’EACOP

Secondo Tiffen, l’EACOP si è impegnata in consultazioni esaustive per identificare i rituali culturali rilevanti per ciascuna famiglia, comunità o tribù coinvolta nel processo di ricollocazione delle tombe. Sottolinea l’importanza di comprendere le caratteristiche culturali e religiose di ciascuna famiglia, comunità o tribù prima di iniziare qualsiasi attività di ricollocamento.

READ  8 máy bay Trung Quốc đại lục xâm nhập ADIZ Đài Bank loan giữa căng thẳng

“Come parte della preparazione per l’acquisizione del terreno, l’EACOP ha identificato il patrimonio culturale, compresi i cimiteri, ma anche i santuari e altri elementi di significato culturale come siti spirituali, luoghi di culto o monumenti, in conformità con gli standard di prestazione IFC sul patrimonio culturale, ” Ha affermato Tiffen. “La progettazione della selezione del percorso ha tenuto conto di questi fattori del patrimonio culturale e i luoghi di sepoltura sono stati evitati nella massima misura possibile in conformità con gli standard di prestazione dell’IFC.”

Il signor Tiffin ha inoltre spiegato che durante l’indagine sui terreni e sui beni, famiglie o proprietari di tombe hanno segnalato la presenza di tombe contrassegnate e non contrassegnate. Il progetto ha documentato questi siti, identificando i proprietari delle tombe come persone interessate dal progetto, indipendentemente dalla proprietà del terreno o della proprietà.

Secondo lui, il compenso per il trasporto delle tombe viene determinato sulla base dei valori concordati con il perito capo e l’EACOP copre i costi associati al processo di trasporto.

“Gli esperti del patrimonio culturale si sono consultati con le persone interessate dal progetto per verificare le tombe non contrassegnate. Dopo l’identificazione, viene eseguito un processo di trasferimento delle tombe in cui i proprietari delle tombe vengono consultati per decidere se desiderano spostare le tombe da soli o se chiedono all’EACOP di spostare la tomba. per loro conto senza alcun costo per loro. In quasi tutti i casi in Uganda e in tutti i casi in Tanzania, i proprietari delle tombe hanno scelto EACOP per intraprendere questi trasferimenti.

Servizi religiosi e rituali si svolgono presso il luogo della tomba originale e presso il nuovo luogo di sepoltura scelto dal proprietario della tomba secondo le tradizioni locali. Viene mostrato rispetto per tutte le diverse religioni o credenze spirituali. Ciò è riportato nel modulo di scoping, firmato dal PAP, come conferma di ricezione dei fondi per sostenere l’acquisto di beni e servizi per tali celebrazioni.

READ  Un tifone danneggia il tempio di Yeju Guam

Il trasferimento avviene all’ora e nel giorno desiderati dai proprietari delle tombe (alcuni avvengono di notte).

L’ufficiale medico distrettuale è il custode di questo processo. I resti vengono trattati con il massimo rispetto e vengono sepolti in una nuova bara e posti in una tomba contrassegnata. La riesumazione e la sepoltura vengono effettuate da imprese professionali che coinvolgono anche lavoratori della comunità.

La maggior parte dei trasferimenti è avvenuta su terreni di proprietà di PAP con cui esisteva una convenzione. In alcuni casi in cui i PAP non avevano abbastanza terreno, l’EACOP ha acquisito un appezzamento di terreno per conto dei PAP per la sepoltura. Per alcuni notabili o leader spirituali deceduti, vengono condotte cerimonie aggiuntive e speciali con il sostegno dell’EACOP. Una volta completato il processo, i PAP firmano di essere soddisfatti del trasferimento finale e questi moduli individuali vengono conservati come parte della tenuta dei registri.

Tiffen descrive dettagliatamente l’approccio dell’EACOP alla ricollocazione delle tombe, ponendo l’accento sul rispetto degli standard del patrimonio culturale. L’azienda identifica i proprietari delle tombe, li compensa e fornisce consulenza sui trasferimenti. Servizi religiosi e rituali si svolgono secondo le tradizioni locali. L’EACOP riferisce che sono stati identificati 656 cimiteri in Uganda e 1.124 cimiteri in Tanzania, di cui il 97% è stato trasferito ad oggi.

“… L’EACOP mantiene anche un meccanismo di reclamo non giudiziario. Mentre alcuni reclami sono stati presentati e chiusi per identificare ulteriori tombe dopo le indagini iniziali, non ci sono reclami registrati relativi al trasferimento stesso.

GreenFaith afferma che l’EACOP, un proposto oleodotto di 1.443 chilometri, ha numerose conseguenze negative, comprese gravi violazioni. Il progetto è accusato di aver provocato lo sfollamento di oltre 100.000 persone, causato danni ambientali e messo in pericolo l’approvvigionamento idrico di tre milioni di africani orientali.

Disclaimer: I punti di vista, i commenti, le opinioni, i contributi e le dichiarazioni fatti dai lettori e dai contributori su questa piattaforma non rappresentano necessariamente le opinioni o la politica di Multimedia Group Limited.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *