La corte americana blocca la nuova dura legge sull’immigrazione in Texas

La corte americana blocca la nuova dura legge sull’immigrazione in Texas
  • Scritto da Bernd Debusmann, Max Matza e Mattia Bubalo
  • Nuova BBC

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

L’SB4 conferirebbe agli agenti di polizia del Texas ampi poteri per arrestare gli immigrati

Un tribunale ha congelato la controversa legge sull'immigrazione del Texas, una delle più dure nel suo genere, in un caso seguito da vicino in tutti gli Stati Uniti.

La legislazione consentirebbe ai funzionari del Texas di detenere e perseguire chiunque ritengano sia entrato illegalmente nel paese, in sostituzione delle autorità federali.

La legge è entrata in vigore brevemente martedì, nel corso di alcune ore, nel corso di uno scambio legale tra i tribunali.

Mercoledì è previsto che la Corte d'Appello degli Stati Uniti esamini il caso.

La legge SB4 del Texas avrebbe dovuto entrare in vigore il 5 marzo, ma l’amministrazione del presidente Joe Biden ha posto il veto sulla base del fatto che la detenzione per immigrati dovrebbe rimanere nelle loro mani.

Il numero di arrivi di migranti al confine meridionale degli Stati Uniti è salito a livelli record durante la sua amministrazione, rendendoli una delle maggiori preoccupazioni tra gli elettori americani in vista delle elezioni presidenziali di novembre.

Ciò ha spinto il Texas ad adottare misure più forti al confine con il Messico e, se i tribunali confermassero la nuova legge, altri stati degli Stati Uniti potrebbero seguire l’esempio.

Il Messico ha criticato la nuova legge, descrivendola come anti-immigrazione e affermando che si rifiuterà di accettare qualsiasi immigrato deportato dalle autorità del Texas.

La decisione di congelare la legge è l'ultima di una serie di sentenze giudiziarie che ne determineranno il destino.

Se tornasse in vigore, rappresenterebbe un cambiamento importante nel modo in cui viene gestita l’applicazione delle norme sull’immigrazione, poiché i tribunali hanno precedentemente stabilito che solo il governo federale può far rispettare le leggi sull’immigrazione della nazione, non i singoli stati degli Stati Uniti.

Attraversare illegalmente il confine degli Stati Uniti è già un crimine federale, ma le violazioni vengono solitamente trattate come cause civili dal sistema giudiziario dell’immigrazione.

Secondo SB4, le sanzioni per l'ingresso o il rientro illegale in Texas vanno da 20 anni di prigione.

Non è chiaro se qualche migrante sia stato arrestato durante le poche ore in cui la legge è entrata in vigore per un breve periodo.

La sentenza è l’ultima di una serie di sentenze del tribunale sulla possibilità che SB4 possa andare avanti.

A gennaio, l’amministrazione Biden ha citato in giudizio lo stato del Texas e il mese successivo un tribunale distrettuale ha stabilito che l’SB4 era illegale.

Ne ha impedito l’entrata in vigore perché temeva che avrebbe portato ogni stato americano ad avere le proprie leggi sull’immigrazione.

Poco dopo, la Corte d’Appello del Quinto Circuito degli Stati Uniti con sede a New Orleans – la corte d’appello federale responsabile del distretto – ha affermato che la legge potrebbe entrare in vigore mentre esamina l’appello, a meno che non intervenga la Corte Suprema.

L’amministrazione Biden ha quindi presentato una richiesta d’urgenza alla Corte Suprema per mantenere una moratoria sul tribunale distrettuale mentre il caso procede.

Nel frattempo, il giudice della Corte Suprema Samuel Alito ha sospeso la legge per dare ai tribunali il tempo di decidere come procedere.

Martedì scorso, la Corte Suprema ha autorizzato l’entrata in vigore della misura mentre una corte d’appello federale di grado inferiore ne ha valutato la legalità.

Quindi, in un breve ordine martedì sera tardi, un collegio di tre giudici del Quinto Circuito ha votato per congelare la sentenza mentre esaminava l'appello.

Mercoledì è prevista l'udienza in tribunale.

Spiegazione video,

Guarda: riprese di carri allegorici e migranti nel Rio Grande

Storicamente, il governo federale ha creato leggi e regolamenti in materia di immigrazione, sebbene la Costituzione degli Stati Uniti non gli conferisca esplicitamente questi poteri.

È anche il governo federale che negozia trattati e accordi con altri paesi.

I repubblicani hanno spesso criticato la gestione del confine tra Stati Uniti e Messico da parte del presidente democratico Biden, che i sondaggi indicano come una delle principali preoccupazioni per gli elettori in vista delle elezioni della Casa Bianca di novembre.

Un sondaggio Gallup condotto lo scorso febbraio ha indicato che quasi un terzo degli americani ritiene che l’immigrazione sia il problema più grande che il Paese deve affrontare, prima del governo, dell’economia e dell’inflazione.

READ  В Амстердаме тяжело ранен журналист Питер Р. де Врис. Ему угрожал преступный мир

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *