Il Trattato di Rarotonga potrebbe essere “minato” se i leader del Pacifico non si opponessero alla denuclearizzazione del Giappone

Il Trattato di Rarotonga potrebbe essere “minato” se i leader del Pacifico non si opponessero alla denuclearizzazione del Giappone

immagine: Francia Agenzia di stampa

Un esperto di diritto internazionale ha affermato che i leader del Pacifico, tra cui Australia e Nuova Zelanda, potrebbero minare gli obiettivi del trattato sulla zona libera da armi nucleari del Pacifico meridionale, meglio noto come Trattato di Rarotonga.

Duncan Currie ha affermato che i leader regionali stanno camminando su una linea sottile non opponendosi all’imminente rilascio di acque reflue radioattive dal Giappone nel Pacifico.

Il segretario generale del Forum delle Isole del Pacifico, Henry Bona, ha affermato che l’articolo VII del Trattato di Rarotonga Obbliga gli Stati firmatari a “prevenire il dumping” alla luce dell’eredità dei test sulle armi nucleari nella regione.

Questa settimana, il Forum ha ribadito la sua posizione sull’imminente rilascio, descrivendolo come “un problema con significative implicazioni transfrontaliere e intergenerazionali”.

Il Giappone si sta preparando a scaricare circa 1,3 milioni di tonnellate di acqua inquinata nell’Oceano Pacifico nell’arco di tre o quattro decenni, che secondo lui saranno rese sicure attraverso un Advanced Fluid Handling System (ALPS) e poi diluite.

La mossa è un tentativo di smantellare la centrale nucleare di Fukushima Daiichi, 12 anni dopo che fu distrutta da uno tsunami.

Gli esperti si aspettano che le correnti oceaniche spazzino i rifiuti attraverso l’Oceano Pacifico.

Bona ha affermato che la mossa potrebbe costituire un “precedente” per lo scarico deliberato e unilaterale di grandi quantità di scorie nucleari nel “nostro ambiente”.

“Questo di per sé ha importanti implicazioni e una preoccupazione a lungo termine per le nazioni delle isole del Pacifico che non dovrebbero tollerare ulteriori attività di test nucleari.

“Sono necessari nuovi approcci, comprese alternative allo scarico oceanico, che rappresentano la via da seguire in modo responsabile”, ha affermato Bona.

Cammina delicatamente intorno al trattato

Mentre il Giappone insiste sul fatto che le acque reflue devono essere trattate e sicure, sarebbero comunque radioattive.

Ma anche se fosse sicuro farlo, il Trattato di Rarotonga afferma che i suoi firmatari devono “impedire lo scarico di rifiuti radioattivi e altri materiali radioattivi da parte di chiunque nel suo mare territoriale”.

Duncan Currie, che consiglia Greenpeace della Corea del Sud sul rilascio, non si spingerebbe fino a dire che i leader del Pacifico hanno violato il trattato, ma crede che alcuni leader del Pacifico stessero “minando gli obiettivi del Trattato di Rarotonga non opponendosi ai piani del Giappone”.

Nel dicembre 2022, il governo della Nuova Zelanda ha dichiarato che non avrebbe intrapreso azioni legali per fermare il rilascio.

Gli attuali stati parti del trattato sono: Australia, Isole Cook, Fiji, Kiribati, Nauru, Nuova Zelanda, Niue, Papua Nuova Guinea, Samoa, Isole Salomone, Tonga, Tuvalu e Vanuatu.

Né i territori americano e francese né i tre stati indipendenti della Micronesia che hanno accordi di libera associazione con l’America hanno firmato.

“I paesi del Pacifico sono forti se stanno insieme. Ed è troppo facile, sfortunatamente, approfittare della loro debolezza”, ha detto Curry.

“potere collettivo”

Il Presidente degli Stati Federati di Micronesia (FSM) all’inizio di quest’anno ha espresso il suo sostegno ai piani del Giappone durante il suo viaggio in Giappone.

Della sua posizione ha parlato anche il primo ministro della Papua Nuova Guinea.

James Marapp ha affermato che il Giappone potrebbe andare avanti con i suoi piani solo se “il test è conforme a tutti gli standard e requisiti globali”, cosa che il governo giapponese ha affermato che sarà.

READ  Grootste growth ter wereld ingepakt tegen naderende bosbrand

Henri Bona continua a sottolineare l’importanza del regionalismo, che significa restare uniti su questo tema.

“Conosciamo l’importanza della forza collettiva per il futuro del nostro continente blu e pacifico.

“Quando quella forza collettiva cerca di conoscere meglio e servire i bisogni di tutti coloro che vivono nel mare delle nostre isole – Te Moana – Nui – A – Kiowa – possiamo guidare il mondo intero”, ha detto Puna.

‘sciocco’

Nigel Marks, professore associato di scienze nucleari della Curtin University, trova problematica l’idea che il Sud Pacifico possa essere “privo di nucleare” – che descrive come una dichiarazione sociale.

“Certo, nulla è privo di nucleare – anche le persone sono radioattive, con circa 10.000 decadimenti radioattivi che si verificano all’interno dei nostri corpi ogni secondo”, ha detto.

Più problematico, ha detto, è stata l’insinuazione dalla dichiarazione del PIF che le azioni a Fukushima potrebbero influenzare materialmente il Pacifico meridionale.

“Qui, i dettagli scientifici sono davvero importanti. Il rilascio pianificato non influirà nemmeno sulla vita marina nel punto di uscita.

I livelli sono così bassi che consumare abbastanza pesce per tutta la vita avrebbe l’equivalente di radiazioni al trizio di meno di un morso di banana.

“A 20 km dall’uscita, i livelli sono di nuovo 100 volte più piccoli. Suggerire che ciò possa in qualche modo influenzare il Pacifico meridionale è assurdo”, ha detto Marks.

Il lancio del rilascio è imminente poiché il Giappone sta già testando i meccanismi del processo.

RNZ Pacific ha chiesto un commento alla Tokyo Electric Power Company (TEPCO) e all’Ambasciata del Giappone in Nuova Zelanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *