La corte ha sentito che Jimmy Lai ha dato significativi contributi finanziari all'opposizione di Hong Kong e ai gruppi politici statunitensi prima di fermare la legge sulla sicurezza nazionale.

La corte ha sentito che Jimmy Lai ha dato significativi contributi finanziari all'opposizione di Hong Kong e ai gruppi politici statunitensi prima di fermare la legge sulla sicurezza nazionale.

“Lai ha una lunga storia di finanziamento di entità nazionali ed estere con background politico”, ha detto il pubblico ministero Crystal Chan Wing Sum, citando il rapporto, il nono giorno del processo.

La corte ha appreso che tra i beneficiari figurano l'ex deputato Au Nok Hin, il Partito democratico, il Partito civico, il Partito dei lavoratori, la Lega dei socialdemocratici e l'Alleanza di Hong Kong a sostegno dei movimenti democratici nazionali in Cina, l'organizzatore della veglia annuale nella piazza Tiananmen della città. .

Il presidente di Hong Kong Jimmy Lai ha donato più di 8,9 milioni di dollari di Hong Kong a un gruppo anti-cinese

Tutti i pagamenti evidenziati nell’udienza di mercoledì, tranne uno, sarebbero stati effettuati prima che una legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino entrasse in vigore nel giugno 2020.

«È chiaro che Lai ha usato Simon [bank] “Ha utilizzato il conto per dissipare i suoi soldi per anni per scopi sospetti”, ha detto Chan del rapporto.

Sebbene la difesa non abbia contestato la veridicità delle cifre contenute nel rapporto, l'avvocato di Lai, Stephen Kwan Man Wai, si è lamentato del “linguaggio colorito e drammatico” utilizzato nella dichiarazione di Hong e ha esortato la corte a leggerla con cautela.

Il giudice Alex Li Wan-tang, uno dei tre giudici della Corte Suprema che hanno ascoltato il processo, ha fatto eco a questo punto di vista e ha detto: “Ci sono alcune cose che Hong ha detto che penso siano di competenza della corte”. [to decide]”.

Il rapporto ha fornito uno sguardo sul vasto patrimonio di Lai, il cui reddito si dice derivi principalmente dalla negoziazione di titoli all’estero.

(Da sinistra) L'attivista veterano Martin Li Chu Ming, Joseph Zinn e Jimmy Lai nel 2019. Foto: Dixon Li

La corte ha appreso che l'uomo d'affari ha ricevuto un totale di 2,945 miliardi di dollari di Hong Kong in depositi attraverso nove conti bancari personali nel corso degli anni, con beni che includevano Hong Kong, Taiwan, Singapore, Stati Uniti e Canada.

Lai ha anche concesso cinque prestiti agli azionisti per un totale di 500 milioni di dollari di Hong Kong a Next Digital, proprietaria di Apple Daily, quando la società operava in perdita tra giugno 2019 e luglio 2020.

Lai ha utilizzato il conto bancario personale di Simon come deposito temporaneo per trattenere più di 118 milioni di dollari di Hong Kong in fondi, di cui 93,26 milioni di dollari di Hong Kong distribuiti ai partiti politici e ai loro beneficiari, afferma il rapporto.

Gli investigatori hanno evidenziato transazioni tra Lai e cinque beneficiari che, secondo loro, sono avvenute senza ragioni chiare.

Il cardinale Zen è stato nominato il primo beneficiario della lista, con 3,5 milioni di dollari di Hong Kong trasferiti a suo nome nel 2017.

Wolfowitz, che ha servito come vice segretario alla Difesa degli Stati Uniti dal 2001 al 2005, avrebbe accettato sei pagamenti da Lai per un totale di oltre 1,76 milioni di dollari di Hong Kong tra il 2013 e il 2017.

L’American Enterprise Institute, un think tank conservatore di politica pubblica, ha ricevuto 116.403 HK$ tra il 2015 e il 2017.

Un testimone potrebbe iniziare a testimoniare contro l'ex presidente Jimmy Lai, ha riferito un tribunale di Hong Kong.

I restanti beneficiari sono Wayland Chan Tsz Wah, che si presume sia un membro chiave della cospirazione criminale di Lai, e il gruppo di difesa con sede in Gran Bretagna Hong Kong Watch. Secondo quanto riferito, hanno ricevuto rispettivamente 144.000 HK $ e 202.000 HK $.

Nel frattempo, si dice che Simon abbia trasferito più di 900.000 HK$ dal suo conto bancario personale a gruppi e individui con affiliazioni politiche.

Secondo quanto riferito, Lai e Simon hanno anche versato contributi per un ammontare di circa 22 milioni di dollari di Hong Kong utilizzando due società private sotto il loro controllo.

I pubblici ministeri hanno anche mostrato le riprese video dell'intervista di Lai con la polizia nel settembre 2020, condotta dopo il suo arresto.

Nell'intervista durata un'ora, Lai è stato visto resistere ripetutamente alle insinuazioni della polizia secondo cui era collegato ad Andy Lee Yeo Hin, uno dei presunti cospiratori dell'uomo d'affari.

Lai ha anche negato di essere a conoscenza di vari annunci politici che Lee avrebbe pubblicato all'estero, inclusi annunci negli Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Francia, Italia, Germania, Spagna, Svezia, Giappone e Corea del Sud.

La corte ha rinviato il caso a martedì prossimo affinché le due parti preparino le argomentazioni in merito al riferimento al rapporto dell'accusa, che conteneva le opinioni di un esperto sugli effetti giuridici delle sanzioni statunitensi su Hong Kong.

Lai è stato accusato di due capi di imputazione di cospirazione finalizzata alla collusione con forze straniere ai sensi di una legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino, e di un terzo di cospirazione invocando la legislazione sulla sedizione dell'era coloniale.

La corte ha appreso che Jimmy Lai di Hong Kong ha creato l'Apple Daily in lingua inglese per ottenere il sostegno degli Stati Uniti

I pubblici ministeri avevano precedentemente affermato che Lai, 76 anni, esercitava il controllo completo su Apple Daily e dava istruzioni allo staff editoriale senior quando il tabloid aveva pubblicato 161 articoli provocatori tra aprile 2019 e giugno 2021, 31 dei quali avrebbero anche chiesto sanzioni straniere dopo la sentenza nazionale. è entrata in vigore la legge sulla sicurezza.

Si dice anche che Lai abbia finanziato e coordinato una campagna di pressione internazionale intitolata “Fight for Freedom, Stand with Hong Kong” nel tentativo di persuadere gli Stati Uniti e i suoi alleati a imporre sanzioni e restrizioni commerciali, nonché a recidere accordi con Hong Kong. . Sull'estradizione dei fuggitivi e sull'assistenza giudiziaria reciproca.

READ  L'ex presidente della Camera Kevin McCarthy ha annunciato il suo ritiro dal Congresso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *