Le antiche pecore mummificate mostrano gli stessi tratti genetici delle razze moderne

L’analisi genetica delle pecore imbalsamate di 1600 anni ha mostrato che avevano una coda pelosa e una lana spessa, proprio come le pecore della zona oggi.

Situata a 75 km a nord-ovest della città di Zanjan in Iran e ad un’altitudine di 1.350 metri sul livello del mare, la miniera di sale di Sharabad è famosa per la sua qualità senza tempo.

Tuttavia, questo sito storico non è un’attrazione turistica, e soprattutto è un punto di riferimento per archeologi e genetisti. Ciò è dovuto alla sua notevole capacità di tenere fuori la materia organica morta.

In questa miniera, i ricercatori hanno scoperto parte di una pecora mummificata e con essa hanno dedotto idee sulle preferenze agricole storiche della regione.

Un piccolo taglio di coscia di pecora è stato inviato allo Smurfit Institute of Genetics al Trinity College di Dublino. Da questo, i ricercatori hanno dimostrato che era probabilmente uno degli antenati delle mandrie moderne della zona.

Si stima che queste pecore abbiano almeno 1.600 anni e si uniscano ai ranghi dei già famosi “Uomini del sale di Shahrabad”. La miniera di sale è stata in uso durante almeno quattro periodi distinti della storia e fino ad oggi, Otto corpi mummificati Si trovano in queste grotte.

I Salt Men hanno catturato l’immaginazione del pubblico da quando sono stati scoperti per la prima volta nel 1993. La loro straordinaria conservazione offre una visione visivamente sbalorditiva e di prima mano del passato della zona.

Gli articoli pubblicati sulle riviste Biology and Archaeology descrivono la miniera come un ambiente altamente salino e acquoso che offre un’eccellente opportunità per “investigare potenziali differenze nel decadimento dei nucleotidi risultanti da questo insolito contesto di analisi del rubinetto”.

READ  Continua a far bollire i subacquei scavando la massa di corallo. Underneath Sea Tarotau Park

In altre parole, il sale nell’aria assorbe l’acqua dai tessuti morti prima che abbia la possibilità di decomporsi, creando mummie naturali straordinariamente conservate che possono mostrare come si degrada il DNA.

Il team di ricerca, guidato dai genetisti del Trinity, ha approfittato di questo estraendo il DNA da un piccolo pezzo di pelle mummificata dalla gamba di una pecora recuperata nella miniera.

Mentre il DNA antico è solitamente danneggiato e frammentato, il team ha scoperto che il DNA della mummia di pecora era molto ben conservato con frammenti di lunghezza maggiore e meno danni di quelli normalmente associati a questa età antica.

Il gruppo attribuisce questo al processo di mummificazione, poiché la miniera di sale fornisce le condizioni ideali per preservare i tessuti animali e il DNA.

L’effetto della miniera di sale è stato riscontrato anche nei microrganismi presenti nella pelle delle zampe delle pecore. Il profilo microbico era dominato da archaea e batteri amanti del sale e potrebbe anche aver contribuito alla conservazione dei tessuti.

“I resti mummificati sono molto rari, quindi prima di questo studio si conoscevano poche prove sperimentali sulla sopravvivenza del DNA antico in questi tessuti”, ha affermato Connor Rossi, dottorando al Trinity College of Genetics and Microbiology e autore principale. di carta.

“La sorprendente integrità del DNA era diversa da qualsiasi cosa avessimo incontrato prima in ossa e denti antichi. Questa conservazione del DNA, insieme al suo profilo metagenomico unico, è un’indicazione di quanto sia importante l’ambiente nella dinamica del tessuto e della decomposizione del DNA”.

Il team era particolarmente interessato alle somiglianze e alle differenze tra il corredo genetico della mummia di pecora e le greggi moderne della zona.

READ  Osservazioni sulla conferma del Senato di Pam Milroy come vice amministratore della NASA | 2021-06-17 | comunicati stampa

Esaminando il DNA della pecora imbalsamata, il team ha esaminato due tratti legati a geni specifici: la presenza di lana lanosa e una coda grassa. Alcune pecore hanno lana pelosa piuttosto che lana, mentre altre pecore hanno quarti posteriori più sottili rispetto alle loro controparti dalla coda grassa.

Facendo un’impressione genetica e utilizzando l’analisi delle fibre, i ricercatori hanno scoperto che i peli delle gambe sono più coerenti con la lana pelosa. Allo stesso modo, i geni erano simili a quelli delle razze dalla coda grassa.

Questo è in linea con le pecore pelose e dalla coda grassa viste oggi nella zona, indicando la continuità della dinastia delle pecore in Iran che ha almeno 1.600 anni.

Il dottor Kevin G Daly, anche lui del Trinity College of Genetics and Microbiology, ha supervisionato lo studio e ha dichiarato: “Utilizzando una combinazione di metodi genetici e microscopici, il nostro team è stato in grado di costruire un quadro genetico di ciò che alleva le pecore in Iran impressionante come 1.600 anni fa fa e come può essere utilizzato.”

“Utilizzando approcci interdisciplinari, possiamo conoscere il valore delle culture antiche per gli animali, e questo studio ci mostra che la popolazione dell’Iran nel periodo sasanide potrebbe essere stata in grado di gestire greggi di pecore specializzate nel consumo di carne, indicando pratiche di allevamento sofisticate. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *