La supereruzione di Toba potrebbe aver facilitato la diffusione degli esseri umani moderni fuori dall’Africa

La supereruzione di Toba potrebbe aver facilitato la diffusione degli esseri umani moderni fuori dall’Africa

L'eruzione del supervulcano Toba, avvenuta 74.000 anni fa, rappresenta uno degli eventi vulcanici più catastrofici della storia della Terra, con ripercussioni globali potenzialmente devastanti per la popolazione umana dell'epoca. Recentemente, un team di ricercatori dell’Università del Texas ad Austin, dell’Arizona State University e del Centre National de la Recherche Scientifique in Francia ha fatto luce non solo su come i nostri antenati sono sopravvissuti a questo evento, ma su come ha influenzato i percorsi migratori umani in uscita. Africa.

Pubblicato sulla rivista naturaQuesto studio si basa sui reperti archeologici rinvenuti nel sito di Shinfa-Metema 1, nell’Etiopia nordoccidentale, rivelando nuove strategie di adattamento di fronte alle condizioni climatiche estreme causate dall’eruzione.

Sopravvivere alle avversità: prove in Shinfa-Metema 1 contro Toba

Gli scavi nel sito Shinfa-Metema 1 hanno rivelato una comunità sopravvissuta alla catastrofica eruzione del supervulcano Toba. L'ultimo si è verificato circa 74.000 anni fa. La società umana scoperta ha saputo adattarsi in modo ammirevole alle sue conseguenze.

Le condizioni ambientali sono diventate notevolmente più secche e sfavorevoli. Infatti, l'analisi isotopica dei denti dei mammiferi e dei frammenti di gusci d'uovo di struzzo rinvenuti nel sito ha rivelato modifiche nella dieta di questi animali.

Tra i reperti più importanti figurano strumenti in pietra appositamente progettati per essere utilizzati come punte di freccia. Costituiscono la più antica testimonianza conosciuta dell'uso di arco e frecce da parte dell'uomo. Questa innovazione tecnologica rappresenta un punto di svolta nella storia umana e rivela la capacità di adattamento e un ingegno eccezionale di fronte a condizioni di vita difficili.

Punte di proiettili provenienti da un sito archeologico mesolitico, Shinfa-Metema 1, nelle pianure nordoccidentali dell'Etiopia, risalenti al tempo della super-eruzione di Toba 74.000 anni fa, forniscono prove dell'uso di archi e frecce prima che il vulcano si disperdesse. Gli esseri umani moderni fuori dall’Africa. © Progetto di indagine sul Nilo Azzurro.

L'uso dell'arco e delle frecce ha permesso a queste comunità di espandere la propria gamma di cibo attraverso una caccia più efficiente. Potrebbe anche aver svolto un ruolo cruciale nella loro capacità di disperdersi ed esplorare nuovi territori.

READ  Gli scienziati hanno simulato l'esplosione di supernova e la formazione di stelle in laboratorio

“Autostrade Blu” verso l'ignoto ma lontano da Toba

L'ipotesi delle “autostrade blu” rivela come i nostri antenati navigavano in ambienti aridi e mutevoli. Offre nuove prospettive sulla migrazione umana. In effetti, le prime migrazioni sarebbero avvenute attraverso fertili “corridoi verdi”.

Preferivano periodi umidi che fornissero cibo e acqua in abbondanza. Al contrario, le “autostrade blu” rappresentano rotte migratorie dettate dalla necessità di trovare risorse idriche durante le lunghe stagioni secche. Queste strade si estendono lungo fiumi stagionali e punti d'acqua che continuano anche in tempi di siccità.

John Kappelman, dell'Università del Texas e autore principale dello studio, spiega in A Ho riferito : ” Poiché le persone all'interno e nei dintorni di una particolare pozza d'acqua rimanevano senza cibo durante la stagione secca, probabilmente dovevano trasferirsi in nuove pozze d'acqua. “. Aggiungere : ” I fiumi stagionali agiscono quindi come “pompe”. Spostarono le popolazioni lungo i canali da una pozza d'acqua all'altra, portando probabilmente alla dispersione finale fuori dall'Africa. “.

Questo approccio alla migrazione evidenzia la capacità dei primi esseri umani di sfruttare in modo proattivo le risorse nel loro ambiente. Usano le caratteristiche geografiche naturali come guida per la loro diffusione nel continente e oltre. La teoria delle “autostrade blu” sfida i modelli consolidati di migrazione umana. Ci consente di comprendere meglio le complesse dinamiche che modellano i movimenti e l’espansione dell’umanità nel mondo. Richiede inoltre una rivalutazione dell’impatto dei principali eventi climatici e ambientali. Che si tratti dello sviluppo sociale, tecnologico o culturale delle prime società umane.

La rivoluzione crittografica

La scoperta e l'analisi di Cryptophera nel sito Shinfa-Metema 1 rappresenta una pietra miliare importante in questo ambito. I Cryptotyphra misurano da 80 a 20 micron, più stretti di un capello umano. Nonostante le loro piccole dimensioni, trasportano preziose informazioni geochimiche. Una volta analizzati rivelano la loro specifica origine vulcanica. I ricercatori sono stati in grado di isolare firme uniche che senza dubbio li collegavano all’eruzione del Toba.

READ  Cerca la materia oscura nella galassia dalle profondità della terra

Questa tecnica, nota come cronologia, ha reso possibile datare con precisione manufatti e manufatti ambientali associati. Fornisce un quadro temporale chiaro dell’impatto dell’eruzione sui residenti locali. Il gruppo di ricerca è stato quindi in grado di tracciare un quadro vivido della sopravvivenza umana in condizioni difficili dopo l’eruzione. Ha inoltre sviluppato strategie di adattamento e di migrazione conseguenti.

Un piccolo pezzo di vetro, più piccolo del diametro di un capello umano, è stato recuperato da un sito medievale dell’età della pietra nell’Etiopia nordoccidentale. La sua chimica corrisponde a quella del gigantesco vulcano Toba in Indonesia. Le persone che vivevano in questo sito archeologico sono sopravvissute alla massiccia esplosione. © Rachel Johnson.

Concretamente, l'aumento del consumo di pesce, suggerito dall'abbondanza di resti ittici negli strati post-eruttivi, indica un importante cambiamento nelle abitudini alimentari, forse in risposta alla scarsità di altre risorse. Allo stesso modo, la presenza di punte di proiettile associate a strati contenenti Cryptophyra indica innovazione tecnologica negli strumenti e nella caccia. Le scoperte di Shinfa-Metema 1 e di altri siti simili aprono un nuovo capitolo nella nostra comprensione della storia umana e mettono in luce la nostra capacità di superare i disastri.

Fonte: John Kappelman et al., “Comportamenti di foraggiamento adattivo nel Corno d'Africa durante la supereruzione del Toba“, Natura (2024)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *