Dr. James Gomez: Superare le sfide strutturali per una maggiore integrità elettorale a Singapore

Dr. James Gomez: Superare le sfide strutturali per una maggiore integrità elettorale a Singapore

di Il dottor James Gomez

Gli indicatori elettorali globali mostrano che le elezioni a Singapore sono amministrativamente libere ed eque. Tuttavia, la presenza di barriere e difetti strutturali sono i motivi principali per cui Singapore si posiziona in basso nella classifica delle democrazie.

L’integrità elettorale si ottiene quando gli standard internazionali sono rispettati nelle pratiche elettorali nazionali, con l’obiettivo di garantire elezioni libere ed eque. Ciò costituisce la base per un forte sistema democratico.

I fattori principali che determinano l’integrità elettorale includono elezioni regolari e periodiche, scrutinio segreto, suffragio universale, elezioni libere e aperte a tutti i concorrenti e l’istituzione di regole elettorali libere ed eque che consentano agli elettori di fare scelte informate.

V-Diemun istituto con sede in Svezia che esamina le qualità del governo, assegnando i seguenti punteggi al sottoindicatore “Elezioni libere ed eque” durante gli anni in cui si tenevano le elezioni presidenziali e generali a Singapore.

Tutti i punteggi vanno da 0 a 4, dove 0 significa che l’elezione è fondamentalmente viziata e 4 significa che potrebbero esserci stati alcuni errori involontari nel processo elettorale che non hanno influito in modo significativo sull’elezione:

Questi dati mostrano che, sebbene vi siano alcune carenze amministrative, hanno influenzato la tabulazione dei risultati elettorali finali per l’elezione di un presidente dal primo ciclo elettorale nel 1993. È importante notare il calo nelle elezioni presidenziali del 2017. In quelle elezioni, le regole richiedono che tutti i candidati siano di origine malese, il che ha portato ad accuse di squalifica nei confronti di altri contendenti di origine non malese.

Passando dall’amministrazione elettorale all’integrità elettorale, i seguenti dati sono estratti dall'”Electoral Democracy Index” di V-Dem, che esamina le leggi e le politiche elettorali, nonché i media liberi e aperti, e fornisce un quadro più completo. I punteggi vanno da 0 (il punteggio più basso per la democrazia elettorale) a 1 (il punteggio più alto):

READ  Brésil - La colère de la rue monte d’un cran contre Jair Bolsonaro

A differenza dell’indice “Free and Fair Elections”, queste misurazioni evidenziano la presenza di irregolarità sistemiche durante le elezioni presidenziali e generali, che incidono sulla concorrenza elettorale e, più in generale, sulla qualità dei cicli elettorali.

Anche altri indicatori di democrazia internazionale hanno indicato il deficit elettorale di Singapore. In ciò Libertà nel rapporto mondiale 2022Freedom House ha valutato il sistema elettorale del paese un 1 su 4, sottolineando che “sebbene le procedure dei giorni elettorali siano generalmente irregolari, molti fattori strutturali impediscono lo sviluppo di una competizione elettorale praticabile”. Sottolinea inoltre la necessità di maggiore equità nelle leggi e nei quadri elettorali.

Nella sua revisione delle pratiche elettorali dal 2012 al 2021, l’indice di percezione dell’integrità elettorale di International IDEA classifica Singapore come una “democrazia chiusa” in termini di sistema elettorale. Il paese ha ottenuto un punteggio di 59 su 100, classificandosi all’84° posto su 177 paesi nell’indice.

Nelle ultime settimane, i commentatori dei resoconti dei media locali hanno evitato di discutere o commentare criticamente la natura strutturale, legale e apartitica del sistema elettorale presidenziale.

Non discutere di “concorrenza” e “imparziale”, sapendo che il sistema è viziato in queste aree, è un altro problema.

Uno è che il sistema è imperfetto, ma il problema più grande è evitare di discutere il problema, entrambi i quali minano il sistema elettorale e democratico di Singapore.

Pertanto, affrontare i difetti sistemici nel sistema elettorale e democratico è la sfida principale per migliorare la qualità complessiva delle elezioni a Singapore, insieme a discussioni sempre più aperte su queste carenze elettorali.

Il dottor James Gomez è uno scienziato politico e direttore regionale per Centro asiaticoÈ un istituto di ricerca con status consultivo speciale presso il Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (UN ECOSOC).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *