L’Africa si sta dividendo in due continenti e alla fine potrebbe aprirsi un nuovo oceano

L’Africa si sta dividendo in due continenti e alla fine potrebbe aprirsi un nuovo oceano

L’Africa si sta lentamente ma inesorabilmente dividendo in due parti. Come ogni cosa in geologia, è un processo molto lungo che richiederà milioni e milioni di anni, ma alla fine vedrà parte dell’Africa orientale staccarsi dal resto del continente, creando probabilmente un nuovo oceano tra le due masse terrestri.

Questa massiccia dislocazione è collegata all’East African Rift System (EARS), una delle faglie più grandi del mondo e che si estende per migliaia di chilometri attraverso diversi paesi dell’Africa, tra cui Etiopia, Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Uganda, Ruanda. , Burundi, Zambia e Tanzania. , Malawi e Mozambico.

Questo sistema di spaccatura significa che la placca africana è divisa in due parti – la placca somala più piccola e la placca nubiana più grande – che si allontanano l’una dall’altra ad un ritmo molto lento di millimetri all’anno, secondo un recente studio. studio del 2004.

Nel 2018 si è diffusa la notizia di una spaccatura in Kenya, e molti sostenevano che questa fosse la prova della divisione dell’Africa in due davanti ai nostri occhi. Sebbene questo spettacolo sorprendente fosse collegato a EARS, è un po’ fuorviante presentarlo come una prova vivente del grande divario dell’Africa.

Una mappa dell’Africa orientale che mostra alcuni vulcani storicamente attivi (triangoli rossi), nonché le due metà della placca africana (nubiana e somala) che si dividono lungo la zona del Rift dell’Africa orientale.

Credito immagine: USGS

Come notato in precedenza da IFLScience, questa è probabilmente solo un’espressione molto locale di una regolare attività di faglia nella valle. L’EARS è presente in questo processo da circa 25 milioni di anni, e la spaccatura in Kenya è stata un sussurro indiretto di ciò che sta accadendo nel continente.

READ  Descrivendo il viaggio di Hun Manet in Cina come un "grande successo"

Tuttavia, tra altri 5-10 milioni di anni, i cambiamenti nell’EARS potrebbero portare a un mondo molto diverso. In questo lasso di tempo, probabilmente vedremo una nuova formazione oceanica tra la placca somala e quella nubiana. Il grande continente africano perderà la sua spalla orientale e un vasto mare taglierà fuori l’Africa orientale.

Per quanto strano possa sembrare, vale la pena notare che la superficie terrestre è in uno stato di flusso costante; È troppo lento perché l’esperienza umana possa spiegarlo.

L’aspetto del mondo come lo conosciamo è relativamente nuovo. La terra e il mare che vediamo oggi: l’Eurasia e le Americhe, AfricaAntartide e Oceania: il prodotto di enormi placche tettoniche che si incastrano come un puzzle. Tuttavia, questi pezzi del puzzle si muovono molto lentamente nell’arco di milioni di anni.

Basti pensare alla divisione che ha vissuto la Terra Circa 138 milioni di anni fa Quando il Sud America e l’Africa si divisero. Se osservi la costa occidentale dell’Africa e la costa orientale del Sud America, noterai che si incastrano come due pezzi di un puzzle, evidenziando magnificamente come un tempo questi due continenti fossero uniti come uno solo.

La partenza dell’Africa orientale sarà solo un’altra pagina di questo gigantesco libro di fiabe geologiche. Chissà se l’umanità sarà in giro per vedere qualcuno di questi cambiamenti, ma non sembra molto ottimista.

La versione precedente di questo articolo era Pubblicato marzo 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *