La coalizione antijihadista indica un calo degli attacchi dello Stato islamico in Iraq e Siria

La coalizione antijihadista indica un calo degli attacchi dello Stato islamico in Iraq e Siria

Le Nazioni Unite stimano che il gruppo jihadista dello Stato islamico abbia “da 5.000 a 7.000 membri e sostenitori” in Iraq e Siria, “circa la metà dei quali combattenti”.

La coalizione internazionale che combatte il gruppo dello Stato islamico (IS) in Iraq e Siria ha dichiarato lunedì che quest’anno c’è stata una “riduzione degli attacchi” da parte dei jihadisti in entrambi i paesi.

Nel 2014, gli estremisti dello Stato islamico hanno scatenato il loro autoproclamato “califfato” in vaste aree di entrambi i paesi in una campagna segnata da uccisioni di massa, torture, stupri e schiavitù. Ma i contrattacchi sostenuti dagli Stati Uniti hanno posto fine al loro controllo territoriale in Iraq nel 2017 e in Siria nel 2019, eppure le cellule dell’ISIS continuano a prendere di mira le forze di sicurezza e i civili in entrambi i paesi.

Il maggiore generale Matthew MacFarlane, comandante delle forze armate statunitensi, ha dichiarato: “Dall’inizio di quest’anno in Iraq … durante la prima settimana di aprile, abbiamo assistito a una diminuzione record del 68% degli attacchi rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso .” Coalizione antijihadista.

“In Siria, abbiamo registrato un calo del 55% nello stesso periodo”, ha aggiunto.

Gli attacchi attribuiti ai militanti dell’ISIS quest’anno sono stati “relativamente piccoli, da un individuo a pochi individui”, ha detto MacFarlane, affermando che il gruppo “non è riuscito a organizzare o coordinare qualcosa di più nell’ultimo anno”.

Il generale ha affermato che il digiuno del Ramadan, che si è concluso la scorsa settimana, è stato “uno dei mesi più tranquilli degli ultimi anni”, rilevando un “calo dell’80% rispetto allo scorso anno” in Iraq e un calo del 37% in Siria.

READ  Nel Regno Unito sono stati emessi avvisi di temperatura severi poiché si prevede che le temperature raggiungeranno livelli record

Da febbraio, una serie di attacchi dell’ISIS contro i cacciatori di tartufi in Siria e le mine antiuomo lasciate dagli estremisti hanno ucciso almeno 240 persone, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Le Nazioni Unite hanno stimato in un rapporto di febbraio che lo Stato islamico avesse ancora “da 5.000 a 7.000 membri e sostenitori” in Iraq e nella vicina Siria, “circa la metà dei quali sono combattenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *