07:44 – Olio d’oliva greco, “oro verde” non sfruttato

L’economia greca dell’olio d’oliva sta lottando per modernizzare un prodotto di qualità “eccezionale” e promuoverlo a livello internazionale, secondo cifre ed esperti.

+ Commercio all’ingrosso e “facilità”

Con la produzione di 275mila tonnellate di olio d’oliva per l’anno 2019-2020, la Grecia è al quarto posto nel mondo tra i paesi produttori dopo la Spagna (1.125 milioni di tonnellate), l’Italia (366mila) e la Tunisia. (350.000), secondo il Consiglio oleicolo internazionale.

Circa il 60% (160.000 tonnellate) della produzione greca viene esportato, ma la maggior parte è in grandi quantità (dal 60 al 70%), principalmente in Italia.

“C’è una mancanza di organizzazione e struttura per il settore. L’export all’ingrosso è una facile via d’uscita e un ingresso immediato di fondi”, spiega Athanasios Papagiorgio, professore di economia rurale all’Università del Peloponneso.

L’accademico ha detto: “Per svilupparti, devi investire, valutare, commercializzare e cercare mercati … Ma non c’è volontà politica e la mentalità basta con poco”.

+ Imprese familiari e “hobbisti”

Alexandros Rallis, la fonte dell’olio d’oliva greco in Francia, riassume più di 10 anni fa: “L’olio d’oliva è un settore che rappresenta perfettamente la Grecia: una ricchezza eccezionale gestita da un dilettante”. .

Il settore dell’olio d’oliva greco si basa su un tessuto di 600.000 piccoli produttori, secondo il ministero dell’Agricoltura greco. Un modello basato su una tradizione di sfruttamento familiare che ostacola la frammentazione del petrolio promuovendo il petrolio come prodotto nazionale.

“La coltivazione dell’olio d’oliva non è molto una pratica economica, è una tradizione, un’eredità familiare e la pratica dei dilettanti”, afferma Vasilis Zambonis, direttore di olivenews.gr e co in Grecia. – Autore dell’Enciclopedia dell’olivicoltura.

“C’è un po ‘di professionalità. Le scatole vengono distribuite di mano in mano, con la famiglia, gli amici e i colleghi. In Grecia, ci fidiamo di una bottiglia senza etichetta più di una bottiglia al supermercato”, riassume – lui.

READ  L'Italia punta a guidare l'Europa DW اسة

+ Azione nera e “blackout”

Nell’economia agricola, la quota di straordinari è stimata al 50%, afferma Papageorgiou.

Per Alexandros Rales, le famiglie greche producono olio d’oliva “soprattutto per il loro consumo personale e reddito aggiuntivo”. “Creare il monitoraggio e promuovere un prodotto riconoscibile è molto difficile in un paese dove tutto è opaco, dove le persone vengono pagate al buio e senza assicurazione”, descrive.

Come altri paesi produttori, la Grecia dovrebbe vedere un forte calo dei ricavi dell’olio d’oliva nel 2020 a 651 milioni di euro, da 790 milioni nel 2019, secondo Eurostat.

© 2020 Agence France-Presse. Tutti i diritti d’autore e le rappresentazioni sono riservati. Tutte le informazioni in questa sezione (messaggi, immagini e loghi) sono protette dai diritti di proprietà intellettuale di proprietà di AFP. Di conseguenza, nessuna di queste informazioni può essere riprodotta, modificata, ridistribuita, tradotta, sfruttata commercialmente o riutilizzata in alcun modo senza il previo consenso scritto di Agence France-Presse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *