L’iceberg A23a più grande del mondo si sta muovendo per la prima volta dopo 30 anni

L’iceberg A23a più grande del mondo si sta muovendo per la prima volta dopo 30 anni

L’iceberg più grande del mondo, grande quasi il doppio dell’Australian Capital Territory, si sta muovendo per la prima volta in più di tre decenni.

L’iceberg A23a pesa quasi mille miliardi di tonnellate e occupa un’area di 4.000 chilometri quadrati.

Dalla separazione della piattaforma di ghiaccio delle rune Felchner nell’Antartide occidentale nel 1986, l’iceberg – che un tempo ospitava una stazione di ricerca sovietica – è rimasto in gran parte arenato, con la sua base rimasta bloccata sul fondo del Mare di Weddell.

Non più.

Recenti immagini satellitari rivelano che l’iceberg si sta ora spostando rapidamente attraverso la punta settentrionale della Penisola Antartica, aiutato da forti venti e correnti.

Iceberg A23a il 12 novembre 2023 / il 15 novembre 2023. (NASA Worldview)

Oliver Marsh, glaciologo del British Antarctic Survey, ha affermato che è raro vedere un iceberg di queste dimensioni muoversi, quindi gli scienziati ne monitoreranno attentamente il percorso.

Man mano che acquisirà più forza, l’enorme montagna verrà probabilmente lanciata nella Corrente Circumpolare Antartica.

Questo li indirizzerà verso l’Oceano Antartico su una rotta conosciuta come “Ice Ice Alley” dove altre creature della loro specie potranno essere trovate galleggiare nelle acque scure.

Resta ora da vedere perché l’iceberg corre verso di esso.

“Col passare del tempo, probabilmente è diventato un po’ più debole e ha acquisito un po’ di galleggiabilità in più che gli ha permesso di sollevarsi dal fondo dell’oceano e di essere spinto dalle correnti oceaniche”, ha detto Marsh.

READ  Il Trattato di Rarotonga potrebbe essere "minato" se i leader del Pacifico non si opponessero alla denuclearizzazione del Giappone

È possibile che l’A23a sia nuovamente arenato sull’Isola della Georgia del Sud.

Ciò rappresenterebbe un problema per la fauna selvatica dell’Antartide. Milioni di foche, pinguini e uccelli marini si riproducono sull’isola e si nutrono nelle acque circostanti.

La A23a potrebbe impedire tale accesso. Nel 2020, un altro gigantesco iceberg, l’A68, ha fatto temere che potesse entrare in collisione con la Georgia del Sud, schiacciando la vita marina sul fondo del mare e impedendo l’accesso al cibo.

Un tale disastro alla fine fu evitato quando l’iceberg si spezzò in pezzi più piccoli – un potenziale finale anche per A23a.

“Ma un iceberg di queste dimensioni ha il potenziale per rimanere a lungo nell’Oceano Antartico, anche se è più caldo, e potrebbe dirigersi a nord verso il Sud Africa dove potrebbe interrompere la navigazione”, ha detto Marsh. .

Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *