L’anno perduto di Syriza e il silenzio di domani

L'anno perduto di Syriza e il silenzio di domani

Se c’è qualcosa che aiuta un’organizzazione politica a influenzare la maggioranza della società ad accettare il programma politico ed economico che propone, è una lettura della realtà senza distorcere le lenti. Così si è stabilito con la comunità e ha privato il suo consenso per raggiungere i suoi obiettivi visionari.

Ma quando ritrae la realtà attraverso una lente distorta di un’ideologia unilaterale, ha lacerato il suo rapporto con la società e le soluzioni che propone diventano irrilevanti.

Non scriviamo un sommario “Idea Report”, queste idee sono espresse in occasione di un articolo scritto dal responsabile del “Plan Antipissaridis” preparato da SYRIZA, in NEA. Il signor Stathakes, un economista moderato, moderato, capace e razionale per le dichiarazioni dello staff politico di SYRIZA-PS, tra gli altri menziona:

“Le crisi e la fragilità dell’economia tra le crisi del 2008 e del 2020 sono dovute alle enormi disuguaglianze ereditate dall’economia neoliberista del 1980-2008, con la distribuzione diseguale e provocatoria del reddito a favore del restante 1%” salari congelati e redditi mediani si restringono.

Se scrivesse sull’economia globale, potremmo accettarlo, ma con riserve. Le brillanti stelle del neoliberismo, Margaret Thatcher vestita di ferro, il teatro ignorante Ronald Reagan e il potente Helmut Cole, dominavano la scena internazionale, ma c’era anche un contrappeso (come SYRI non poteva fare). Nel marzo 1981, il socialista Francois Mitterrand è cresciuto in Francia, nel 1982 in Spagna Felipe Gonzalez, in Svezia ancora Ulf Palme, e nel 1983 in Italia Pettino Cracci come primo primo ministro socialista del paese. Questo periodo è durato fino alla fine degli anni ’90, quando 12 dei 15 paesi dell’Unione europea all’epoca avevano governi socialdemocratici.

READ  Per Francois Bayrou, l'industria francese è in una "situazione critica"

Se si riferisce alla Grecia, ricordiamo che nell’anno 81 e il più delle volte a cui si riferisce, ha dominato il movimento PASOK, che nonostante la democratizzazione storica, la modernizzazione istituzionale e la mobilità sociale hanno determinato (senza precedenti nella storia greca) i suoi svantaggi:

Espansione, non tanto nel settore pubblico ma nel settore sociale, per ritirarsi dall’industrializzazione iniziata durante il regno di Karamanlis I ma che ha continuato ad accelerare, attaccamento al gruppo generale di società in bancarotta, spinto dal bilancio popolare (aumentato anche con il sistema PASOK), imprenditoria governativa e prestiti Governo indisciplinato, pacchetti CEE, ricchi sussidi (quando abbiamo seppellito le pesche, abbiamo bagnato il cotone per aumentarne il peso e dichiarato tre volte più campi – per non dimenticarlo), evasione fiscale delle piccole e medie imprese, ecc.

Dove ha visto il professore il neoliberismo in Grecia? SYRIZA ha semplicemente abbracciato la parola facile come la plastilina e appiccicosa come la gomma da masticare. Qualunque cosa vogliano metterli in imbarazzo, accusarli, screditarli o qualsiasi cosa che non vogliono capire o riconoscere, si attengono al marchio del neoliberismo e lo decostruiscono. È un mantra generico.

Questo è fondamentalmente il problema di Syriza. I membri del suo team finanziario, come lo stesso Statakis, non sono all’altezza della scienza dei socialdemocratici e dei dirigenti politici liberali. Proprio quello che hanno imparato, e alcuni di loro in meravigliose università di “conoscenza sistemica”, non sanno cosa li sostituirà.

Questo è il motivo per cui riproducono idee collaudate di altri che hanno fallito (come 35 ore con lo stesso stipendio, che lo stato sostituirebbe qualsiasi mancanza di competenza – una ricetta per il fallimento) o quelle ricette PASOK che non hanno funzionato in tempo e che erano i loro svantaggi. PASOK fa la trascrizione sulla stampa.

READ  In Italia, la caduta del banchiere Jean-Pierre Mostier

Ecco perché non ha formulato ormai da un anno e mezzo una proposta per il futuro. I suoi dirigenti sono prosciugati delle televisioni e lottano per difendere la politica del loro governo, che è stata comunque rifiutata dal popolo. Quindi difenderlo non porta alcun valore aggiunto. Anche il “Controprogetto Pissarides” è un passo riflessivo su iniziativa del governo, non un’iniziativa di programma indipendente.

Per quanto riguarda il loro contributo alla questione Covid, è completamente negativo con reclami successivi. Hanno aderito all’ordine delle cliniche private mentre non erano ancora necessari (e hanno deliberatamente interpretato male Petsas che sarebbe stato “denaro sprecato”, pur rispondendo al suggerimento che avevano chiesto da marzo). Non è posto con la necessità di prendere misure per proteggere le persone. Al contrario, hanno chiuso un occhio sull’indifferenza e la passività e hanno sostenuto indirettamente i giovani che disobbedivano alle misure.

Infine, quegli estremisti di sinistra che avrebbero trasformato l’Europa, temendo il costo politico dei papi, come i politici all’antica, non hanno osato fare eco a ciò che Ginemata aveva osato gridare: che ciò che vale per la Chiesa valga anche per altri luoghi. Raccogli questa vicinanza …

È passato un anno da quando Syriza ha reagito al presente, senza proposte per il futuro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *