Combattere la regolite: la NASA sta lavorando per sviluppare uno scudo elettrodinamico contro la polvere lunare

Combattere la regolite: la NASA sta lavorando per sviluppare uno scudo elettrodinamico contro la polvere lunare

È un po' come la sabbia. Una volta messo piede sulla spiaggia, arriva quasi ovunque ed è difficile da pulire. Solo che sulla Luna la regolite – lo strato di roccia sulla superficie – contiene polvere particolarmente corrosiva e abrasiva. Tuttavia, gli astronauti torneranno presto sul satellite naturale della Terra. Quindi la NASA li ha armati di uno scudo elettrodinamico.

A partire dal 2026, la missione Artemis 3 promette di riportare gli esseri umani sulla Luna, quasi 60 anni dopo la missione Apollo 11. L'obiettivo della missione è condurre ricerche per immaginare la vita umana sulla stella. Questo lavoro dovrebbe poi essere utilizzato per colonizzare Marte in futuro.

Uno scudo dotato di elettrodi che generano un campo elettrico

Ma prima di prendere in considerazione un trasloco completo, la NASA voleva affrontare il problema quotidiano che le sue squadre avrebbero dovuto affrontare sul sito: la pulizia. Perché durante i rilevamenti, le spedizioni o le operazioni, gli astronauti del programma Artemis dovranno incontrare costantemente la polvere lunare.

Il resto è sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!

50 anni dopo, rivivi in ​​immagini l'Apollo 11 e i primi passi dell'uomo sulla Luna

Un prototipo di scudo elettrodinamico per combattere la polvere lunare. NASA

Ecco perché i ricercatori del Kennedy Space Center in Florida hanno sviluppato l'Electrodynamic Dust Shield (EDS). È uno scudo dotato di elettrodi che dovrebbero creare un campo elettrico. Quando attivato, la polvere viene sollevata e può essere facilmente rimossa dalle superfici. Le onde elettromagnetiche che produce agiscono come una sorta di scopa invisibile Nuovo Atlante.

Il resto è sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!

Si prevede che questo strumento verrà utilizzato per pulire le tute, dagli stivali alle maschere facciali, e anche per pulire le attrezzature installate sulla Luna. I radiatori, i pannelli solari e persino gli obiettivi delle fotocamere dovrebbero trarre vantaggio da questo elenco NASA. Anche la rimozione della polvere è considerata “essenziale” per garantire il successo delle missioni lunari.

Un dispositivo sviluppato dal 2004 e testato dal 2019

“L'esposizione alla polvere è un problema perché la superficie lunare è molto diversa da quella a cui siamo abituati qui. La polvere della regolite lunare può penetrare nelle giunture, nelle prese d'aria e persino negli habitat, il che può causare molti problemi ai veicoli spaziali e agli astronauti.”ha affermato Charles Buehler, ricercatore principale presso il Kennedy Laboratory for Electrostatics and Surface Physics.

Il resto è sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!

Dal 2004, la NASA ha cercato di sviluppare un proprio scudo antipolvere elettrodinamico. Questa tecnologia si basa sul concetto della tenda elettrica sviluppato nel 1967. Il primo test del dispositivo è stato effettuato nel 2019, nell'ambito della missione NASA Materials Experiment 11, composto da dodici pannelli di materiali diversi (vetro, poliimmide, poliimmide ). Il tessuto è stato preparato per i test sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Nel corso di vari test, la tecnologia è riuscita a pulire gli oggetti posti nel vuoto dello spazio in un secondo. Tra i test sono stati utilizzati materiali simulati, ma anche vere e proprie regolite raccolte durante le missioni Apollo.

“La migliore tecnologia di raccolta polveri che abbiamo a disposizione”

Dopo diversi utilizzi nel mondo reale (soprattutto sugli obiettivi), il primo incontro tra la tecnologia EDS e la Luna avverrà entro la fine dell'anno. Deve integrare il programma CLPS (Commercial Lunar Payload Services), che si occupa del trasporto di attrezzature e materiali scientifici direttamente sulla stella.

Il resto è sotto questo annuncio


La natura si prende il suo tempo..
Metti mi piace a questo annuncio!

“Il team ha profuso un lavoro e una dedizione straordinari e l’EDS è la tecnologia più recente e migliore che abbiamo a disposizione per la raccolta della polvere nelle applicazioni spaziali”.disse Charles Buehler.

Se la tecnologia elettrodinamica si dimostrerà soddisfacente, tutti i tipi di strutture lunari dovrebbero essere equipaggiate. Funzionando sia all'esterno che all'interno, può anche lanciare carichi utili durante le missioni sulla Luna. Perché, però, i prodotti per la pulizia extra a bordo potrebbero diventare obsoleti.

READ  Covid: vedere l'elenco delle malattie che danno la priorità al vaccino - vaccini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *