La Cina fa affidamento sulle scimmie geneticamente modificate per la ricerca scientifica

La Cina fa affidamento sulle scimmie geneticamente modificate per la ricerca scientifica

I ricercatori cinesi hanno creato macachi geneticamente modificati che sono considerati leggermente più “umani” rispetto ai loro omologhi. Queste scimmie geneticamente modificate sono state poste davanti a una finestra perforata grande quanto il loro braccio e hanno avuto più successo rispetto alle scimmie normali nell'afferrare il cibo posto in punti difficili da raggiungere. Ulteriori test mostrano che il gene aggiunto al loro genoma, SRGAP2C, è effettivamente coinvolto nello sviluppo del cervello. Lo studio condotto dal professor Su Ping, dell'Istituto di zoologia di Kunming (Yunnan), che fa capo all'Accademia cinese delle scienze, è stato pubblicato nel novembre 2023. In una rivista scientifica cinese.

Questo è il secondo studio condotto da questo team per testare l'effetto dell'aggiunta della versione umana del gene espresso nel nostro cervello nei primati non umani. Nel 2019, ha fatto notizia con uno studio che coinvolge un altro gene, MCPH1, la cui disfunzione negli esseri umani porta alla microcefalia. In effetti, i macachi geneticamente modificati hanno sperimentato uno sviluppo cerebrale più lento, in linea con quanto osservato negli esseri umani, ma hanno mostrato una memoria superiore rispetto alle loro controparti non ingegnerizzate. Un risultato sorprendente Alcuni esperti di etica occidentali se ne sono accorti. Secondo Su Ping, questa ricerca fornisce una migliore comprensione dei milioni di anni di evoluzione che hanno permesso agli esseri umani di differenziarsi dalle scimmie.

Leggi anche | In Cina, gli scienziati hanno trapiantato un gene del cervello umano nelle scimmie

Nel campo della modificazione genetica dei NHP, la Cina è leader. Lo stesso vale per la clonazione: il 15 gennaio un team dello Shanghai Neuroscience Institute Ha pubblicato un articolo Spiegare il successo di una nuova tecnica di clonazione che due anni fa ha portato alla nascita di un macaco rhesus, tuttora vivo. I biologi cinesi credono di aver trovato un modo per migliorare leggermente il successo delle procedure di clonazione. Dalla sperimentazione sulle pecore di Dolly nel 1996, il tasso di successo di queste procedure è stato basso: dall'1% al 3% per la maggior parte delle specie e dal 5 al 20% per i bovini.

READ  Dove e quando vedete la "Super Pink Moon" a Rouen sabato?

Per la ricerca scientifica il trasferimento genico e la clonazione sono strumenti promettenti: avere gruppi di scimmie con genomi identici, come nel caso dei topi da laboratorio, è interessante. Modificare i loro geni ci permette di comprendere meglio l’evoluzione e forse alcune malattie umane.

Riproduzione lenta

“Le scimmie hanno un ruolo insostituibile nello studio del funzionamento del sistema nervoso centrale e delle malattie neurologiche come il Parkinson e l’Alzheimer”.“Tuttavia, la ricerca non è pronta per produrre linee di macachi dotati di cervello”, afferma Su Ping “umanizzare”stima il ricercatore. “La prima questione è etica: non mi sembra opportuno modificare alcuni geni, come quelli coinvolti nello sviluppo del linguaggio, ad esempio. Al momento abbiamo selezionato con cura i geni che modifichiamo. Poi ci sono ostacoli tecnici Anche se lo strumento Crispr-cas9, la modifica del genoma della scimmia rimane estremamente difficile.

Hai il 60% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *