La NSO israeliana indaga sull’uso del suo software Pegasus per spiare i diplomatici statunitensi

Reuters Amir Cohen

La società israeliana “NSO”

NSO, l’azienda israeliana che ha sviluppato lo spyware Pegasus, ha rivelato che sta indagando su rapporti secondo cui la tecnologia dell’azienda è stata utilizzata per prendere di mira iPhone appartenenti a diplomatici statunitensi in Africa.

“Oltre all’indagine indipendente che ha aperto, coopererà con qualsiasi autorità governativa competente e le fornirà tutte le informazioni che avremo”, si legge in una nota.

Ha aggiunto: “Sebbene l’uso del suo software non sia stato confermato, ha scelto di interrompere l’accesso di alcuni client ai suoi sistemi a causa della gravità delle accuse riportate da (Reuters) e (Washington Post).”

Il quotidiano americano ha riferito che Apple ha avvertito 11 diplomatici americani che i loro iPhone erano stati hackerati negli ultimi mesi e ha citato persone che avevano familiarità con la questione, affermando che “gli attacchi si sono concentrati su funzionari che lavorano in Uganda o nell’Africa orientale”.

Gli scandali hanno circondato Pegasus da quando sono emerse notizie secondo cui è stato utilizzato da agenti del governo straniero per prendere di mira i telefoni di attivisti per i diritti umani, personale dell’ambasciata e altri.

Da parte sua, Apple ha intentato una causa contro la società il mese scorso, cercando di impedire a “NSO” di utilizzare i suoi servizi per colpire più di un miliardo di dispositivi “iPhone” nel mondo.

Poche settimane prima che la causa fosse intentata, le autorità statunitensi hanno inserito nella lista nera NSO per limitare le sue esportazioni per le accuse secondo cui “la società israeliana ha consentito ai governi stranieri di esercitare la repressione transfrontaliera”.

READ  Commenti: Non a tutti piacerà la nuova versione di Windows: le impostazioni standard causeranno grattacapi

Il programma Pegasus consente di leggere messaggi di testo nel telefono della persona bersaglio, cercare le sue foto, tracciare la sua posizione e persino accendere la fotocamera a sua insaputa.

Il cosiddetto attacco “zero-click”, in grado di danneggiare silenziosamente il dispositivo bersaglio, è stato identificato dai ricercatori del Citizen Lab, un’organizzazione di sicurezza informatica in Canada.

Fonte: “AFP”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *