La nostra stella più vicina potrebbe essere molto infernale per tutta la vita. Ecco perché.

Proxima bIl pianeta extrasolare più vicino al nostro sistema solare, è stato un punto focale di studio scientifico da quando è stato confermato per la prima volta (nel 2016). Questo pianeta terrestre (noto anche come roccioso) orbita attorno a Proxima Centauri, una stella di tipo M (nana rossa) situata a 4,2 anni luce al di fuori del nostro sistema solare, parte del sistema Alpha Centauri. Oltre alla sua vicinanza e alla formazione rocciosa, si trova anche all’interno della zona abitabile della sua stella madre (HZ).

Anche una missione può essere inviata su questo pianeta (es Innovazione Starshot), Gli astrobiologi sono costretti a presumere che la vita possa esistere lì. Sfortunatamente, una campagna internazionale che aveva monitorato Proxima Centauri per diversi mesi utilizzando nove telescopi terrestri e spaziali ha recentemente rilevato un intenso bagliore proveniente dalla stella, che avrebbe reso Proxima Centauri inabitabile.

Ha guidato la campagna Meredith A. McGregorÈ assistente professore di astrofisica presso l’Università del Colorado Boulder, e include membri di Carnegie Institution for ScienceE il Sydney Institute of Astronomy (Siva), CSIRO Astronomia e Scienze Spaziali, Space Telescope Science Institute (STScI) e Harvard Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) e più università.

L’impressione di questo artista mostra Proxima b in orbita attorno alla stella nana rossa Proxima Centauri, la stella più vicina al Sistema Solare. ESO / CE. Coltelli per cereali

Le stelle di tipo M come Proxima Centauri sono una classe di stelle di piccola massa con bassa luminosità note per essere variabili e instabili rispetto ad altre classi. In particolare, queste stelle sono suscettibili alle esplosioni, che si verificano quando c’è uno spostamento nei loro campi magnetici che accelera gli elettroni a una velocità prossima alla luce (NLS). Questi elettroni interagiscono con il plasma della stella, provocando un’eruzione che produce emissioni attraverso l’intero spettro elettromagnetico (EM).

READ  NASA: La sonda spaziale Curiosity della NASA è passata su Marte in nuvole simili alla Terra

Per quantificare i bagliori di Proxima Centauri, il team di ricerca ha osservato la stella per 40 ore nell’arco di diversi mesi nel 2019. Ciò includeva Matrice Australian Pathfinder di chilometro quadrato (ASKAP), Atacama matrice grande millimetro / metro (Alma), Telescopio spaziale Hubble (HST), Transito satellitare per rilevare pianeti extrasolari (Tess) W. Telescopio Du Pont.

Questi telescopi hanno registrato un enorme bagliore il 1 ° maggio 2019, mentre hanno catturato l’evento mentre hanno prodotto un ampio spettro di radiazioni elettromagnetiche e ne hanno monitorato i tempi e l’energia con dettagli senza precedenti. Come ha spiegato MacGregor in un recente rapporto della Carnegie Science comunicato stampa:

“La stella è diventata naturalmente 14.000 volte più luminosa se vista a lunghezze d’onda ultraviolette per un periodo di pochi secondi … Se ci fosse vita sul pianeta più vicino a Proxima Centauri, dovrebbe apparire molto diversa da qualsiasi cosa sulla Terra. passa un brutto momento. “

Poiché le nane rosse sono un po ‘deboli rispetto ad altri tipi di stelle, è improbabile che i bagliori producano molto in termini di luce visibile. Normalmente, gli astronomi si considererebbero fortunati se potessero individuare bagliori di questo tipo con solo due strumenti. Questa campagna ha segnato la prima volta che gli astronomi sono stati in grado di ottenere una copertura a più lunghezze d’onda del bagliore stellare, consentendo loro di osservare l’enorme aumento dei raggi ultravioletti e delle onde millimetriche.

La rappresentazione di un artista dell’interno di una stella di piccola massa, come quella mostrata nell’immagine a raggi X di Chandra nel riquadro.NASA / CXC / M. Weiss

I risultati della squadra, che sono apparsi in The Astrophysical Journal Letters Il 21 aprile si è formata una delle strutture anatomiche più profonde del bagliore emesso da qualsiasi stella nella nostra galassia. In futuro, questi segnali potrebbero aiutare i ricercatori a raccogliere più informazioni su come le stelle generano razzi, che potrebbero avere enormi implicazioni per gli studi sugli esopianeti e per l’abitabilità. Sfortunatamente, non promette nulla di buono per pianeti come Proxima b.

READ  SpaceX costruirà un lander lunare per la NASA per riportare gli umani alle notizie sulla tecnologia lunare, Firstpost

Questa ricerca è l’ultima di una serie di articoli e studi condotti dalla scoperta di Proxima b che indicano che il sistema non è adatto alla vita. Essendo l’esopianeta più vicino alla Terra e situato nella regione di Hertz della stella, Proxima b è il candidato più probabile per il monitoraggio di follow-up e le indagini vitali astronomiche. Ma secondo questo ultimo studio, i bagliori emessi hanno probabilmente reso il pianeta sterile per molto tempo. Come Weinberger spiegato:

“Proxima Centauri è l’era del Sole, quindi ha soffiato i suoi pianeti con bagliori ad alta energia per miliardi di anni. Studiare questi intensi bagliori utilizzando diversi osservatori ci permette di capire cosa hanno sopportato i loro pianeti e come sono cambiati. Ora sappiamo che questi osservatori molto diversi che operano a lunghezze d’onda molto diverse possono vedere lo stesso battito cardiaco veloce e vivace “.

Oltre a Proxima Centauri, i risultati potrebbero avere implicazioni per tutti i pianeti in orbita all’interno della regione Hz delle nane rosse. Le nane di tipo M sono il tipo più comune di stella nella nostra galassia e rappresentano circa il 70% delle stelle dell’intero universo. Chi ha finito 4375 esopianeta Ciò è stato confermato finora, un numero statisticamente significativo di pianeti “simili alla Terra” è stato trovato in orbita attorno a nane di tipo M.

Illustrazione di un artista di un ipotetico esopianeta in orbita attorno a una nana rossa.NASA / Agenzia spaziale europea / GE. Aeroporto di Beacon (STScI)

Ciò ha portato molti astronomi a ipotizzare che il posto migliore per trovare pianeti rocciosi potenzialmente abitabili siano i sistemi di stelle nane rosse. Perché ciò sia vero, la maggior parte di queste stelle deve essere significativamente meno energetica di Proxima Centauri. Su una nota più positiva, la ricerca suggerisce che i nostri vicini stellari più vicini potrebbero avere più sorprese per gli astronomi, come tipi di razzi precedentemente sconosciuti che esibiscono una fisica strana.

READ  Il gigantesco buco nero M87 inizia a rivelare i suoi segreti

Questa ricerca è stata condotta con il supporto del Goddard Space Center della NASA.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su: L’universo oggi di Matt Williams Leggi il L’articolo originale è qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *