La NASA in azione per tornare sulla luna

(Houston) “Lavoro qui da 37 anni ed è la cosa più eccitante in cui sia mai stato coinvolto. Rick LaBrude è il direttore di volo della NASA e alla fine del mese è in una storica missione spaziale: il primo nel programma per celebrare il ritorno degli americani sulla Terra, la luna.

Inserito alle 6:43

“Non riuscirò a dormire molto, questo è certo”, ha detto all’AFP il giorno prima del decollo, davanti a dozzine di schermi nella sala di controllo di volo a Houston, in Texas.

Per la prima volta dall’ultima missione Apollo nel 1972, un razzo – il razzo più potente del mondo – spingerà una capsula abitabile in orbita attorno alla Luna, prima di tornare sulla Terra. A partire dal 2024, gli astronauti si imbarcheranno per lo stesso volo e l’anno successivo (al più presto) metteranno nuovamente piede sulla luna.

Per questa missione di prova di 42 giorni, denominata Artemis 1, ci saranno una decina di persone nella sala del famoso “Mission Control Center”, aggiornato per l’occasione in ogni momento.

Le squadre hanno praticato il piano di volo per tre anni.

“È tutto completamente nuovo. Un razzo completamente nuovo, una nave completamente nuova, un centro di controllo completamente nuovo”, riassume Brian Berry, che sarà al controllore di rotta subito dopo il lancio.

“Posso dirti che il mio cuore sta andando ‘bum bam, bam bam’, ma mi assicurerò di rimanere concentrato”, dice, accarezzandosi il petto.

raccolta della luna

Fuori dalla sala di controllo, l’intero Johnson Space Center di Houston è impostato su tempi lunari.

READ  Notte stellata: scopri 6 suggerimenti per sfruttare al meglio la scena del cielo notturno

Al centro dell’enorme stagno profondo più di 12 metri dove si addestrano gli astronauti, è stata tirata una tenda nera. Da un lato rimane la replica sommersa della Stazione Spaziale Internazionale. In fondo all’acquario, invece, si crea gradualmente un ambiente lunare, con giganteschi modelli di rocce, realizzati da un’azienda specializzata in decorazioni per acquari.

Foto Marc Felix, Agence France-Presse

Dock di addestramento al Neutral Buoyancy Laboratory della NASA a Houston.

“Abbiamo iniziato a mettere sabbia sul fondo di una piscina solo pochi mesi fa. I grandi massi sono arrivati ​​due settimane fa”, ha spiegato Lisa Shore, vicepresidente di questo laboratorio di galleggiabilità (NBL), “Tutto è ancora in fase di sviluppo. »

In acqua, gli astronauti possono provare una sensazione vicina all’assenza di gravità. Per l’allenamento lunare, vengono pesati in modo da sentire solo un sesto del proprio peso.

Da una stanza sopra la piscina, vengono istruiti in lontananza, con una differenza di tempo di quattro secondi che incontrerebbero sulla luna.

Sei astronauti sono già stati addestrati lì e altri sei seguiranno entro la fine di settembre, indossando per la prima volta le nuove tute lunari della NASA.

“Il periodo di massimo splendore di questo edificio è stato quando stavamo ancora volando navette e costruendo la stazione spaziale”, ha affermato John Haas, presidente della NBL. All’epoca venivano condotti 400 esercizi congiunti all’anno, rispetto ai circa 150 di oggi. Ma il programma Artémis sta portando nuovo slancio.

Al momento della visita dell’AFP, ingegneri e subacquei stavano valutando come spingere un rover sulla superficie lunare.

“Nuova età dell’oro”

Gli allenamenti in acqua possono durare fino a sei ore. “È come correre una maratona, due volte, ma con le mani”, afferma Victor Glover, un astronauta della NASA tornato da sei mesi nello spazio l’anno scorso.

READ  Novità scientifiche a piccole dosi

Oggi lavora in un edificio interamente dedicato ai simulatori. Il suo ruolo è quello di aiutare a “controllare procedure e attrezzature”, in modo che quando finalmente verranno scelti coloro che stanno andando sulla luna (di cui il signor Glover potrebbe essere uno di loro), possano prepararsi intensamente e rapidamente prepararsi per “andare”.

Grazie ai visori per realtà virtuale, potranno abituarsi a camminare nelle difficili condizioni di illuminazione del polo sud della luna, dove atterreranno le missioni Artemis. Lì, il sole sorge un po’ sopra l’orizzonte, proiettando costantemente ombre lunghe e molto nere.

Foto Marc Felix, Agence France-Presse

Un modello di Orion a media risoluzione è in mostra al Johnson Space Center di Houston.

Dovranno anche conoscere nuove navi e i loro programmi, come la capsula Orion. In uno dei simulatori, seduto al posto del comandante, devi dare il joystick per attraccare con la futura stazione spaziale lunare, Gateway.

Altrove, una replica della capsula, con un volume di 9 metri cubi per quattro passeggeri, è stata utilizzata in esercizi a grandezza naturale.

Gli astronauti “stanno facendo un sacco di addestramento sull’evacuazione di emergenza qui”, afferma Debbie Kurth, vice project manager del Project Orion, su cui ha lavorato per più di un decennio.

“Le persone sono eccitate”, dice in tutto il centro spaziale.

Per la NASA, “certamente, penso che sia una nuova età dell’oro” è iniziata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.