La prima mappatura completa al mondo delle barriere coralline rivela un'area molto più grande del previsto

La prima mappatura completa al mondo delle barriere coralline rivela un'area molto più grande del previsto

L'ultimo studio condotto da ricercatori dell'Università del Queensland, in collaborazione con l'Allen Coral Atlas Project, evidenzia un fatto sorprendente sulle barriere coralline del nostro pianeta. Pubblicato sulla rivista Rapporti delle cellule di sostenibilitàQuesta ricerca utilizza immagini satellitari avanzate e tecniche di apprendimento automatico per rivelare che l’area coperta dalle barriere coralline è circa il 25% più grande di quanto suggerito dalle stime precedenti. Questa scoperta, che porta l’area totale della barriera corallina a 348.000 chilometri quadrati, le dimensioni della Germania, mette alla prova la nostra comprensione dell’ecosistema marino e sottolinea l’importanza fondamentale di questi habitat per la biodiversità e le comunità umane che dipendono da essi.

Mappatura delle barriere coralline rivoluzionarie

Lo sfruttamento delle tecnologie satellitari, combinato con l’intelligenza artificiale, ha segnato un punto di svolta nel modo in cui comprendiamo e mappiamo gli ecosistemi marini. Ciò è particolarmente efficace per le barriere coralline. L’Allen Coral Atlas Project, frutto di una collaborazione internazionale tra ricercatori, ha implementato questo approccio innovativo. Utilizzando i satelliti Sentinel-2 dell'ESA e i Dove CubeSats di Planet Labs, il progetto ha catturato immagini ad alta risoluzione della Terra. Questi dati hanno consentito una mappatura precisa delle aree marine e delle barriere coralline, rivelandone l’inaspettata estensione.

Mappatura geomorfologica (a sinistra) rispetto all'estensione delle nuove barriere coralline (ombreggiatura rossa, immagine a destra) sulla Grande Barriera Corallina centrale. © Allen Coral Atlas, CC BY-SA

L'alta risoluzione consente di distinguere chiaramente gli scheletri dei coralli, anche in acque poco profonde, fino a 20 o 30 metri di profondità. L’intelligenza artificiale svolge un ruolo nell’analisi di questi vasti insiemi di dati visivi. Concretamente, grazie ad algoritmi di machine learning, il progetto ha elaborato centinaia di terabyte di immagini. Era necessario determinare le caratteristiche specifiche delle barriere coralline, come la loro composizione, struttura ed estensione. Questa analisi ha utilizzato milioni di campioni di addestramento, raccolti e annotati da esperti di biologia marina ed ecologia della barriera corallina, per addestrare modelli di intelligenza artificiale per identificare accuratamente le aree coralline.

READ  RAMBO rivela al fisico di Rice un fenomeno magnetico utile per la simulazione e il rilevamento quantistico

>>Leggi anche: La scoperta della più grande barriera corallina di acque profonde del mondo al largo delle coste americane

Dove sono le barriere coralline?

L'integrazione di queste tecniche ha permesso di scoprire barriere coralline mai registrate prima. Ciò ha portato ad un aumento significativo nella stima della copertura complessiva della barriera corallina. In effetti, questo metodo ha rivelato che le barriere coralline occupano circa il 25% in più di spazio. O altri 64.000 chilometri quadrati. Il risultato ? La prima mappa completa al mondo dell'estensione e della composizione delle barriere coralline.

Mappatura geomorfologica (a sinistra) rispetto all'estensione delle nuove barriere coralline (ombreggiatura rossa, immagine a destra) nella Grande Barriera Corallina settentrionale. (Allen Coral Atlas, CC BY-SA)

Le barriere coralline scoperte di recente si trovano principalmente nelle acque circostanti l'Indonesia e l'Australia. Rivela la straordinaria ricchezza biologica di queste regioni. Queste aree ospitano una meravigliosa varietà di specie marine. Lì incontriamo polipi che costruiscono barriere coralline, pesci colorati e molti organismi simbiotici.

>>Leggi anche: Cosa accadrebbe se tutti i pesci dell’oceano scomparissero?

Implicazioni per la conservazione della barriera corallina

Le barriere coralline svolgono un ruolo essenziale come habitat per gran parte della biodiversità marina. Proteggono inoltre le coste dall’erosione e mitigano l’impatto delle onde e delle tempeste sulle comunità costiere.

Mappatura bentonica (a sinistra) rispetto alla nuova estensione del reef (ombreggiatura rossa, immagine a destra) del Tongue Reef sulla Grande Barriera Corallina. © Allen Coral Atlas, CC BY-SA

Le mappe accurate e complete fornite dal progetto Allen Coral Atlas consentono quindi di identificare con precisione le aree che necessitano di urgenti azioni di protezione o ripristino. In effetti, l’aumento della temperatura dell’oceano sta contribuendo alla comparsa di cicloni tropicali più potenti che distruggono le barriere coralline. A sua volta, la perdita di queste barriere coralline potrebbe avere un impatto sulle persone che dipendono da esse per il loro reddito. Di conseguenza, i paesi utilizzano l’Atlante dei coralli per pianificare gli sforzi di recupero e ripristino.

READ  In amore gli opposti si attraggono o l'amato attrae i simili? La scienza ha deciso

Vanuatu sarà colpita da cicloni sempre più imprevedibili, che devasteranno le barriere coralline. La mappa può quindi fornire preziose informazioni su quali aree dovrebbero avere la priorità per il ripristino. Alle Seychelles, la mappatura dei coralli è stata utilizzata per valutare il valore delle barriere coralline per il turismo. La gestione e la protezione di questi ecosistemi richiedono un approccio globale e informato. Questi dati forniscono quindi una solida base per l’implementazione delle zone marine protette (MPZ).

>>Leggi anche: Il mistero della formazione degli atolli è stato finalmente risolto

Quali sono le sfide che devono affrontare le barriere coralline?

Scoprire la reale estensione delle barriere coralline offre un barlume di speranza di fronte alle grandi sfide ambientali che ne minacciano l’esistenza. Il cambiamento climatico, manifestato dall’aumento della temperatura dell’oceano, sta causando lo sbiancamento dei coralli. Questo fenomeno stressante fa sì che perdano le alghe simbiotiche, essenziali per la loro nutrizione e il loro colore. Combinato alla pesca eccessiva che squilibra gli ecosistemi e all’inquinamento che degrada la qualità dell’acqua, crea un ambiente ostile alla loro sopravvivenza.

Le mappe dettagliate facilitano il monitoraggio dei cambiamenti nel tempo. Permettono così ai ricercatori e ai manager di reagire rapidamente ai segnali di deterioramento. Inoltre, queste preziose informazioni aiutano a sensibilizzare il pubblico e i responsabili politici sull’importanza vitale delle barriere coralline. Evidenzia i benefici ambientali, economici e sociali che offre. Quindi il Coral Atlas di Allen non si limita a mappare le barriere coralline. Fornisce una piattaforma dinamica per mobilitare un’azione globale per conservare questi ecosistemi marini essenziali.

Gli autori specificano nell'articolo in Conversazione : ” Buone notizie, queste mappe stanno già portando a reali cambiamenti nel mondo. Abbiamo già assistito a nuovi sforzi di conservazione della barriera corallina in Indonesia, in diverse nazioni insulari del Pacifico, a Panama, Belize, Kenya, Australia e altri. “.

READ  La fotocamera Dark Energy cattura Messier 83 in grande dettaglio | Astronomia

>>Leggi anche: Nuove barriere coralline scoperte al largo delle isole Galapagos

Fonte: M. B. Lyons et al., “Nuove stime dell'area globale della barriera corallina dalla mappatura ad alta risoluzioneRapporti sulle cellule di sostenibilità, 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *