La biodiversità in Brasile | Una corsa contro il tempo per gli scienziati in Amazzonia

(Manicure) “La distruzione avanza più velocemente della conoscenza”, lamenta Francisco Varonay, un botanico che teme che le specie scompaiano prima ancora che siano conosciute a causa della deforestazione in Amazzonia.

Inserito ieri alle 6:55

Jordi Mero
Agenzia media francese

Per conto dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sull’Amazzonia (INPA), questo giovane scienziato peruviano sta studiando la biodiversità e cercando di identificare nuove specie in un’area ancora preservata, ai margini della più grande foresta tropicale del pianeta.

Usando una falce, taglia un pezzo di corteccia di un albero maestoso e appoggia il naso sul tronco per annusarlo.

La foresta pluviale amazzonica è sempre più minacciata dall’agricoltura illegale, dall’estrazione dell’oro o dal traffico di legname. La sua biodiversità estremamente ricca conserva ancora un grande mistero, che gli scienziati stanno cercando di svelare nel miglior modo possibile.

“E’ una corsa contro il tempo”, afferma il botanico.

La sua spedizione, organizzata da Greenpeace con una quindicina di scienziati, si svolge in una delle aree meglio conservate dell’Amazzonia, nel sud dello stato settentrionale dell’Amazzonia.

Per arrivarci, devi prendere un piccolo aereo da Manaus, la città più grande dell’Amazzonia, e poi volare su centinaia di chilometri di foresta verde smeraldo, verso Manikuri.

Il resto del viaggio viene effettuato in barca a motore, percorrendo cinque ore di navigazione nelle scure acque del fiume Manikuri.

FOTO MAURO PIMENTEL, Francia Stampa

Missione di Francisco Varonay e dei suoi colleghi: fare un inventario della fauna e della flora locali e quindi conferire all’area lo status di Zona di Sviluppo Sostenibile (RDS), un tipo di riserva naturale protetta dalle autorità.

READ  Gli scienziati hanno identificato una nuova classe di esopianeti - RT in russo

Da diverse settimane botanici e biologi specializzati in mammiferi, uccelli, rettili, pesci e anfibi esplorano la foresta per campionare piante o installano telecamere e microfoni per studiare il comportamento animale.

La biodiversità è per sempre sconosciuta

Ironia della sorte, il giornale che un botanico usava per spremere un fiore presenta un articolo intitolato “Un aumento della deforestazione in Amazzonia”, con immagini di camion carichi di enormi casse.

“La maggior parte delle specie vegetali in Amazzonia cresce solo in luoghi specifici. Conosciamo solo il 60% delle specie arboree e, una volta che un’area è interessata dalla deforestazione, parte della biodiversità viene spazzata via e rimane sconosciuta per sempre”, ha affermato il ricercatore dell’Inpa Alberto Vicentini. .

FOTO MAURO PIMENTEL, Francia Stampa

Secondo uno studio del gruppo Mapbiomas, l’Amazzonia ha perso 74 milioni di ettari di vegetazione autoctona dal 1985 al 2020, la dimensione del Cile.

La deforestazione si è intensificata sotto il governo del presidente di estrema destra Jair Bolsonaro, che gli ambientalisti accusano di promuovere l’impunità per i minatori d’oro e i commercianti di legname, con tagli al budget per controllare gli organi responsabili della loro punizione.

Da quando è salito al potere nel gennaio 2019, la deforestazione annuale è aumentata in media del 75% rispetto al decennio precedente.

“Viviamo in un periodo di oscurantismo e di negazione scientifica, come abbiamo visto durante la pandemia di COVID-19. Alberto Vicentini insiste sul fatto che ci sono anche molti tagli di budget nella ricerca.

I fondi pubblici per la ricerca sono in calo da dieci anni. L’Accademia brasiliana delle scienze (ABC) e la Società brasiliana per l’avanzamento della scienza (SBPC) stimano che questi tagli al budget raggiungeranno i 3 miliardi di real (circa 715 milioni di dollari canadesi) quest’anno.

READ  Cos'è la malattia di Parkinson?

“Fai un passo indietro”

Dopo aver navigato per un’ora sul fiume Manicoré, una barca percorre l’igarapé, un piccolo ruscello che avanza nella vegetazione dove le foglie si riflettono nell’acqua cristallina.

Sulla nave, tre biologi ittici gettano le reti per osservare se le specie fossero le stesse del fiume principale.

“Ci sono posti in cui nessuno è mai stato prima. Senza mezzi adeguati per condurre ricerche, non abbiamo le informazioni necessarie per spiegare perché è importante preservare queste aree”, spiega Lucia Raab di Daniel, PhD, ecologia ed evoluzione biologo.

“Dobbiamo accelerare la ricerca per arrivare in tempo prima della distruzione, ma piuttosto stiamo facendo dei passi indietro”, si lamenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.