La nuova funzione di personalizzazione di ChatGPT può far risparmiare molto tempo agli utenti: Ars Technica

La nuova funzione di personalizzazione di ChatGPT può far risparmiare molto tempo agli utenti: Ars Technica
Ingrandire / Immagine generata dall’intelligenza artificiale di un chatbot davanti agli scaffali della biblioteca.

Bing Edwards / Diffusione stabile

Giovedì, OpenAI annunciare Una nuova funzionalità sperimentale di ChatGPT che consente agli utenti di fornire istruzioni personalizzate che il chatbot terrà in considerazione ad ogni invio. L’obiettivo è impedire agli utenti di ripetere istruzioni comuni tra le sessioni di chat.

La funzione è attualmente in versione beta per i membri dell’abbonamento ChatGPT Plus, ma OpenAI afferma che espanderà la disponibilità a tutti gli utenti nelle prossime settimane. Al momento della stesura di questo documento, la funzione non è ancora disponibile nel Regno Unito e nell’UE.

La funzione di guida personalizzata funziona consentendo agli utenti di impostare le proprie preferenze o requisiti individuali che il modello AI terrà in considerazione durante la generazione delle risposte. Invece di ricominciare ogni conversazione, ChatGPT può ora essere istruito a ricordare specifiche preferenze dell’utente attraverso più interazioni.

In primo piano post sul blogOpenAI ha fornito esempi di come qualcuno potrebbe utilizzare la nuova funzionalità: “Ad esempio, un insegnante che redige un piano di lezione non deve più ripetere che sta insegnando scienze di terza elementare. Uno sviluppatore preferirebbe un codice efficiente in un linguaggio che non sia Python: può dirlo una volta, ed è comprensibile. L’acquisto di generi alimentari per una famiglia numerosa diventa più semplice, con il modello che tiene conto di 6 porzioni sulla lista della spesa”.

Per ora, la guida dedicata è in Impostazioni > Impostazioni.  Elenco delle funzionalità sperimentali.  Se non vedi l’opzione, il tuo account o la tua regione non la supportano ancora.” src=”https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2023/07/custom_instructions_settings-640×459.jpg” width=”640″ height=”459″ srcset=”https://cdn.arstechnica.net/wp-content/uploads/2023/07/custom_instructions_settings.jpg 2x” decoding=”async” class=”amp-wp-enforced-sizes”/></a><figcaption class=
Ingrandire / Per ora, le istruzioni dedicate si trovano nel menu Impostazioni > Funzionalità sperimentali. Se non vedi l’opzione, il tuo account o la tua regione non la supportano ancora.

Ars Tecnica

Se vuoi provarlo, dovrai scavare un po ‘nelle impostazioni. Gli utenti Web di ChatGPT devono fare clic sul proprio nome nell’angolo in basso a sinistra, andare su Impostazioni, quindi su Funzionalità sperimentali e fare clic sull’interruttore accanto a Guida personalizzata. D’ora in poi nel menu comparirà una nuova opzione della Guida personalizzata. Per quelli su iOS, tocca Impostazioni, quindi Nuove funzionalità e attiva la Guida personalizzata.

READ  VTuber渋谷ハルロングインタビュー 新プロダクション「merise」の目指していくもの | Mogura VR

Se non vedi l’opzione nelle impostazioni di ChatGPT, significa che l’area del tuo account non ha ancora ottenuto l’accesso alla funzione.

Dopo aver attivato la funzione Guida personalizzata e aver fatto clic sulla sua opzione in Impostazioni, vedrai due campi di immissione del testo: uno che chiede cosa ChatGPT dovrebbe sapere su di te e uno che chiede “Come vorresti che ChatGPT rispondesse?”

Schermata di due
Ingrandire / Screenshot dei campi di immissione della Guida personalizzata nella versione Web di ChatGPT.

Ars Tecnica

OpenAI afferma che il primo campo di input è progettato per raccogliere informazioni contestuali sull’utente che possono aiutare il modulo a fornire risposte migliori. Si suggerisce di scrivere informazioni sulla professione dell’utente, preferenze o qualsiasi altra informazione che possa essere utile al modulo. Ad esempio, “Lavoro a programmi di educazione scientifica per la terza elementare”.

Il secondo campo viene utilizzato per raccogliere dettagli su come gli utenti vorrebbero che il modello AI rispondesse. Ciò consente agli utenti di indirizzare o formattare l’output del modulo. Ad esempio, gli utenti possono istruire ChatGPT a presentare le informazioni in un formato tabulare, specificando i pro e i contro delle opzioni nel risultato.

Durante il test della funzione, Ars ha scoperto che la funzione Guida personalizzata migliorava i risultati in modo simile alla presentazione delle stesse informazioni a un prompt. In questo modo, sembra funzionare come un’estensione rapida, anche se non siamo sicuri che i caratteri (1500 in ogni prompt) contino rispetto alla finestra di contesto generale. La finestra di contesto è attualmente limitata a 4096 token (parti di una parola) e limita la memoria totale a breve termine, per così dire, della conversazione corrente. Abbiamo contattato OpenAI per chiarimenti.

READ  Twitter tipster ci mostra come potrebbe essere un display Galaxy S23 con una fotocamera sotto il display

Le istruzioni personalizzate funzionano anche con i plugin, afferma OpenAI. Ad esempio, “Se specifichi la città in cui vivi nelle tue istruzioni e utilizzi un plug-in che ti aiuta a effettuare prenotazioni di ristoranti, il modulo potrebbe includere la tua città quando chiama il plug-in”. Ma la società avverte anche nell’interfaccia ChatGPT che le istruzioni personalizzate, come i prompt, sono condivise con i fornitori di plug-in.

La società afferma che mentre le istruzioni personalizzate verranno applicate a tutte le chat future una volta abilitate, la nuova funzionalità potrebbe non funzionare perfettamente durante il beta test. ChatGPT può omettere istruzioni o applicarle in contesti per i quali non erano previste. Per ora, OpenAI spera di raccogliere feedback sulla funzione dagli utenti durante il periodo beta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *