Le bolle di gas rivelano che questa stella ha raggiunto le sue fasi finali

La stella AG Carinae è in lotta tra due forze: la pressione interna causata dalla fusione nucleare e la gravità esterna, che vogliono spingere tutta la materia stellare al centro. Alla fine, la gravità trionferà e la stella esploderà in Supernova, ma ci vorrà del tempo. Per ora, possiamo apprezzare le trasformazioni che si verificano lì.

Nell’immagine del 2020, Hubble ha mostrato come si è evoluta la massiccia stella blu negli ultimi anni, rispetto all’immagine del 2014. Possiamo vedere la crosta attorno a un “piccolo” cerchio blu (il colore che rappresenta la polvere illuminata dalla stella stessa). La crosta è colorata di rosso nella tavolozza di Hubble (il colore che rappresenta il gas emesso dalla stella, principalmente idrogeno e azoto).

Immagine del 2020 della stella AG Carinae (Immagine: clone/ESA/Hubble/NASA/A. Note/C. Britt)

Nella seconda immagine, il colore blu è più visibile, poiché si espande verso i bordi dell’involucro, in contrasto con il gas distribuito negli strati esterni. Gli astronomi ritengono che le bolle di polvere e i filamenti che vediamo in blu siano stati formati dai venti stellari di AG Carinae.

Vuoi seguire le migliori notizie tecnologiche del giorno? Accedi e iscriviti al nostro nuovo canale YouTube, Canaltech News. Ogni giorno per te un riassunto delle notizie più importanti dal mondo della tecnologia!

Questi venti viaggiano nello spazio a una velocità di circa 250.000 km/h, più veloce dell’espansione del proiettile stesso. Ecco perché la polvere blu ha accesso ai gas esterni. Quando il vento aumenta, le bolle di gas vengono espulse e aprono una cavità nell’atmosfera intorno alla stella.

Tutti questi fenomeni si verificano perché AG Carinae è nelle sue fasi finali prima che esploda in una supernova. Alla fine della vita di una stella blu massiccia come questa, la pressione interna della radiazione inizia a diminuire e la gravità spinge il materiale verso il nucleo caldo. Quando ciò si verifica, questo materiale si riscalda e porta a un’eruzione vulcanica.

READ  Lo studio dice che il bradipo terrestre di Darwin era un mangiatore opportunista
Immagine 2014 della stella AG Carinae (Immagine: clone/ESA/Hubble/NASA/A. Note/C. Britt)

Queste esplosioni espellono materiale dalla stella, formando una crosta come quella che vediamo nelle immagini. Sebbene siano epidemie di una stella morente, l’eruzione è avvenuta circa 10.000 anni fa e potrebbe volerci molto tempo prima che AG Carinae erutta finalmente.

Prima di ciò, probabilmente esaurirebbe l’idrogeno e subirebbe piccole esplosioni successive, come questa, trasformandosi in una stella Wolf-Rayet (un tipo di stella massiccia che fonde elio o elementi più pesanti nel nucleo). AG Carinae ha una massa di circa 55-70 volte la massa del Sole, il che lo rende instabile e di breve durata.

Con questo insieme di caratteristiche, AG Carinae è una stella rara, principalmente perché altre specie di questo tipo “solitamente” esplodono rapidamente. Osservare da vicino questi processi è un’opportunità unica per gli astronomi di capire come stelle giganti I blues agiscono alla fine della vita.

Fonte: Allerta scientificae Agenzia spaziale europea / Hubble

Ti è piaciuto questo articolo?

Iscriviti alla tua email Canaltech per ricevere aggiornamenti quotidiani con le ultime notizie dal mondo della tecnologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *