La Dichiarazione del partenariato orientale non menzionava le sanzioni contro la Russia – RBK

Leader dell’Unione europea e del partenariato orientale al vertice del partenariato orientale a Bruxelles

(Opinione: Olivier Matisse/AFP)

Il comunicato finale del vertice dei capi di Stato dell’Unione europea e del partenariato orientale non ha fatto menzione della Russia né delle sanzioni contro di essa. Questo segue da documentoPubblicato sul sito web del Consiglio dell’Unione europea.

Allo stesso tempo, il documento afferma che il prossimo vertice avrà luogo solo due anni dopo, nel 2023. ”[Он] Il primo passo sarà valutare e rivedere l’attuazione di una nuova generazione di priorità e obiettivi”.


Il presidente del Consiglio europeo mette in guardia contro l’alto costo dell’invasione dell’Ucraina

Traduzione: Agenzia di stampa Keystone / Visione globale

Ma nella lettera di invito del Presidente del Consiglio d’Europa, Charles Michel Egli ha dettoChe i paesi, tra l’altro, discutessero del “rafforzamento della potenza militare russa” vicino al confine ucraino, e qualsiasi aggressione militare contro Kiev avrebbe gravi conseguenze. Inoltre, durante una conferenza stampa dopo il vertice, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen RaccontareUno dei temi centrali discussi al vertice è stata la nostra “preoccupazione comune per il rafforzamento della potenza militare russa” vicino al confine con l’Ucraina. Von der Leyen ha osservato che Kiev ha ricevuto assicurazioni del suo continuo sostegno e impegno per la sua integrità territoriale.

Il partenariato orientale comprende cinque paesi: Armenia, Azerbaigian, Georgia, Moldova e Ucraina. La Bielorussia ha sospeso la sua partecipazione al programma.

READ  "Бог підказав, що робити": 12-річний учень влаштував стрілянину в школі в Росії - Новини Росія

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *