Questa rarissima malattia neurologica conferisce ai volti un aspetto diabolico

Questa rarissima malattia neurologica conferisce ai volti un aspetto diabolico

  • Notizia
  • pubblicato su
    aggiornato


    Lettura 3 minuti.

    Affetto da un raro disturbo visivo chiamato prosopometamorfismo, l'uomo vede i volti intorno a lui come demoni distorti. Grazie a lui la scienza oggi sa di più su questo fatto inquietante.

    Incubo Quando si sveglia, si sveglia circondato da “demoni”.

    Una mattina del 2020, quando si è svegliato, Victor Sharah, 58 anni, ha sperimentato la paura della sua vita: davanti a lui c'era il suo compagno di stanza che lo guardava, adornato con orecchie a punta, occhi giganti e una bocca tagliata ai bordi del viso . . La stessa visione di orrore quando esce di casa: i passanti hanno tutti volti mostruosi e distorti.

    “La prima cosa che ho pensato è che mi sono svegliato nel mondo dei demoni.”Lo ha detto all'AFP. ““Ho iniziato a farmi prendere dal panico” e ho pensato “mi sarei impegnato in psichiatria”. Considerare.

    Ma Victor Al-Sharaa non è sotto l'effetto di sostanze allucinogene come alcuni potrebbero pensare. No, soffre di quella che chiamiamo prosopometamorfopsia, o PMO, che è un disturbo estremamente raro che causa una distorsione visiva dei volti.

    La prosopometamorfopsia è un disturbo molto raro della percezione del volto. I pazienti affetti da questa condizione di solito vedono le caratteristiche di una persona distorte quando le guardano, assomigliando anche ai loro peggiori incubi.

    L'uomo cinquantenne, dotato di vista perfetta, aveva da tempo paura delle sue apparizioni. Ma ha un vantaggio: non vede alcuna distorsione sui volti quando vengono visualizzati su schermo e su carta. Grazie alla sua collaborazione, ciò ha permesso ai ricercatori di Dartmouth di fornire visualizzazioni accurate delle deformità facciali osservate dai pazienti.

    READ  Leggero e non deperibile: particelle di plastica trasportate dal vento

    Per condurre lo studio, il volontario è stato posto di fronte alle persone e le ha fotografate. In questo modo ha potuto spiegare ai ricercatori le differenze che avevano notato tra la figura sullo schermo e il volto reale di fronte a lui. L'immagine viene modificata utilizzando un software per computer per corrispondere alle anomalie osservate dal paziente. Alla fine regalando immagini che somigliano a elfi o elfi… insomma creature disumane.

    “Grazie a questo processo, siamo stati in grado di visualizzare in tempo reale la percezione delle deformità facciali da parte del paziente”. Entusiasta Antonio Mello del Dipartimento di Scienze del cervello e Psicologia di Dartmouth.

    Ma il motivo resta un mistero

    Fortunatamente, la prosopometamorfosi è ancora oggi una malattia molto rara. Secondo gli autori, nella letteratura scientifica sono stati finora elencati solo 75 casi e non sono identici: i disturbi possono colpire la forma, la dimensione, il colore e la posizione dei tratti del viso, mentre “Giorni, settimane, persino anni”hanno identificato i ricercatori nel loro comunicato stampa.

    Per quanto riguarda la sua origine, rimane un mistero. Se questo disturbo generalmente raro compare dopo una lesione cerebrale, la diagnosi non è facile. Ad esempio, Victor Charra ha sviluppato una lesione cerebrale, conseguenza di un infortunio mentre lavorava come camionista nel 2007. Ma ciò non sarebbe correlato al suo disturbo, secondo Antonio Melo, perché le immagini MRI hanno identificato la sua lesione cerebrale. L'ippocampo, parte del cervello Non è connesso alla rete di elaborazione delle immagini“.

    Paura di sembrare pazzo

    D'altra parte, questo disturbo può essere confuso con un disturbo mentale. “Molte persone affette da PMO ci hanno detto che gli psichiatri hanno diagnosticato la malattia schizofrenia Sono stati somministrati antipsicotici, anche se la loro condizione era un problema con il sistema visivo”.“, dice l'autore principale Brad Duchene di Dartmouth.

    READ  Ecco la città più bella della Francia secondo... la scienza!

    Gli autori, infatti, ritengono anche che le persone con questa condizione, per paura di ciò che potrebbero imparare, o per paura di sembrare pazze, non ne parlano e vivono da sole nel timore di essere percepite.

    Per tre anni Victor Chara si è abituato a questo mondo abitato da demoni. Tuttavia, ha deciso di parlarne per far avanzare la scienza e informare altri pazienti che potrebbero svegliarsi, come lui, nel mezzo di un incubo.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *