Le nevicate hanno ucciso 15 persone e ne hanno ferite 30 in diversi governatorati

Le nevicate hanno ucciso 15 persone e ne hanno ferite 30 in diversi governatorati

In seguito alle abbondanti nevicate avvenute negli ultimi tre giorni in alcuni governatorati del Paese, 15 persone sono state uccise e circa 30 altre sono rimaste ferite.

Le statistiche delle province di Balkh e Faryab fornite a TOLOnews indicano che oltre alle perdite umane, quasi diecimila capi di bestiame sono morti a causa delle recenti nevicate.

Abdul Qader, residente a Sari Pul, ha detto: “La neve è continua e molto pesante, e le persone sono preoccupate dopo che il loro bestiame ha subito perdite. Molte strade sono state chiuse e non c'è quasi nessun movimento”.

Amanullah, residente a Sari Pul, ha detto: “Grazie a Dio, ha nevicato molto; “Ma la strada è bloccata, la neve cade pesantemente e le pecore della gente hanno fame, e il governo deve aiutare”, ha detto Amanullah, residente a Sari Pul.

Contemporaneamente, l'Emirato islamico ha annunciato la formazione di un comitato composto da diversi ministeri per affrontare i danni in vari stati, soprattutto ai proprietari di bestiame, e ha dichiarato che cinquanta milioni di afghani sono stati assegnati anche ai proprietari di bestiame negli stati di Balkh e Jawzjan. E Badghis, Faryab e Herat.

Il portavoce ufficiale del ministero, Misbah al-Din Musta'in, ha dichiarato: “Sono stati formati dei comitati in tutti i governatorati, e da ieri questi comitati hanno cercato di aprire le strade bloccate e hanno iniziato il loro lavoro distribuendo cibo e foraggio alla popolazione e anche per salvare gli incagliati.” A beneficio del Ministero dell'Agricoltura, dell'Irrigazione e dell'Allevamento.

“Finora, i lavoratori del servizio invernale sono stati in grado di aiutare le persone a Badghis, Ghor, Farah, Kandahar, Helmand, Jawzjan, Nuristan e in molte altre province colpite dalle recenti nevicate”, ha detto Irfanullah Sharafzoi, portavoce dell'Armata Rossa afghana. Comunità Mezzaluna.

READ  Vállalkozás: A magyar kormányszóvivő férjéé lett a legnagyobb cseh repülőgépgyártó

Le nevicate degli ultimi due giorni hanno chiuso al traffico il Passo Salang e la strada che porta a diverse province del Paese, tra cui Gur, Badghis, Ghazni, Herat e Bamyan.

“A causa delle nevicate degli ultimi due giorni, le autostrade Salang e molte strade nelle province di Bamyan, Dekundi, Ghazni e in alcune province sono state temporaneamente chiuse”, ha detto Muhammad Ashraf Haqshinas, portavoce del Ministero dei Lavori Pubblici.

“Le forti nevicate nella provincia di Faryab hanno causato la chiusura delle strade nella maggior parte delle aree e i residenti che vivono in aree remote sono rimasti bloccati a causa della forte nevicata. Ismatullah Moradi, portavoce del governatore della provincia di Faryab, ha detto che una persona nella regione di Chahar Sada il confine con il Turkmenistan è morto. .

Finora, le statistiche finali sulle morti e sulle perdite di bestiame non sono state condivise con TOLOnews dai funzionari dell’Emirato Islamico, e il numero delle vittime di questo evento e delle perdite di bestiame potrebbe aumentare nei prossimi giorni.

Giovedì Kabul è stata ricoperta di neve, un evento ampiamente celebrato dai residenti in mezzo alle gravi sfide economiche che colpiscono milioni di afghani in tutto il paese.

Molti residenti di Kabul erano contenti della nevicata, ma le famiglie vulnerabili hanno affermato di non potersi permettere di riscaldare le proprie case.

“A Kabul è nevicata. Kabul può essere senza oro ma non senza neve”, ha detto Syed Ghaffar, residente a Kabul.

“Con la neve che cadeva, tutti, compresi bambini e adulti, erano felici e si vedevano tutti giocare”, ha detto Mohammad Noor, residente a Kabul.

Altri residenti hanno detto di aver apprezzato la nevicata e di aver scattato molte foto.

READ  La svolta scientifica identifica un nuovo meccanismo genetico che può causare l'infertilità maschile

“Oggi la neve è caduta per la prima volta a Kabul e in alcune altre province”, ha detto Hamid, residente a Kabul.

Alcuni altri residenti hanno affermato di affrontare una vita difficile perché non possono pagare la legna da ardere o il carbone per riscaldare le loro case.

“Non abbiamo niente da mangiare o da usare”, ha detto Sakhi Agha, residente a Kabul.

“Non ho cibo da mangiare né legna da ardere per riscaldare la nostra casa”, ha detto Tutia, residente a Kabul.

Le nevicate hanno causato anche la chiusura di alcune autostrade, comprese le zone settentrionali del Paese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *