La trasformazione digitale in Africa dipende da partenariati strategici, affermano i partecipanti alla conferenza sull’e-governance

La trasformazione digitale in Africa dipende da partenariati strategici, affermano i partecipanti alla conferenza sull’e-governance

La trasformazione digitale dell’Africa è diventata sempre più centrale per gli obiettivi di sviluppo sostenibile della regione. Ora, i partenariati strategici saranno cruciali per accelerare lo sviluppo digitale, hanno affermato i partecipanti alla conferenza sull’e-government dell’Estonia.

Banca Mondiale 2022 Indice di maturità tecnologica del governo (GTMI) L’aggiornamento (GTMI) evidenzia che paesi africani come Tanzania, Uganda e Mauritius si uniscono al gruppo “molto maturo” di leader GovTech, insieme a leader digitali come Estonia, Singapore e Giappone.

Mentre i governi di tutta l’Africa abbracciano il potere della tecnologia per modellare le loro società, la questione di come promuovere un e-government inclusivo e collaborativo che coinvolga i cittadini e le comunità è diventata critica.

I relatori in rappresentanza di vari paesi africani e entità transnazionali africane hanno sottolineato che la collaborazione e l’inclusività saranno fondamentali per sbloccare il potenziale dell’Africa per la trasformazione digitale durante Il percorso collaborativo verso l’innovazione: casi di studio dall’Africa Group Nel Conferenza sull’e-governance 2023 Tenuto a Tallinn, in Estonia.

La Namibia abbraccia la cooperazione per sviluppare politiche digitali

La collaborazione strategica ha plasmato il viaggio della Namibia verso lo sviluppo di politiche digitali inclusive, secondo Emma Theophilos, Vice Ministro, Ministero delle Comunicazioni e dell’Information Technology, Namibia. La Namibia si è impegnata con organizzazioni intergovernative e blocchi regionali e ha utilizzato i protocolli e i trattati esistenti per valutare le sue politiche.

“Le politiche digitali non esistono nel vuoto. Devono essere confrontate con le leggi e la costituzione esistenti. Allo stesso tempo, la cooperazione ci consente di beneficiare delle esperienze regionali e internazionali, garantendo al contempo che le nostre leggi e politiche riflettano la nostra posizione.

Theophilus ha sottolineato la necessità di allineare le politiche digitali con la roadmap di sviluppo nazionale del paese, incorporando nel contempo il contributo delle parti interessate locali come la società civile e il settore privato.

READ  Donald Trump: Gli esperti legali vedono una dura battaglia nel caso di frode

La Namibia non solo ha adottato un approccio collaborativo allo sviluppo delle politiche, ma anche allo sviluppo delle infrastrutture digitali. Un esempio di ciò è la soluzione di interoperabilità fornita dal governo namibiano Nam-X è la società IT estone Cybernetica è stato implementato in collaborazione con l’Electronic Governance AcademyEstonia.

Nam-X è un file Soluzione sicura per lo scambio di dati e l’interoperabilità che facilitano l’interazione senza soluzione di continuità tra diverse agenzie e sistemi governativi, nonché tra il settore privato e la società civile in Namibia. Mira a migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi governativi razionalizzando la condivisione dei dati e riducendo la duplicazione degli sforzi.

L’Uganda sviluppa politiche digitali con occhio attento

Sebbene sia importante coinvolgere tutte le parti interessate (compresa la società civile, il settore privato, il mondo accademico e i partner per lo sviluppo) durante lo sviluppo della politica digitale, è fondamentale bilanciare le priorità delle parti interessate con le esigenze nazionali. Orientamento Nazionale, Uganda.

Abbiamo deliberatamente detto [to international development partners], queste sono le nostre esigenze. Non darci da mangiare. Porta la tua esperienza e allinea anche le tue intenzioni con la roadmap di sviluppo e le nostre esigenze.

Zavid ha anche condiviso l’approccio proattivo dell’Uganda nel coinvolgere le parti interessate attraverso la pianificazione basata su programmi per la trasformazione digitale.

Ha rivelato che il Ministero delle comunicazioni e della tecnologia dell’informazione guida una struttura di governance che comprende ministeri, rappresentanti del settore privato, università, società civile e partner per lo sviluppo. Questa piattaforma collaborativa consente discussioni periodiche sulle priorità, le sfide e i progressi della trasformazione digitale.

Attraverso questo approccio partecipativo, l’Uganda identifica le aree di interesse chiave, alloca in modo efficiente le risorse e monitora l’implementazione delle iniziative digitali. Ha inoltre osservato che il coinvolgimento delle parti interessate di diversi settori garantisce che le politiche ei programmi siano completi e soddisfino le diverse esigenze della popolazione.

READ  Il vulcano islandese potrebbe eruttare da un momento all'altro

Inoltre, il dialogo regolare promuove un senso di appartenenza e responsabilità tra le parti interessate, portando a un maggiore impegno e all’attuazione efficace delle iniziative di trasformazione digitale.

Partenariati sostenibili verso uno sviluppo digitale completo

La collaborazione con il settore privato consente un approccio più responsabile e strutturato, mentre il coinvolgimento del settore sociale garantisce che i cittadini traggano vantaggio dalle soluzioni digitali, ha affermato Kofi Djosso, Senior Program Manager, West African Development Bank, Togo.

Ha evidenziato il ruolo della West African Development Bank nella promozione di partenariati sociali tra il settore pubblico e quello privato per uno sviluppo digitale inclusivo. La Banca, che serve otto paesi africani, riconosce il potere di trasformazione della digitalizzazione per la crescita sociale ed economica.

I leader dell’e-government stanno anche lavorando con i paesi africani per guidare la trasformazione digitale. come parte dell’Estonia Strategia decennale Per sostenere lo sviluppo dell’Africa, sosterranno altri paesi in aree come la trasformazione digitale, l’e-governance e l’innovazione, ha condiviso Liina Link, funzionario dell’ufficio presso il ministero degli Affari esteri estone.

L’ho condiviso Centro estone per lo sviluppo internazionale (ESTDEV) sosterrà quattro partner chiave, Kenya, Uganda, Namibia e Botswana in queste aree per guidare lo sviluppo sostenibile.

Studio sulla prontezza digitale del Kenya. Foto: Accademia di e-governance

Allo stesso modo, il Hub D4D Unione Africana – Unione Europea (AU-UE). Rafforzerà la cooperazione nell’e-government tra gli Stati membri dell’UE ei governi africani per implementare mappe stradali digitali, ha condiviso Helena Leib, esperta di digitalizzazione. Il centro promuoverà lo scambio di conoscenze e lo sviluppo di capacità tra i paesi.

Ma mentre le agenzie di sviluppo e i partner di fiducia possono supportare il successo, è fondamentale che i leader africani guidino le iniziative in modo strategico e le allineino con un obiettivo più ampio, ha commentato Maxim Ovchinnikov, Head of Data Sharing Technologies di Cybernetica.

READ  أفغانستان تحت حكم طالبان: الحركة تستعد للإعلان عن حكومتها الجديدة في ظل انهيار اقتصادي وشيك

Ha sottolineato di aver particolarmente osservato questo approccio in paesi come il Benin. Non a caso, la nazione è stata uno dei sedici casi di buone pratiche relative alle aree di interesse GovTech selezionate da GTMI 2022.

Il Benin come regione di ‘buone pratiche’. Immagine: Indice di maturità della tecnologia governativa aggiornato 2022

Oltre ad assegnare obiettivi specifici a diverse agenzie governative per raggiungere la sua strategia di trasformazione del governo digitale, il Benin ha adottato un approccio “tutto il governo”, che ora è istituzionalizzato.

Paese Collaborazione continua con Cybernetica sulla piattaforma di condivisione dei dati UXP e sulla piattaforma nazionale dei cittadini all’inizio di questo mese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *