La prima prova della possibile esistenza di un pianeta al di fuori della Via Lattea

  • Gli astronomi hanno riportato prove che il pianeta potrebbe trovarsi in un’altra galassia.
  • cosa incredibile”al di fuori del pianeta solareQuesto sarebbe molto di più di quello che migliaia di altri studiosi hanno trovato nella nostra zona via Lattea galassia negli ultimi anni.
  • Questo pianeta candidato è stato identificato come NASAOsservatorio a raggi X Chandra, che ha rilevato l’oscuramento transitorio dei raggi X nel sistema binario.
  • I ricercatori interpretano questa eclissi come un pianeta che corre lungo la sorgente di raggi X intorno ad A. stella di neutroni o Buco nero Ruota intorno alla stella compagna.

Gli astronomi hanno trovato prove di un possibile candidato planetario nella galassia M51 (“vortice”), che è forse il primo pianeta visto transitare una stella al di fuori della Via Lattea. I ricercatori hanno utilizzato l’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA per rilevare il blocco dei raggi X da un sistema “binario a raggi X” in cui una stella simile al Sole orbita attorno a una stella di neutroni o a un buco nero. Gli autori interpretano questa eclissi come un pianeta di fronte a una stella di neutroni o un buco nero.

L’immagine composita a raggi X M51 di Chandra e la luce ottica del telescopio spaziale Hubble della NASA contengono una scatola che trova un potenziale candidato per i pianeti. Credito: Raggi X: NASA/CXC/SAO/R. Distefano et al. ; Ottica: NASA / ESA / STScI / Grendler

Il pannello di sinistra di questo grafico mostra M51 con i raggi X di Chandra (viola e blu) e la luce ottica della NASA. Telescopio Spaziale Hubble (rosso, verde e blu). Il riquadro mostra la posizione del pianeta candidato, una binaria a raggi X nota come M51-ULS-1. L’illustrazione dell’artista nel pannello di destra raffigura un binario a raggi X e un possibile pianeta. Il materiale della stella compagna (bianco e blu nell’immagine) si avvolge su una stella di neutroni o un buco nero, formando un disco attorno al corpo denso (contrassegnato in rosso e arancione). La materia vicino a un oggetto denso diventa molto calda, facendola brillare ai raggi X (bianco). Il pianeta appare quando inizia a passare questa sorgente di raggi X.

Possibili orbite di M51

orbite possibili. Credito: NASA/CXC/M. Cattle

La ricerca della debole luce di una stella quando qualcosa le passa davanti si chiama tecnica del transito. Per anni, gli scienziati hanno scoperto pianeti extrasolari usando telescopi ottici, che determinano la gamma di luce che le persone possono vedere con i loro occhi e altro ancora. Ciò include sia i telescopi terrestri che i telescopi spaziali, come la missione Kepler della NASA. La determinazione dei transiti ottici richiede un livello di sensibilità molto elevato perché il pianeta è molto più piccolo della stella che sta attraversando e quindi blocca solo una piccola parte della luce.

M51-ULS-1 Curva di luce

Questa curva di luce mostra come i raggi X di M51-ULS-1 Chandra scendano temporaneamente a zero durante le osservazioni. Credito: NASA/CXC/SAO/R. Distefano et al

Lo scenario di transito è diverso nel binario a raggi X. Poiché il potenziale pianeta è vicino a una sorgente di raggi X attorno a una stella di neutroni o a un buco nero, un pianeta in transito che corre lungo la linea di vista della Terra può bloccare temporaneamente la maggior parte o tutti i raggi X. Ciò consente il rilevamento di transizioni a distanze maggiori, anche oltre la Via Lattea, dagli attuali studi fotovoltaici che utilizzano i transiti. Il grafico (sopra) mostra come i raggi X di M51-ULS-1 scendano temporaneamente a zero durante le osservazioni di Chandra.

Sebbene questo sia uno studio confuso, lo stato dell’esopianeta M51 non è rigido. Una sfida è che l’orbita principale del pianeta per M51-ULS-1 significa che non attraverserà il suo partner binario in circa 70 anni, vanificando tutti i tentativi di stabilire la convalida per decenni. C’è anche la possibilità che il blocco dei raggi X sia stato causato da una nuvola di gas vicino a M51-ULS-1, sebbene i ricercatori siano convinti che i dati favoriscano una spiegazione per il pianeta.

Riferimento: possibile pianeta candidato in una galassia esterna scoperto dai transiti di raggi X, 25 ottobre 2021, astronomia naturale.
PDF

Un documento che descrive questi risultati è stato pubblicato nell’ultimo numero astronomia naturale. Autore Joe Roseanne Distefano (CfA), Julia Berndson (Princeton), Ryan Urquhart (Michigan State University), Roberto Soria (Chinese Academy of Sciences), Vinay Kashab (CfA), Theron Carmichael (CfA) e Nea Imara (ora University of California Santa Cruz). Il Marshall Space Flight Center della NASA gestisce il programma Chandra. Il Chandra X-ray Center presso l’Osservatorio Astrofisico Smithsonian controlla la scienza da Cambridge, nel Massachusetts, e le operazioni di volo da Burlington, nel Massachusetts.

READ  Maltempo in Belgio: frane, volte allagate, flussi di fiumi river

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *